Domenica 24 Gennaio 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Esteri
  • GEORGE PAPANDREOU GRECIA SULL'ORLO DELLA GUERRA CIVILE...

GEORGE PAPANDREOU GRECIA SULL'ORLO DELLA GUERRA CIVILE

Atene 17 Giugno 2011 CORSERA.IT ESTERI

Grecia si serrano i tempi per le riforme della nazione.La protesta divampa nel paese che sembra sull'orlo di una guerra civile.Ue e FMI sono pronti ad intervenire,a condizoine che le forze politiche mettano in atto le iforme sociali ed economiche utili a contenere la spesa pubblica.Senza questa precondizione,il timore è che la Grecia possa arrivare al terminal del suo viaggio,al default tecnico per impossibilità di onorare il debito pubblico,ormai fuori controllo.

Il primo ministro greco George Papandreou.....

annuncerà oggi la nuova squadra di governo per ottenere il sostegno sulle imponenti riforme economiche, ma dovrà anche fare i conti con le rivolte popolari e le divisioni interne al suo partito che potrebbero spingere il Paese verso il default.

Il premier dovrebbe dare il benservito al ministro delle Finanze George Papaconstantinou, autore di un programma di misure di austerity che ha provocato le ire della popolazione, scioperi generali e una violenta protesta svoltasi in settimana davanti al Parlamento....

Ieri sera Papandreou ha deciso di posticipare l'annuncio del nuovo esecutivo, segnale che fatica a trovare la persona adatta a ricoprire il ruolo chiave di ministro delle Finanze.

I membri del nuovo esecutivo verranno resi noti alle 8, ora italiana, secondo quanto riferito dal governo.

La turbolenza politica ha avuto ripercussioni sui mercati e ha provocato le critiche di altri Paesi membri dell'Ue, in cui i politici esitano a trovare una soluzione sui finanziamenti alla Grecia e a prevenire un "evento creditizio" che potrebbe provocare tensioni nell'economia globale.


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.