HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • News Mondo
  • LIBIA BENGASI CANNIBALI E VAMPIRI DI MUAMMAR GHEDDAFI....

LIBIA BENGASI CANNIBALI E VAMPIRI DI MUAMMAR GHEDDAFI.

Tripoli 4 Marzo 2011 CORSERA.IT

Durante la seconda guerra mondiale,molto tempo dopo,ci si accorse di quanto realmente accadeva ogni giorno sotto la dittatura di Hitler,erano milioni gli ebrei che vennero massacrati e inceneriti.Tra molto tempo,il mondo intero,comprenderà cosa accade oggi nelle città libiche,nei suoi meandri e nel sottosuolo,quella guerra clandestina,feroce,che miete vittime e falcidia la popolazione civile a nostra insaputa.

Scontri strada per strada,le città in Libia sono messe a ferro a fuoco.Nell'ombra si muovono vampiri di Muammar Gheddafi,truppe di mercenari che fanno strage di uomini e donne,massacrano la popolazione civile.Vampiri assetati di sangue,cannibali che provengono dal Congo e dallo Zambia,derelitti,massacratori di professione,sono loro l'immagine cruenta di questa ultima guerra del Colonello Gheddafi.Milizie scelte,assoldate a suon di milioni di dollari,che hanno soltanto il compito di colpire la...

....popolazione,terrorizzare i quartieri,infrangere ogni regola di umana pietà,massacrare le vittime,amputarne gli arti,gettarne i corpi dalle finestre.Sono soldati adestrati a tutto,che si muovono nell'ombra,ma la popolazione civile li conosce e li teme.Sono i fantasmi del terrore,il volto disumano di un conflitto civile che si frantuma giorno per giorno,disintegra qualsiasi equilibrio,corre via veloce,feroce,inaferrabile e rotea intorno al significato stesso della vita.I mercenari sono le anime dannate di questa guerra,gli incubi del Colonello Muammar Gheddafi,quella luce intensa che piano piano si spegne,logorandolo,come mille altre volte ha fatto compiendo il destino della storia.

CORSERA.IT COPYRIGHT


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.