Martedi' 14 Luglio 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Esteri
  • CORSERA TRAGEDIA IN MARE A LOS ROQUES VENEZUELA VITTORIO MISSONI E MAURIZIA CASTIGLIONI SCOMPARSI NEL NULLA...

CORSERA TRAGEDIA IN MARE A LOS ROQUES VENEZUELA VITTORIO MISSONI E MAURIZIA CASTIGLIONI SCOMPARSI NEL NULLA

LOS ROQUES 5 GENNAIO 2013 CORSERA.IT dal nostro inviato Michele Alibrandi

Vittorio Missoni e la moglie Maurizia Castiglione,insieme ad una coppia di amici,sono scomparsi in mare,forse precipitati con il loro aereo sulal rotta della morte di Los Roques,il paradiso del mar dei Caraibi.A bordo anche il pilota e il copilota.Nel 2008 sulla stessa rotta scomparve un altro aereo da turismo con otto italiani a bordo,che spariva nel nulla un bimotore Let 410 della compagnia Transaven .ancora oggi quella tragedia e' avvolta nel mistero piu' assoluto.Nessuno sa ancora cosa sia effettivamente accaduto.

 Un piccolo aereo da turismo con a bordo sei persone, quattro delle quali italiane, è scomparso venerdì in Venezuela mentreviaggiava dall'arcipelago di Los Roques all'aeroporto Simon Bolivar di Maiquetia, a circa 20 chilometri dalla capitale Caracas. Sull'aereo c'erano Vittorio Missoni, 58 anni, figlio maggiore dello stilista Ottavio, con la moglie, Maurizia Castiglioni, e una coppia di amici, Elda Scalvenzi e Guido Foresti, oltre ai due i piloti. 

La scomparsa dell'aereo vicino a Los Roques rimanda subito a una vicenda simile avvenuta nel 2008, quando un velivolo da turismo, nel quale viaggiavano otto italiani, sparì nel nulla. Anche quella volta lo scenario fu l'arcipelago venezuelano e il giorno è d'altra parte lo stesso: il 4 gennaio. A diversi anni dalla sua scomparsa, la sorte del piccolo aereo (un bimotore Let 410 della compagnia Transaven) - e dei suoi 14 passeggeri - di cui otto italiani - resta ancora un caso irrisolto. 

Qualche giorno fa, il settimanale Oggi ha riportato le trascrizioni del via libera al decollo da parte della torre di controllo, sottolineando che le persone a bordo erano 18 e non 14. Questo avvalorerebbe - viene precisato - l'ipotesi che i 4 passeggeri in più sarebbero stati narcotrafficanti che avrebbero dirottato il velivolo da utilizzare successivamente per il trasporto di cocaina. Fino a oggi l'unico cadavere ad essere stato ritrovato è quello del copilota, il 37enne Osmel Alfredo Avila Otamendi. Dell'aereo e degli altri passeggeri - tra cui anche 3 venezuelani e uno svizzero - non è stata rinvenuta alcuna traccia.

«All'ipotesi di dirottamento io non ci credo molto», dice Romolo Guernieri, padre di Bruna Guernieri, la donna di Ponzano Veneto (Treviso) scomparsa con il marito, Paolo Durante, e le figlie, Emma e Sofia, nel volo del 2008. Per il genitore, dunque, la coincidenza delle date con l'episodio del tutto simile, avvenuto poche ore fa, significa ben poco se prima non si affronta una seria campagna di ricerche per individuare eventuali relitti finora mai trovati.

«Il prossimo 18 gennaio - spiega Guernieri - dovrebbe finalmente partire una nave attrezzata fornita da una ditta americana alle autorità venezuelane, a bordo della quale ci saranno anche l'ammiraglio della Marina militare Giovanni Vitalioni, e Mario Pica, ex pilota dell'Aeronautica militare e nostro consulente». La ricerca sarà finanziata in parte dal Venezuela e in parte dall'Italia e si svolgerà all'interno di un perimetro di mare concordato. Scarso significato, per Guernieri, avrebbe anche una registrazione audio di conversazioni fra la torre di controllo e il comandante del velivolo scomparso in cui si dichiarava la presenza di 18 persone a bordo contro i 14 indicati nella lista d'imbarco ufficiale. «In quel Paese - riflette - purtroppo le bugie sono la normalità. Prima di indagare sul dirottamento - insiste perciò - bisogna escludere ogni altra ipotesi, e questo lo si può fare solo con una ricerca finalmente accurata». 

Rispetto alla sparizione del velivolo con Missoni a bordo, Guernieri si dice speranzoso che il coinvolgimento, in questo caso, di «un nome famoso» permetta di ridare nuovo slancio all'argomento. «Mi permetto di invitare la famiglia Missoni a contattarmi - conclude - perché, nel mio piccolo, grazie all'esperienza maturata in questi anni, sarei lieto di
fornire qualche utile suggerimento di comportamento».

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.