Sabato 23 Ottobre 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
  • Home
  • Cronaca
  • SCANDALO PIERO MARRAZZO IL VIDEOHARD DEI GIOCHI EROTICI DURA VENTI MINUTI....

SCANDALO PIERO MARRAZZO IL VIDEOHARD DEI GIOCHI EROTICI DURA VENTI MINUTI.

Roma 25 ottobre 2009(Corsera.it)

Il video hard dei giochi erotici del Presidente della regione Lazio,secondo indiscrezioni che trapelano da La Repubblica,sarebbe stato realizzato da un secondo trans che si trovava insieme nell'alcova della prostituzione insieme a Brenda e Natali.Un video hard che dura almeno venti minuti e che sarebbe stato ripreso molto tempo prima dell'irruzione dei Carabinieri in Via Gradoli,anche ex covo delle Brgate Rosse.Il video sarebbe anche considerato come il segreto di

....Pulcinella perchè nel giro della criminalità e dei viados dei trafficanti di droga la storia era molto ben conosciuta,tanto che anche divers direttori dei giornali avevano ricevuto il video,senza volerlo acquistare,ma senza neanche denunciare il fatto alle autorità competenti.A fare riferimento a questo video più lungo gli stessi carabinieri indagati per il possibile ricatto,che al telefono si sono traditi parlano di una fonte governativa che gli avrebbe messi al orrente di un filmato,dove Marrazzo" sniffa insieme a due trans."



Una "prassi", a quanto riferiscono ancora nella "comunità" di quel condominio. L'auto si fermava alcune centinaia di metri prima del civico 96. E di lì in avanti Marrazzo procedeva a piedi. Così come è significativa almeno un'altra testimonianza che si raccoglie in via Gradoli sulla spericolata modalità con cui il Governatore avrebbe saldato il compenso per i suoi incontri. Riferisce infatti un transessuale che dice di chiamarsi "Luana" che Marrazzo - almeno nel caso di "Natalì" - staccava regolarmente assegni in  ...continua su La Repubblica.it


Comments (0)

DI' LA TUA SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Per commentare gli articoli è necessario essere loggati a Corsera Space. Fai log in oppure, se non sei ancora un utente della Community di Corsera, registrati qui.