Sabato 23 Ottobre 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • ISOLA GIGLIO COSTA CROCERE CONCORDIA LA NAVE DEI MORTI VIVENTI...

ISOLA GIGLIO COSTA CROCERE CONCORDIA LA NAVE DEI MORTI VIVENTI

ISOLA DEL GIGLIO 17 GENNARIO 2012 CORSERA.IT

NAVE CONCORDIA FORSE IN FONDO ALLA STIVA C'E' ANCORA QUALCUNO CHE SOPRAVVIVE ALLA IMMENSA TRAGEDIA.QUALCUNO CHE DA TRE GIORNI RESPIRA IN UNA BOLLA D'ARIA CREATASI FORTUITAMENTE IN UNA CABINA AFFONDANA NELLE ACQUE GELIDE DEL GIGLIO.QUALCUNO CHE SI AGGIRA PER IL TRANSLATLANTICO IN CERCA DI FUGGIRE DAL SUO DESTINO IGNOBILE.SONO I MORTI VIVENTI CHE ANCORA RESPIRANO IN FONDO ALLA NAVE DA CROCIERA CONCORDIA.I MORTI VIVENTI CHE SI IMMAGINANO POSSANO AVER RESISTITO PER TRE LUNGHI GIORNI DI FILA.MA SARANNO ANCORA VIVI?

ISOLA DEL GIGLIO TRAGEDIA.DOPO IL NAUFRAGIO NELLA NOTTE,L'OPERA VIVA DELLA NAVE CONCORDIA ERA UN BRULICARE DI MORTI VIVENTI.UNA FILA INDIANA CHE SCENDEVA NELLE ACQUE GELIDE DELL'ISOLA DEL GIGLIO SENZA SOLUZIONE DI CONTINUITA'.FORMICHE,ESSERE UMANI ABBANDONATI A LORO STESSI.IL COMANDANTE FRANCESCO SCHETTINO SI ERA MESSO IN SALVO DA PARECCHI ORE.LO SPETTRO DI ALTRE TRAGEDIE FORSE LO AVEVA ASSALITO,TRSCINATO VIA DA QUELLA MAGNIFICA IMBARCAZIONE TRASFORMATA PER SUA NEGLIGENZA,IN UN ORRENDO RELITTO.LA NOTTE DEL NAUFRAGIO HA I SAPORE AMARO DI UNA DISAVVENTURA SOLTANTO SOGNATA,COME IL TORMENTO IMPOSSIBILE DI UNA STORIA RACCOLTA PER MARE.E AL CONTRARIO DIVENTAVA REALE ORA PER ORA,ANCHE SE IL COMANDANTE FRANCESCO SCHETTINO HA CERCATO DI NEGARE FINO ALL'ULTIMO LA GRAVITA' DELL'INCIDENTE.NO NON ERA PROPRIO POSSIBILE AVER COMBINATO QUEL .... CASINO,UN DISASTRO,IRRECUPERABILE,AVRA' PENSATO FRA SE E SE.L'OMBRA RANCIDA DELLA MORTE ERA PIOMBATA SULLA NAVE CONCORDIA,LE URLA,IL PANICO,IL RIGETTO DELLA NOTTE,LA GENTE CHE SI CALAVA A BORDO DELLE SCIALUPPE.MOLTI PASSEGGERI ERANO FORSE RIMASTI INCASTRATI ALL'INTERNO DELLE CABINE,NEI PONTI SOTTOSTANTI.IL COLPO ALLA CARENA AVEVA FORSE PROVOCATO ROTTURE NELLA STRUTTURA D'ACCIAIO DELLA NAVE,DEFORMATO LE CONTROCHIUSURE DELLE PORTE IMPEDENDO AI TURISTI DI USCIRE DALLE LORO CABINE.CHISSA' QUANTO DOLORE,QUANTE COSE ACCADEVANO ALL'INTERNO DELLA NAVE,MENTRE SCHETTINO CERCAVA DI FUGGIRE AI SUOI INCUBI TRASFORMATIIN REALTA'.HA AVUTO PAURA IL COMANDANTE FRANCESCO SCHETTINO ED HA ABBANODNATO LA NAVE,INCURANTE DEGLI ORDINI CHE PROVEVNIVANO DALLA CAPITANERIA DI PORTO.INCURANTE CHE I SUOI PASSEGGERI ERANO IN BALIA DEL FREDDO E DELLE ONDE.PERCHE' E' ACCADUTO PROPRIO A LUI?  FRANCESCO SCHETTINO IMMAGINAVA DI PILOTARE UNA NAVE INAFFONDABILE,EPPURE QUELLA BARCA AL CONTRARIO ERA DELICATA COME IL CRISTALLO.

CORSERA.IT

Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.