Sabato 23 Ottobre 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • CORSERA CRONACA TARANTO INFERNO RAFFINERIA ENI UN FERITO...

CORSERA CRONACA TARANTO INFERNO RAFFINERIA ENI UN FERITO

TARANTO - Un incendio e' divampato all'interno della raffineria Eni di Taranto. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale di Taranto e del distaccamento interno allo stabilimento. A prendere fuoco sarebbe stata una tubazione che consente di trasportare il carburante verso le cisterne. Si e' alzata anche una nube di fumo nero visibile in diversi punti della citta'. I tecnici dell'Arpa stanno verificando la natura delle emissioni.

Un operaio - Luigi Ancora, di 44 anni - è rimasto ustionato ed è ' ricoverato in prognosi riservata nell'ospedale 'Perrino' di Brindisi. In un

primo momento era stato condotto nell'ospedale 'Santissima Annunziata' di Taranto, ma per la gravità delle condizioni il personale medico ne ha disposto il trasferimento al Centro Grandi Ustionati di Brindisi.

L'incidente è avvenuto durante operazioni di manutenzione. Probabilmente si è verificato un guasto al collettore di una valvola che collega la linea di passaggio del carburante. Secondo i vigili del fuoco intervenuti sul posto, la situazione ora è sotto controllo. Sono in corso indagini su modalità e cause del rogo.

Dopo l'incidente, la centralina di monitoraggio di via Machiavelli, al rione Tamburi di Taranto, ha rilevato un aumento dei valori di benzene in concomitanza con l'incendio nella raffineria di Taranto. Sono stati i tecnici dell'Arpa di Taranto ad accertarlo nell'ambito dei controlli avviati per verificare eventuali ripercussioni dal punto di vista ambientale non solo per l'aria, ma anche per il suolo e la falda acquifera. La nube nera si è creata quando ha preso fuoco la benzina. L'Arpa sta compiendo gli accertamenti anche per comprendere se gli interventi di manutenzione in atto abbiano rispettato la corretta procedura per la prevenzione ambientale.

"La quantità di prodotto combusto è stimabile in circa un metro cubo" di benzina, rende noto Eni. L'incendio - afferma la societa' - "non ha in nessun modo coinvolto i serbatoi e gli impianti della Raffineria, la quale è regolarmente in marcia". L'incendio avvenuto nello stabilimento Eni Refining & Marketing di Taranto, "si è verificato - spiega la società - un incendio in corrispondenza di una tubazione a sud del serbatoio T3148 esternamente al bacino di contenimento".

"Nell'area - aggiunge Eni - era in corso l'attività di isolamento della tubazione, finalizzata all'inserimento di valvole controllabili da remoto, in ottemperanza a una specifica prescrizione del Comitato Tecnico Regionale. Durante questa fase, che prevede l'apertura della tubazione, il prodotto (benzina) ha trovato un innesco che ne ha causato la combustione per ragioni ancora in fase di accertamento. La combustione si è protratta per circa 15 minuti e ha causato una colonna di fumo visibile all'esterno" ed è stata poi "prontamente domata dal presidio dei Vigili del Fuoco interno alla Raffineria, intervenuto immediatamente sul posto. Sono stati immediatamente informati gli organi di controllo e istituzionali, poi intervenuti sul posto". "Eni - conclude la società - fornirà ulteriori delucidazioni, una volta completati i primi accertamenti".


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.