Venerdi' 10 Luglio 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Politica
  • DOSSIER-PATACCA TULLIANI.ANNOZERO,ITALO BOCCHINO LINCIAGGIO PUBBLICO DI SILVIO BERLUSCONI....

DOSSIER-PATACCA TULLIANI.ANNOZERO,ITALO BOCCHINO LINCIAGGIO PUBBLICO DI SILVIO BERLUSCONI.

Roma 24 Settembre 2010 (Corsera.it)

Alla resa dei conti della Faida di Mirabello.Linciaggio pubblico del Premier Silvio Berlusconi ad Annozero su RAI 2.

Ieri sera durante il talk-show di Michele Santoro,l'On.Italo Bocchino ha sparato a Zero contro il Premier Silvio Berlusconi.Il fedelissimo di Gianfranco Fini, ha pubblicamente dichiarato che la fabbricazione del dossier infamante, proveniente dall'Isola di Santa Lucia nei Caraibi sarebbe opera di un personaggio Valter Lavitola ,vicino al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi,ex direttore dell'Avanti...

Un'accusa gravissima,anzi un vero e proprio linciaggio pubblico per il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.Qualora confermata potrebbe causare le dimissioni del Presidente del consiglio e la sua fine come uomo politico.Italo Bochino rischiatutto dunque contro l'avversario padrepadrone del PDL.Ormai l'incendio divampa.

Siamo dunque alla resa dei conti,al redde rationem,tra le forze contrapposte del PDL,una faida che ha utilizzato ogni mezzo lecito e illecito per distruggere l'avversario di partito e che oggi utilizza il dossieraggio come ultimo affondo.Siamo difronte alla conclamata lettura della politica come faida mafiosa,dove diffamazione e ricatto,sono la stessa arma,talmente potente e micidiale che è in grado di risucchiarvi dentro chiunque,giornalisti importanti come Vittorio Feltri e MaurizioBelpietro.La faida di Mirabello contrappone una contro l'altra due bande politiche che lottano disperatamente per il potere,dove ideale e valori della giustizia sociale sono sommersi dagli interessi delle lobby.L'effetto è che la politica italiana si è frantumata dal bipolarismo atteso e invocato dalle maggiori forze politiche del paese,e oggi si assiste alla sagomazione del particolarismo,dove giustamente forze politiche minori tentato di tutelare gli interessi locali,geograficamente delineati.QUesto scontro alimenta il federalismo della LEGA NORD e la loro visione strategica della politica come difesa dei confini Padani.E' giusto che sia dunque così.(Corsera.it)

 

ROMA - «Chi diffonde queste voci» è totalmente «irresponsabile». La nota ufficiale di Palazzo Chigi alza ulteriormente il livello dello scontro tra Pdl e Fli. Oggetti del contendere sono ancora la casa a Montecarlo, abitata dal cognato di Gianfranco Fini, e le accuse lanciate dal gruppo di Futuro e Libertà a proposito di presunte attività di dossieraggio sulla vicenda. Il comunicato del governo diffuso giovedì mattina ha aperto una nuova, lunga, giornata di tensioni tra il Popolo delle Libertà e i finiani. Alla nota del premier ha replicato Italo Bocchino, spingendosi a sostenere che dietro i dossier su Montecarlo ci sarebbe una persona vicina al premier. Citata, alla fine, durante la puntata di Annozero: «Valter Lavitola (direttore dell'Avanti, ndr) è uno degli uomini che ha lavorato alla patacca» ha detto in tv Bocchino.

IL COMUNICATO DI PALAZZO CHIGI - «Le illazioni, le voci e le congetture apparse su alcuni quotidiani - ha scritto Palazzo Chigi - sono assolutamente false, diffamatorie e destituite di ogni fondamento». «I Servizi nelle loro diverse articolazioni e la Guardia di Finanza - ha ricordato la nota - hanno già provveduto a smentire, non avendo mai svolto alcuna attività, né diretta né indiretta, né in Italia né all'estero, in relazione a queste voci. Di fronte alla gravità di queste insinuazioni la Presidenza del Consiglio non può non denunciare la totale irresponsabilità di chi diffonde voci siffatte solo per ragioni di polemica politica, ben sapendo che esse non hanno il minimo fondamento».


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.