BARI INCHIESTA SULLE RAGAZZE SQUILLO A PALAZZO GRAZIOLI.COLPO DI STATO NELLE TELEVISIONI PUBBLICHE CALA LA CENSURA.

Roma 18 Giugno 2009(Corsera.it)

 

Qualsiasi sia l'origine dell'inchiesta della Procura di Bari,la censura cala la scure sulle televisioni di Stato TG1 TG2 .Qualsiasi sia l'origine degli incontri tra Silvio Berlusconi e le ragazze squillo,un dato è certo,il malcostume regna e impera sovrano nelle case private di Berlusconi.SI mette a nudo un sistema dell'adescamento,costruito sull'illusione di diventare ricche e famose nella casa del Re della televisione.Qualsiasi sia l'origine del complotto se complotto esiste,

"No alla delegittimazione dei politici". Un invito alto e forte con cui il Tg1 ha introdotto oggi la sua edizione delle 13. Niente paura, non era un'iniziativa autonoma del principale tg del servizio pubblico. Lo ha detto invece, en passant, Gianfranco Fini e l'occasione era piuttosto ghiotta per non sfruttarla a dovere. Quindi Fini nei titoli di testa, poi la Fiat e l'Iran e poi anche cosucce sparse: infine il problema dell'inchiesta barese che riguarda il Premier e comunque, e insomma, il Premier dice che è spazzatura e poi D'Alema come faceva a sapere tutte queste cose.

Delegato di oggi all'intervento finale e risolutivo, quello con cui si chiude il servizio con una dichiarazione forte, potente e convincente, quello che resta nella memoria dei telespettatori, era Maurizio Lupi. Non ce n'è, per qualche motivo i tg si ricordano all'improvviso solo verso la metà di ogni edizione, del problemino barese: il Tg1 è quello di richiamo e quindi ci si concentra di più su quello, ma gli altri stanno in zona, il Tg5 è sempre un po' più sulla notizia e si butta con maggiore sprezzo del pericolo. Servizio di punta di giornata: il Tg2 con il jackpot del superenalotto e la domanda: cosa fareste con 94 milioni in tasca? Per esempio una scommessa su cosa ci sarà nei titoli principali dei tg di stasera.

Per fortuna ne parlano i siti di tutto il mondo
Commenta questo articolo

Tutti i commenti