Domenica 27 Novembre 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Immobiliare Roma
  • CORSERA UCRAINA RUSSIA TREGUA PER I CORRIDOI UMANITARI. ESERCITO RUSSO STA PER ENTRARE A KIEV...

CORSERA UCRAINA RUSSIA TREGUA PER I CORRIDOI UMANITARI. ESERCITO RUSSO STA PER ENTRARE A KIEV

La Russia ha annunciato un cessate il fuoco per permettere corridoi umanitari in Ucraina dalle 9 di domani mattina (le 8 in Italia) per l'evacuazione dei civili da Kiev, Chernihiv, Sumy, Kharkiv e Mariupol.

Lo ha dichiarato il ministero della Difesa di Mosca, citato dalla Tass.

I corridoi umanitari erano già stati annunciati stamani, ma poi non sono stati messi in atto con accuse reciproche di sabotaggio. 

"Piccoli sviluppi positivi nel miglioramento della logistica per i corridoi umanitari". Il dramma di centinaia di migliaia di ucraini intrappolati sotto i bombardamenti russi è tutto racchiuso in queste scarne dichiarazioni del negoziatore di Kiev Mikhaylo Podolyak.

Al termine del terzo round di colloqui con Mosca in Bielorussia nell'area della foresta di Bialowieza, durati quasi quattro ore, il consigliere del presidente Volodymyr Zelensky ha portato a casa solo la flebile speranza di un'intesa temporanea sulla creazione di vie d'uscita per i civili dalle città sotto attacco, che Mosca avrebbe concesso solo verso i territori ostili di Russia e Bielorussia.

 

Delegazione ucraina giunta in Bielorussia per i colloqui

Speriamo che "finalmente da domani i corridoi umanitari funzionino", ha detto il capo negoziatore russo Vladimir Medinsky, l'uomo di fiducia che Vladimir Putin ha inviato a trattare con il nemico. "Gli ucraini ci hanno fornito rassicurazioni", ha spiegato. Dopo tre incontri in una settimana, le trattative riprenderanno "a breve", ma senza svolte all'orizzonte. "Non ci illudiamo di ottenere risultati definitivi nel prossimo round di colloqui, è un lavoro difficile", ha commentato gelido il negoziatore russo Leonid Slutksy, che guida la commissione Esteri della Duma.  

Il braccio di ferro sull'effettiva disponibilità dei corridoi umanitari era durato per tutto il giorno. Il ministero della Difesa di Mosca aveva annunciato un cessate il fuoco per l'avvio di sei percorsi sicuri: uno da Kiev a Gomel (Bielorussia), due da Mariupol a Zaporizhzhya (sud-est Ucraina) e Rostov sul Don (Russia meridionale), uno da Kharkiv a Belgorod (Russia occidentale) e due da Sumy a Belgorod e Poltava (Ucraina centrale). Ma Kiev ha subito smentito. "In violazione dei precedenti accordi, la Russia ha sabotato l'apertura dei corridoi umanitari per l'evacuazione della popolazione civile.  

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.