Lunedi' 18 Ottobre 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • CORSERA AIR FRANCE ACQUISTA ALITALIA MATTEO CORSINI MIR LA COMPAGNIA DI BANDIERA DEVE RIMANERE ITALIANA...

CORSERA AIR FRANCE ACQUISTA ALITALIA MATTEO CORSINI MIR LA COMPAGNIA DI BANDIERA DEVE RIMANERE ITALIANA

ROMA 6 GENNAIO 2013 CORSERA.IT

SCRIVI A REDAZIONE@CORSERA.IT O TELEFONA AL 068086058

IL MESSAGGERO.IT PUBBLICA OGGI INDISCREZIONI SECONDO LE QUALI L'AIR FRANCE SAREBBE PRONTA AD ACQUISTARE LA COMPAGNIA DI BANDIERA ALITALIA GIA' DA SABATO PROSSIMO,ALLA SCADENZA DEL LOCK UP DELLE AZIONI ACQUISTATE DAGLI IMPRENDITORI ITALIANI.SU QUESTO PUNTO SI E' ESPRESSO ANCHE L'EX PREMIER SILVIO BERLUSCONI.

ANCHE MATTEO CORSINI ROMA RISORGE E CANDIDATO REGIONALE LAZIO MIR MODERATI IN RIVOLUZIONE SI E' ESPRESSO QUESTA MATTINA NELLA MEDESIMA DIREZIONE.MATTEO CORSINI IMPRENDITORE CAPITOLINO NEGLI ANNI SCORSI AVEVA PROMOSSO UNA CORDATA ITALO ARABA CON IL FONDO DI PRIVATE EQUITY ISTITHMAR DELLO SCEICCO DI DUBAI,PER VERIFICARE L'IPOTESI DI PARTNERSHIP.PROGETTO CHE NAUFRAGAVA PER LA CONTRARIETA' DEL MONDO POLITICO ITALIANO,CHE POI CEDETTE ALITALIA AL GRUPPO DI NOTI IMPRENDITORI ITALIANI,DOPO AVER FATTO CONFLUIRE I DEBITI DELLA COMPAGNIA IN UNA BAD COMPANY.ADESSO QUEGLI STESSI IMPRENDITORI VORREBBERO PASSARE ALLA CASSA,LASCIANDO SUL GROPPONE DEGLI ITALIANI IL COSTO DELLA BAD COMPANY.

MATTEO CORSINI,LA SINERGIA CON DUBAI,ERA PERFETTA,EPPURE ABBIAMO RISCONTRATO GRANDI OSTACOLI.ALITALIA SAREBBE RIMASTA ITALIANA CON UN PARTNER FORTISSIMO.LE COSE SONO ANDATE BEN DIVERSAMENTE.

Silvio Berlusconi non usa mezzi termini: «Alitalia deve rimanere italiana». Il Cavaliere, artefice dell'operazione che portò una cordata di imprenditori ad acquistare la compagnia di bandiera, ha spiegato che rifarebbe la stessa scelta e scongiura la possibilità che Air France se la compri.

 

LE INDISCREZIONI - Berlusconi risponde così alle indiscrezioni sul futuro di Alitalia pubblicate da Il Messaggero. Secondo il quotidiano romano, infatti, Air France sarebbe pronta a comprarsi la compagnia di bandiera già da sabato prossimo, cioè da quando scade il lock up (l'impegno della coordata di imprenditori a non vendere le proprie azioni). I francesi hanno già il 25 per cento e sarebbero pronti a rillevarne altre. Alla finestra stanno anche gli arabi. Etihad, compagnia di Abu Dhabi, avrebbe già espresso l'interesse a una partnership. Ma il dossier francese sembra che stia per arrivare sul tavolo per una trattativa.

 

MILANO (MF-DJ)--"Siamo pronti, abbiamo le risorse finanziarie adeguate.
Voglio proporre la costituzione di una cordata in cui entrero' con una
partecipazione minoritaria e che potrebbe essere guidata da competenti
manager del settore come quelli di AlpiEagles o di VolareGroup".

Lo ha detto a MF-DJ l'imprenditore immobiliare Matteo Corsini che sta
definendo un accordo con un istituto finanziario estero per costituire una
newco di diritto italiano pronta a rilevare Alitalia sia integralmente che
parzialmente.

"Aspettiamo risposte dal Governo" ha aggiunto sottolineando che "non ci
sono esuberi perche' i dipendenti sono una potenzialita'". 

Il progetto di Corsini e' trasformare la compagnia di bandiera in una
vetrina del "made in Italy". "Si possono creare servizi di catering da
vendere ad altre compagnie - ha precisato - e si possono creare sinergie
con altre imprese e proporre incentivi a hostess e steward per stimolarli
a vendere prodotti a bordo".

La crisi di Alitalia, secondo l'imprenditore, e' riconducibile a precise
responsabilita' manageriali e politiche. "Hanno distrutto - ha affermato -
il rapporto con le agenzie di viaggio che dirottano i clienti su altre
compagnie. Non viene piu' operato il volo Roma - Pechino. E' chiaro che
c'e' una volonta' politica di vendere pezzo a pezzo". "Air Canada - ha
ricordato Corsini - e' stata salvata in sei mesi con l'intervento di GE
Capital e di Deutsche Bank".

"In ogni operazione in cui sono intervenuto - ha concluso - i miei
partner erano di primo piano. Nell'operazione Cirio ci e' stato impedito
di intervenire perche' non ci e' stato fornito l'indirizzario degli
obbligazionisti. Avevamo presentato un'offerta per gli immobili di Bnl ma
Croff (l'ex a.d., ndr) non ci rispose perche' poi hanno preferito venderli
singolarmente in un periodo di prezzi in calo".
gid/vs
(fine)

Gian Maria De Francesco +390258219423
gianmaria.defrancesco@mfdowjones.it

Valeria Santoro +390669760839
Valeria.Santoro@mfdowjones.it

 


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.