Stampa la notizia

REGIONALI LAZIO.SILVIO BERLUSCONI:ALLEANZA NAZIONALE DILETTANTI ALLO SBARAGLIO.

Roma 1 Marzo 2010 (Corsera.it)

Non si è fatta attendere la replica del Premier SIlvio Berlusconi agli alleati di Alleanza NAzionale,definiti "Dilettanti allo sbaraglio!".La lotta intestina per la guida del partito tra Gianfranco Fini e Silvio Berlusconi,ha avuto come sbocco inesorabile,la bocciatura del candidato Renata Polverini,come una stoccata di frustino sulle mani del Presidente della Camera.

continua interno

Il Corriere della Sera.ROMA - "Che dilettanti". Il pasticcio della lista romana del Pdl lascia il premier Berlusconi basito ancor più che "sconcertato", come pure ha detto parlando da Arcore con la candidata Renata Polverini. Ce l'ha con l'entourage finiano della squadra, con gli uomini di Alemanno che guidano il Pdl nel Lazio (espressione del sindaco, il coordinatore Vincenzo Piso) e con chi ha gestito la partita delle liste. "Si credono professionisti della politica, ma sono solo dei dilettanti, avevo chiesto di migliorare la lista, non di boicottarla" sarebbe sbottato il Cavaliere nella giornata di relax, poi conclusa con la cena con intellettuali a Villa Gernetto.

Il fatto è che il presidente del Consiglio sa bene di non essere del tutto esente da responsabilità in questa faccenda che, nei suoi incubi, rischia di compromettere l'intero pallottoliere delle regionali. Raccontano che sabato mattina Berlusconi abbia indossato i panni del leader Pdl per prendere in mano la situazione nel Lazio, per nulla rassicurato dai numeri della Polverini, riscontrati nell'ultimo sondaggio della fidatissima Alessandra Ghisleri. Pochi i 2 punti di vantaggio assegnati da Euromedia Research (anche sull'ultimo Panorama) alla loro candidata rispetto alla Bonino (49 a 47). E se il berlusconiano Alfredo Milioni si è allontanato per poi rientrare nel tribunale di Roma a ridosso della dead line per le liste, è stato proprio per raccogliere le correzioni dell'ultimora, provenienti proprio dal premier. Di più, sembra che in quelle ore sia balenata nella mente di Berlusconi anche l'idea di guidare in prima persona la lista Pdl nel Lazio. Idea poi accantonata. Ma nel tira e molla concitato delle battute finali si è consumato