Giovedi' 30 Giugno 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • CONCORDIA FRANCESCO SCHETTINO PRIGIONIERO DEI MORTI...

CONCORDIA FRANCESCO SCHETTINO PRIGIONIERO DEI MORTI

ISOLA DEL GIGLIO 21 GENNAIO 2012 CORSERA.IT

MI DOMANDO SE IL COMANDANTE FRANCESCO SCHETTINO SI LIBERERA' MAI DELLO SGUARDO DI QUEI MORTI RIMASTI INTRAPPOLATI NEL CUORE DELLA SUA NAVE,LA COSTA CONCORDIA.MI DOMANDO SE POTRA' MAI VIVERE UN ISTANTE SENZA VEDERLI AD UNO AD UNO E PENSARE CHE PER LORO NON HA FATTO NULLA,NESSUN UMANO TENTATIVO DI SALVARLI DI CONDIVIDERE CON LORO ALMENO UNA PARTE DI QUEL DOLORE.MI DOMANDO SE FRANCESCO SCHETTINO IL CODARDO  RIUSCIRA' MAI A SVEGLIARSI SENZA SENTIRE I COLPI DI QUEI PROFONDI ABISSI,ASSALIRLO ALLA GOLA,TRASCINARLO GIU' CON LE MANI,LA DISPERAZIONE DI URLA E OCCHI DILATATI DA QUELLA MORTE IMPROVVISA.MI....

DOMANDO SE FRANCESCO SCHETTINO RINCORRE SE STESSO IN QUELLA FUGA BALORDA DALLA SUA NAVE LA COSTA CONCORDIA,SE MALEDICE SE STESSO,SE SI DISPERA CERCANDO DI TORNARE INDIETRO DAI SUOI PASSEGGERI.FRANCESCO SCHETTINO HA AVUTO PAURA,L'IMMENSO DISASTRO L'HA FATTO PRECIPITARE NEL PANICO,MA NON C'ERA DOLORE,SOLTANTO LA VOLONTA' DI SALVARSI METTENDOSI IN FUGA.

FRANCESCO SCHETTINO FUGGE DAI SUOI PEGGIORI INCUBI,DALLO SGUARDO IMPIETOSO DEI MORTI CHE LO GUARDANO E SI DOMANDANO PERCHE'? IL COMANDANTE DELLA NAVE CONCORDIA RISALE DAI PONTI IMMERSI NELLE ACQUE,SENTE SCOPPIARE I POLMONI NELLA SALA MACCHINE.TUTTO LO AVVOLGE NEI GARGARISMI DELLE ONDE CHE SI INFRANGONO SULL'OPERA MORTA SQUARCIATA ED EMERSA DAL MARE.FRANCESCO SCHETTINO FUGGE DA UN INUCBO CHE E' DIVENTATO REALTA',UN BAGNO DI SANGUE E UN MARE CHE ROSSO SI PIGMENTA E POI URLA DI DOLORE.SONO I MORTI DI UNA CROCIERA IMPAZZITA,DI UN ERRORE UMANO CHE HA CONDOTTO LA VITA NELLA PROFONDITA' DEL MARE.

I MORTI DEVONO GUARDARLO NEGLI OCCHI AL COMANDANTE FRANCESCO SCHETTINO,QUEI MORTI CHE SONO ANNEGATI NELLA NOTTE,NELLO STOMACO DELLA COSTA CONCORDIA.I MORTI DI UNA FINE INCREDIBILE,I MORTI CHE HANNO LASCIATO LA VITA NELLE MANI DI UN FOLLE CHE NON SI CURAVA DEL LORO DESTINO,MA SI COMPORTAVA COME SE QEL LAVORO FOSSE UN GIOCO E LA NAVE IL TEATRO DI POSA DI UN FILM.

ISOLA DEL GIGLIO COSTA CONCORDIA LA TRAGEDIA DEI MORTI CHE URLANO IN FONDO AL MARE.PARE ANCORA SENTIRLI I MORTI CHE URLANO AFFOGANDO NELLE ACQUE GELIDE DEL MARE.ASCOLTIAMO QUEI SUONI,QUELL'ULTIMO DISPERATO TENTATIVO DI FARSI SOCCORRERE,DI SFUGGIRE ALLA MORTE.C'E' QUALCUNO CHE BATTE SULA PORTA DELLA CABINA,LO VEDIAMO BENE CONFUSO NEL CHIARORE DELL'AZZURRO DEGLI ABISSI.QUALCUNO CHE SCIVOLA LENTAMENTE DOVE NESSUNO POTRA' MAI RITROVARLO.SONO I FANTASMI DI UN INCUBO,DI UN DISASTRO CHE AL COMANDANTE FRANCESCO SCHETTINO DEVE ESSERE SUBITO APPARSO CHIARO.UNA TRAGEDIA PIU' GRANDE DI LUI,DI QUALIASI IMAGINAZIONE.FRANCESCO SCHETTINO SI RITROVAVA SU UN TITANICA DUE VOLTE PIU' GRANDE,SENZA CHE NEANCHE LUI SI FOSSE RESO CONTO DI COSA ACCADESSE.LA NAVE CONCORDIA SBATTEVA CONTRO I FONDALI,SI SCHIANTAVA CON LA SUA STAZZA E RUTILAVA VERSO L'ISOLA DEL GIGLIO,SENZA CHE NESSUNO POTEVA PIU' EVITARE UN NAUFRAGIO.

 

CORSERA.IT


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.