Domenica 03 Luglio 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Esteri
  • CORSERA UCRAINA GLI ORRORI DEL MACELLAIO VLADIMIR PUTIN I CADAVERI DEI SOLDATI RUSSI ABBANDONATI NEI VAGONI FREEZER ...

CORSERA UCRAINA GLI ORRORI DEL MACELLAIO VLADIMIR PUTIN I CADAVERI DEI SOLDATI RUSSI ABBANDONATI NEI VAGONI FREEZER

Mosca 11 maggio 2022 by dr.Matteo Corsini GRA 

Mia nonna era russa, si chiamava Alessandra Dubina, ed era giunta in Italia, scampando agli orrori della guerra e della rivoluzione bolscevica. Mi ha sempre detto che la sua vita si poteva paragonare ad una catena di ferro, alle cui intersezioni vi era una lacrima del dolore che aveva sopportato nella sua vita, lei figlia di una Guardia Imperiale delll'ultimo Zar di tutte le Russie Nicola II Nikolaj Aleksandrovic Romanov. La sua famiglia venne sterminata dalla furia dei comunisti , lo zio materno gettato dal balcone del palazzo Novorossiysk, dove vivevano, la madre di origine polacche, morta di  fame per continuare a sfamare i figli. I fratelli perseguitati e finiti nei gulag di Stalin. Questo orrore lo ricordo bene nelle memoria della mia vita. Ricordo mia nonna scampata al gulag, rifugiata in Italia , così come l'altra mia Zia Elisabetta Schulman ebrea austriaca, anche lei rifugiata nella villa dei fratelli GRA a Via Giuseppe Mangili, per scampare ai rastrellamenti dei fascisti e dei nazisti. Oggi rivivo con i miei occhi gli orrori di quelle guerre dimenticate, dell'odio feroce e dei massacri della storia. Tutto questo faceva parte del passato ed oggi torna a galla, come un cadavere che mostra il suo volto senza occhi, svuotato della propria anima.

Mi domando cosa resta degli amici russi, della storia che ci lega a questo paese meraviglioso, popolato di gente fiera, menti raffinatissime, scrittori e poeti leggendari. Mi chiedo che cosa sia accaduto per aver impresso questo cambio di rotta nelle relazioni con il mondo intero e con noi italiani. Non c'è ragione logica, giustificabile.

Per quanto la guerra del Donbass possa avere riferimenti storici, originarsi dal lontano 2014, niente e nessuna cosa potrà mai giustificare gli orrori dell'invasione russa nei territori dell'Ucraina. E parlo da russo e italiano. Orrore nel vedere migliaia di soldati russi mandati allo sbaraglio al fronte per essere massacrati dalla resistenza ucraina. Orrore per procurare l'omicidio dei propri figli della Santa Madre Russa e disgusto per la distruzione di migliaia di abitazioni civili provocando dolore e sofferenze inaudite a popolazioni inermi. Disgusto e orrore per l'accanimento di Vladimir Putin nel pretendere di vedere massacrati i soldati del battaglione Azov, barricati dentro le " catacombe" della acciaieria. La Russia ha scatenato l'Inferno in Terra, per dare la caccia a 2000  soldati indicati come "Nazisti " , quando sarebbe bastato documentare eventuali crimini perpetuati dagli stessi, senza devastare una nazione, uccidere donne e bambini.  Da russo, devo gridare il mio orrore a questa guerra per ricordare le vittime, per oppormi con qualsiasi mezzo a questo masscro inaudito spaventoso che non ha senso se non nella testa di uno psicopatico che minaccia il mondo con la paura di una guerra atomica.

Ciò che maggiormente allarma, la recitazione del capo di Stato, di Vladimir Putin, che cerca di offrire al mondo l'immagine di uno statista in grado di offrire al mondo intero la caricatura di se stesso " Abbimao reagito alle provocazioni della NATO....abbiamo dato corpo ad un atto preventivo " . Quello che vediamo è un dittatore sanguinario che non possiede alcun rispetto della vita umana, non ha alcun rispetto del dolore delle madre della Santa Madre Russia, che ha strappato dal loro seno decine di migliaia di giovani ragazzi, che avrebbero avuto il diritto di vivere la loro adolscenza, ubriacarsi, andare in discoteca, trovarsi un amore e vivere come tutti gli altri ragazzi del mondo, in pace in armonia, gestendo le difficoltà della esistenza umana, come tutti noi. Non hanno avuto scampo, non hanno avuto chance, loro sono le prime vittime di questa guerra atroce, proprio quei soldati russi i cui corpi straziati oggi sono stati ritrovati nei freezer del treni , abbandonati a se stessi, sacrificati dalla follia di chi si professa loro Presidente, padre, amico, compagno difensore della Patria. Se il mondo civilizzato ha paura di Vladimir Putin, allora l'umanità non avrà futuro. Questi dittatori sanguinari vanno processati e condannati arrestati e gettati in galera. Non c'è altro a cui pensare. 

 

A Izyum scoperti i corpi di 44 civili sotto le macerie di un edificio di cinque piani distrutto dai russi. L'Oms ha verificato 200 attacchi a strutture sanitarie in Ucraina dall'inizio della guerra.

Intanto decine di cadaveri di soldati russi sono stati abbandonati senza sepoltura quando le truppe di Mosca si sono ritirate dalla regioni di Kiev e Kharkiv. Al Jazeera scopre numerosi corpi, ammassati in un vagone refrigerato di un treno nella regione di Kiev. Il capo dell'amministrazione militare di Kharkiv parla di cadaveri trovati "per le strade, nelle case". "Non sono stati nemmeno sepolti, li hanno lasciati nelle discariche. Quando si ritirano, non prendono i corpi dei loro soldati", ha spiegato. Un militare ucraino dice che i suoi compatrioti "hanno trattato i morti dei nemici meglio di come loro hanno trattato i civili". 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.