Domenica 27 Settembre 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
PIAZZA AFFARI DERIVATI  DEUTSCHE BANK COME LEHMAN BROTHERS STA PER FALLIRE ?

PIAZZA AFFARI DERIVATI DEUTSCHE BANK COME LEHMAN BROTHERS STA PER FALLIRE ?

14 Febbraio 2016 Bail-in, il vero test è su derivati e leva. E i rischi maggiori sono in Germania e Francia.

Ma gli stress test? Non avevamo passato un anno a sottoporre ad occhiuti e rigorosissimi controlli tutte le banche europee? Il sistema del credito italiano ne era uscito un po' malconcio, con qualche istituto che ha pagato oltre misura sui mercati il fatto di essere stato messo alla gogna. Per il resto - avevamo capito - bilanci blindati e banche europee a prova di bomba. Com'è, allora, che una delle più importanti - la principale banca del principale paese di Eurolandia - la Deutsche Bank, si ritrova con quasi 7 miliardi di euro di rosso, neanche un anno dopo? Certo, un concatenarsi di sfortunate circostanze. Molto sfortunate, dal crollo del petrolio alla deflazione. Ma non è a questo che servivano gli stress test? In fondo, sui bilanci delle banche italiane si è fatto l'esercizio catastrofico di interessi sui titoli pubblici schizzati al 6 per cento, cioè il triplo di quanto sia avvenuto finora. Che esercizio si è fatto sui derivati in pancia alla Deutsche Bank e sul suo capitale? A valore di libro, la Deutsche Bank ha un'esposizione lorda sui derivati pari a quasi 60 mila miliardi di euro, 15 volte l'intero Pil tedesco. Il valore netto, compreso cioè il dare e l'avere con le varie controparti, è assolutamente più basso e assolutamente gestibile, in condizioni normali e anche difficili. Questo però presuppone che le controparti - o almeno la grande maggioranza - siano lì a fare il loro dovere e non siano fallite o scomparse. Si è visto con l'implosione

 
dell'Aig, negli Usa, nel 2008, che tipo di reazione a catena può innescare il venir meno delle controparti. Ma l'Asset Quality Review della Bce è stata dieci volte più pesante - secondo i dati di Via Nazionale - sui prestiti in sofferenza, piuttosto che sui titoli poco liquidi.

E' un problema che ha un preciso riscontro nazionale. Le banche hanno, in media, il 21 per cento degli attivi in derivati, contro il 9 per cento delle italiane. Tirando le somme, si esce con l'impressione che, al di là dei problemi tecnici, ci sia un problema politico. Gli stress test sono stati congegnati avendo nel mirino banche molto esposte con lo Stato e la clientela e chiudendo un occhio con quelle molto esposte sul mercato finanziario. Nel concreto, le banche all'italiana nel primo caso, quelle alla tedesca e alla francese nel secondo.

Il problema politico, allora, diventa generale. Renzi ha ragione a strepitare contro una strategia economica della Ue, improntata all'austerità, che ascolta troppo Berlino e poco Roma. Ma i nodi stanno molto al di sotto delle strategie generali. Riguardano la gestione giorno per giorno delle scelte dell'Europa, in cui l'Italia viene compensata con qualche concessione ogni tanto, ma sistematicamente svantaggiata nella politica quotidiana. Leggi la notizia
TERREMOTO A PIAZZA AFFARI SIAMO ALLO SMASH-OVER IL SISTEMA BANCARIO E' SULL'ORLO DEL BARATRO

TERREMOTO A PIAZZA AFFARI SIAMO ALLO SMASH-OVER IL SISTEMA BANCARIO E' SULL'ORLO DEL BARATRO

09 Febbraio 2016

Indici fuori controllo a Piazza Affari in una giornata di estrema volatilità, cominciata con il crollo della Borsa di Tokyo (-5,4%): Milano ha chiuso in rosso perdendo il 3,21%, dopo il tonfo di lunedì del 4,7%, facendo toccare al Ftse Mib i nuovi minimi dall’estate 2013. Le Borse europee hanno bruciato 130 miliardi, solo Milano pesa sul totale per 13 miliardi. Madrid ha perso il 2,3%, Parigi l’1,69%, Francoforte l’1,11%, Londra lo 0,88%. Piazza Affari è stata pesantemente penalizzata dalle vendite sui bancari, con le azioni di diversi istituti popolari in asta. Operatori e analisti appaiono sconfortati dall’andamento del listino milanese. Tutti, senza eccezioni, sottolineano che il ritracciamento fisiologico di inizio anno ha assunto i contorni del «panic selling», con i titoli che stanno toccando livelli che non rispecchiano i fondamentali. Ecco i peggiori ribassi: Ubi -8,87%, Banco Popolare -8,63%, Pop Milano -8,35%, Unicredit -7,91% (nel giorno della pubblicazione dei conti) e Intesa Sanpaolo -6,21% (all’indomani della pubblicazione dei risultati 2015). Chiude poco mosso rispetto lo spread tra Btp e Bund tedesco, attestandosi a 145 punti base. Il tasso del decennale italiano è all’1,69% sul mercato secondario.

Come anticipato dal Corsera.it e dal dr.Matteo Corsini il crollo della borsa italiana sara' di ben oltre il 30%.dal giorno del nostro annuncio il mercato ha perduto oltre il 12%  in poche sedute .Secondo le analisi tecniche siamo nellafase profonda dello Smash over ribassi in accelerazione spinti verso il profondo rosso dal crollo simultaneo del greggio e della crisi finanziaria delle banche dovuta ai non-performing loans .A tutto questo si aggiunge la recessione in Cina lo stallo della produzione industriale,ma sopratutto i nuovi timori che la Grecia possa dare forfait..Lo Smash Over e' il momento peggiore di un sistema economico che potrebbe condurre al tracollo della stessa struttura finanziaria europea, ovvero la rottura della moneta unica.Insieme alle banche italiane cadono quelle tedesche.

Matteo Renzi ha dichiarato nel pomeriggio che le "banche italiane devono aggregarsi ".Ci domandiamo per fare cosa? Aggregare tra di loro banche indebitate, non fa altro che creare un gigante indebitato.La crisi economica del paese non riesce a diminuire il fardello delle esposizioni bancarie e tutto questo diventa un macigno su una sottilissima lastra di ghiaccio che sta per frantumarsi.

Simao allo Smash Over al momento della rottura quando come dicono in Russia in questi giorni " vi sara' un cambiamento dell'ordine delle cose".Siamo ad una svolta epocale la civilta' moderna si trova al bivio tra il forsennato consumo del greggio del petrolio e la svolta modernizzatrice delle energie pulite .Ormai e' chiaro che tutto questo determinera' una crisi sociale senza precedenti, perche' i paesi produttori di petrolio non riusciranno a soddisfare i giganteschi costi di gestione della pubblica amministrazione sopratutto del welfare.L'esodo biblico a cui assistiamo in questi ultimi mesi, potrebbe aumentare disperatamente fino a soffocare le economie europee sia per eccesso di manodopera e massima concentrazione di disoccupati.Lo scenario e' dei piu' orrorifici e catastroficii,soltanto un repentino duraturo rialzo del petrolio nel breve potra' ridurre l'impeto di questo disastro finanziario ed umanitario.

La crisi,. questa crisi, va oltre i limiti di qualsiasi parametro di riferimento oltre gli edges-risk 

Questa crisi finanziaria economica in altri tempi avrebbe potuto spingere al rialzo il prezzo del mattone,ma in questo caso e' ormai chiaro che i valori immobiliari non potranno far altro che rimodellarsi sull'economia reale, sulla capacita' di rimborso del capitale investito e dei flussi di cassa attesi.

Quale sara' la capacita' dell'Europa di assorbire questo shock assimetrico sui mercati, degli effetti negativi del petrolio, della Grecia, della recessione cinese e quale sara' la capacita' di resistenza del nostro sistema bancario ancora nessuno puo' dirlo,ma di una cosa siamo certi, che in Italia se non vi saranno accordi sul salvataggio del sistema bancario europeo, una o piu' banche sono destinate a fallire, perche' il loro salvataggio non e' piu' questione di qualche migliaia di miliardi come fu per MPS con i Tremonti bonds ma forse di venti anche trenta miliardi di euro .

Se cade MPS l'Europa intera sara' trascina in un vortice ribassista senza precedenti e questa volta la forza d'urto della crisi europea investira' dall'altra parte dell'oceano gli USA che come definisce BArack Obama "e' la piu' grande economia del mondo".

Leggi la notizia
PIAZZA AFFARI THE BLACK SWAN TERREMOTO IN BORSA CROLLANO LE BANCHE ITALIANE

PIAZZA AFFARI THE BLACK SWAN TERREMOTO IN BORSA CROLLANO LE BANCHE ITALIANE

08 Febbraio 2016 Il Ftse Mib, il paniere dei quaranta titoli più rappresentativi ga toccato nuovi minimi: diversi i titoli sospesi al ribasso, da Mps a Ubi fino Carige. Prova a tenere Enel, in calo comunque dell’1,5%.Negativi anche gli altri mercati europei: i settori più legati al ciclo economico, come bancario, auto, costruzioni e tecnologia, registrano ribassi tra il 2,5 e il 3%. In Asia la seduta è stata positiva per Tokyo (+1,1%) mentre le Borse cinesi, da Hong Kong a Shanghai, da Taiwan a Seul, sono chiuse da oggi fino a mercoledì per festeggiare il Capodanno. Piazza Affari, che nelle ultime settimane ha bruciato più del 19%, perde a causa di vendite sui titoli bancari, che rappresentano oltre il 40% della capitalizzazione della nostra Borsa, e che sono collegate sempre ai timori per i crediti deteriorati ancora nei bilanci (non-performing loans). La giornata è iniziata con un tentativo (fallito) di rimbalzo seguito alla difficile settimana scorsa. Ma non solo le banche soffrono e c’è un effetto spread, visto che la differenza tra il rendimento del nostro Btp decennale e il bund omologo si è allargata a 140 punti, il massimo mai toccato da luglio scorso, con il rendimento del Btp decennale tornato quindi all’1,66%. In risalita anche il differenziale con i Bonos spagnoli, a quota 148 punti. Leggi la notizia
WALL STREET SCIVOLA IN ROSSO 2016 TIMORI SU ECONOMIA MONDIALE PIAZZA AFFARI AFFONDA COME IL TITANIC

WALL STREET SCIVOLA IN ROSSO 2016 TIMORI SU ECONOMIA MONDIALE PIAZZA AFFARI AFFONDA COME IL TITANIC

08 Febbraio 2016

Wall Sreet apre in calo per il timore di un rallentamento generalizzato dell'economia a livelo globale. Anche le borse europee sono in rosso. Il Dow Jones scende dello'1,03% a 16.038, lo S&P cede l'1,65% a 1.848 punti e il Nasdaq arretra dell'1,67% a 4.363 punti. .


(08 febbraio 2016) Leggi la notizia
FTSE MIB CROLLO VERTICALE SI SCENDE SENZA PARACADUTE IPERVENDUTO TITOLI BANCARI SHOCK DIROMPENTE PER ECONOMIA ITALIANA

FTSE MIB CROLLO VERTICALE SI SCENDE SENZA PARACADUTE IPERVENDUTO TITOLI BANCARI SHOCK DIROMPENTE PER ECONOMIA ITALIANA

06 Febbraio 2016

La chiusura del mercato azionario italiano e' stata nei pressi dei minimi della settimana ne rende probabili ulteriori nel corso della prossima.Si sta verificando un calo verticale che non lascia  spazio a rimbalzi decenti utili per alleggerire.Gli eccessi sono sempre più esasperati:

  • crollo verticale;
  • ipervenduto settimanale sempre più marcato;
  • presenza ipervenduto settimanale anche nel grafico del rapporto tra il Ftse Mib ed il BTP a 10 anni: nessun precedente negli ultimi 5 anni, un precedente negli ultimi 10, a Maggio 2012;
  • ipervenduto settimanale del Ftse Italia Banche: unico precedente degli ultimi 5 anni nell'estate del 2011, quando anticipò un rimbalzo (non un'inversione) dell'indice bancario del 41% dai minimi.

Tuttavia, gli eccessi non rappresentano un segnale concreto di inversione ma, semmai, sconsigliano l'apertura di posizioni short perché il mercato potrebbe, da un momento all'altro, girarsi e rimbalzare anche in modo violento.

Il problema è che prima di allora l'indice potrà andare a segnare nuovi minimi.

Al momento attuale il quadro tecnico e' impressionante difficile che vi sara' una inversione di tendenza nel breve periodo.

Analisti tecnica di Riccardo Fracasso Trendonline 

Leggi la notizia
BANCA ETRURIA RINVIATI A GIUDIZIO GIUSEPPE FORNASARI LUCA BRONCHI DAVIDE CANESTRI OSTACOLO ALLA VIGILANZA

BANCA ETRURIA RINVIATI A GIUDIZIO GIUSEPPE FORNASARI LUCA BRONCHI DAVIDE CANESTRI OSTACOLO ALLA VIGILANZA

03 Febbraio 2016 Il procuratore di Arezzo ha chiesto il rinvio a giudizio per ostacolo alla vigilanza nei confronti dell'ex presidente di Banca Etruria Giuseppe Fornasari, dell'ex a.d. Luca Bronchi e del dirigente Davide Canestri. L'udienza è fissata per il 10 marzo. Si tratta del primo filone dell'inchiesta sulla banca aretina. Il procuratore ha poi rinotificato l'avviso di chiusura indagini anche sul secondo filone, quello sulle false fatturazioni. Leggi la notizia
SHOCK PETROLIO ALLARME ROSSO A PIAZZA AFFARI LA BORSA ITALIANA CROLLERA' DEL 30% NELLE PROSSIME SETTIMANE

SHOCK PETROLIO ALLARME ROSSO A PIAZZA AFFARI LA BORSA ITALIANA CROLLERA' DEL 30% NELLE PROSSIME SETTIMANE

03 Febbraio 2016 Non c'e' dubbio che il nuovo shock finanziario derivante dal crollo del prezzo del petrolio spingera' i mercati finanziati in un vortice ribassista senza precedenti.La borsa italiana scendera' almeno del 30% nelle prossime tre quattro settimane, perche' vari fattori stanno entrando in collisione vedi la recessione economica cinese,gli scandali delle banche italiane e il crollo del valore del greggio.Non ci sara' scampo per nessuno come lascia anche intendere il crollo del titolo Ferrari.Sara' una primavera difficile per i mercati sopratutto per il mercato immobiliare che senza liquidita' rischia di paralizzarsi. Leggi la notizia
MPS CROLLA IL TITOLO IN BORSA ESUBERI PER 3000 DIPENDENTI 50 MILA CREDITI INESIGIBILI

MPS CROLLA IL TITOLO IN BORSA ESUBERI PER 3000 DIPENDENTI 50 MILA CREDITI INESIGIBILI

03 Febbraio 2016

Viola risponde anche a una domanda sull'andamento dei depositi: «Quello che è successo nelle settimane scorse è stato certamente un aumento della preoccupazione da parte dei clienti, mi risulta non solo del Monte dei Paschi, ma anche di altre banche, soprattutto per quanto riguarda l'applicazione di questa nuova normativa del bail-in. Qui la rete ha fatto un lavoro straordinario di informazione e che è stato reso possibile Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/98GDhk

Il titolo MPS continua la sua discesa in borsa.L'a.d. Fabrizio Viola a radio 24 cerca di calmare le acque : " la banca e' patrimonializzata per 10 miliardi di euro " dimentica l'amministratore delegato di spiegare come i costi di gestione siano ancora altissimi e che MPS dovrebbe licenziare almeno 3000 persone.Qualsiasi azienda sana che deve fronteggiare unperiodo negativo e bilanci poco rassicuranti dovrebbe abbattere i costi di gestione,cosa che a Siena non accade da decenni.I crediti deteriorati di MPS sono all'incirca 50 miliardi ,un fardello che nessuno banca in Italia oggi sarebbe in grado di assorbire.La sola via d'uscita per MPS e' l'acquisizione da parte di BancoPosta,sebbene la strada e' in salita e rischierebbe di compromettere il collocamento in borsa dell'intero gruppo Poste Italiane.A Siena devono attendere.Il titolo crolla MPS non esiste piu'.

Leggi la notizia
SCANDALO BANCHE DA MPS A BANCA ETRURIA INVESTITORI TRUFFATI DA UNA BANDA DI LADRI

SCANDALO BANCHE DA MPS A BANCA ETRURIA INVESTITORI TRUFFATI DA UNA BANDA DI LADRI

30 Gennaio 2016

se vuoi scrivere la tua storia o hai notizie da inviarci invia mail a direzione.rm@corsinihouses.com 

CRISI BANCARIE: GLI HIGHLIGHTS DELLA BRRD
La direttiva BRRD fornisce alle cosiddette “autorità di risoluzione”, ruolo che in Italia è svolto dalla Banca d’Italia, poteri e strumenti per: 
i) pianificare la gestione delle crisi
ii) intervenire per tempo, prima della completa manifestazione della crisi; 
iii) gestire al meglio la fase di “risoluzione”

La Banca d’Italia potrà, già durante la fase di normale operatività della banca, preparare piani di risoluzione che individuino le strategie e le azioni da intraprendere in caso di crisi. Via Nazionale potrà intervenire già in questa fase per creare le condizioni che facilitino l’applicazione degli strumenti di risoluzione. La BRRD, inoltre, mette a disposizione delle autorità di supervisione strumenti di intervento (i cosiddetti “early intervention”) che integrano le tradizionali misure prudenziali e sono graduati in funzione della problematicità dell’intermediario (come rimuovere gli organi di amministrazione e/o nominare amministratori temporanei).

banca_italia_3CRISI BANCARIE: LA RISOLUZIONE
Si ricorre alla risoluzione quando una banca è in dissesto, quando misure alternative di natura privata come la ricapitalizzazione non evitano in tempi brevi il dissesto e quando la liquidazione non salvaguarderebbe la stabilità sistemica e l’interesse pubblico.
Sottoporre una banca a risoluzione, unica alternativa alla liquidazione disciplinata dal Testo unico bancario, significa avviare un processo di ristrutturazione gestito da autorità indipendenti. Questi manager, grazie all’utilizzo di tecniche e poteri contemplati dalla direttiva BRRD, puntano a evitare interruzioni nella prestazione dei servizi essenziali offerti dalla banca (come depositi e servizi di pagamento), a ripristinare condizioni di sostenibilità economica della parte sana della banca e a liquidare le parti restanti. 

RISOLUZIONE BANCARIA: GLI STRUMENTI
Nel caso di un dissesto bancario non sanabile in tempi brevi e che metta in pericolo l’intero sistema, la Banca d’Italia potrà:
vendere una parte dell’attivo;
trasferire temporaneamente le attività e passività a una bridge bank (ossia a un veicolo costituito per proseguire le funzioni più importanti in vista di una successiva cessione sul mercato);
trasferire le attività deteriorate a una bad bank (che ne gestisca la liquidazione);
- applicare il bail in.

 

Leggi la notizia
DEFAULT A PIAZZA AFFARI BANCA ETRURIA MONTE DEI PASCHI DI SIENA UN VIRUS MUTANTE CHE HA CONTAMINATO LE CASE DEGLI ITALIANI

DEFAULT A PIAZZA AFFARI BANCA ETRURIA MONTE DEI PASCHI DI SIENA UN VIRUS MUTANTE CHE HA CONTAMINATO LE CASE DEGLI ITALIANI

28 Gennaio 2016

Si è appena chiusa l’ennesima giornata-Caporetto per le banche italiane in Borsa: Mps -7,88%, Mediobanca -5,01%, Carige -4,99%, Ubi a -5,85%, Banco Popolare -5,80%, Bpm -9,81%, Intesa Sanpaolo -5,06%, UniCredit -6,48%, Bper -7,52%. Un crollo che, come quasi sempre succede, ha pesato sul listino di Piazza Affari (-3,49%) essendo i titoli bancari e finanziari la componente più importante dell’indice FtseMib. Questa è una specificità tutta italiana, che nei momenti più delicati e incerti innesca un circolo vizioso: chi vuole allontanarsi dall’Italia vende le banche, perché sono le più esposte al debito pubblico italiano; e chi teme le banche, esce dall’Italia («avoid Italy», raccomandava a inizio gennaio un report di JpMorgan sul sistema bancario europeo).

Analisi e valutazioni finanziarie a cura del dr.Matteo Corsini.

Non c'e' dubbio che il crollo del settore bancario italiano e' principalmente legato al deterioramento dei  crediti inesigibili, anche del settore immobiliare.Non c'e' dubbio che l'accordo per la banca leggera, realizzato tra il nostro Governo e la Commissione europea, non fa altro che accendere i fari sulla situazione insostenibile del nostro settore bancario.Non c'e' dubbio, che l'accordo in extremis cercato da Matteo Renzi, assomiglia moltissimo al tentativo di salvataggio che negli Usa, nel corso della prima crisi finanzairia legata ai mutui subprime,venne precluso alla banca d'affari Lehman Brothers.Quell'accordo fallito trascino' il mondo finanziario a livello planetario in un inferno, nella centrifuga di una  crisi che esplodeva in tutta la sua dirompente forza d'urto.L'accordo sul Gacs, come viene denominato, non e' altro che 

Leggi la notizia
CORRIERE GOVERNO  PIER CARLO PADOAN E' CORSA CONTRO IL TEMPO PER SALVARE LE BANCHE ITALIANE DAL DEFAULT

CORRIERE GOVERNO PIER CARLO PADOAN E' CORSA CONTRO IL TEMPO PER SALVARE LE BANCHE ITALIANE DAL DEFAULT

27 Gennaio 2016

ROMA/MILANO (Reuters) - Raggiunto l'accordo ieri con l'Europa, il ministero dell'Economia ha annunciato che sarà "presto disponibile" la garanzia sulla cartolarizzazione delle sofferenze (Gacs) che mira a favorire la dismissione di questi crediti dai bilanci delle banche.

In Borsa, i titoli del credito hanno avviato la seduta in tono positivo per poi muoversi in altalena nel corso della giornata, con il mercato che fatica a valutare il reale impatto della misura annunciata.

Ad incidere sui corsi azionari sono anche le speculazioni sulla prossima ondata di aggregazioni, auspicate dallo stesso premier Matteo Renzi.

Il consiglio dei ministri è convocato per domani alle 17,00, ma non è stato ancora diffuso l'ordine del giorno.

Fonti governative e vicine al dossier indicano come "molto probabile" il varo del pacchetto per accelerare i tempi di recupero dei crediti con un nuovo intervento sulle procedure concorsuali e la riforma delle Bcc, le banche di credito cooperativo.

L'approvazione del Gacs, invece, potrebbe richiedere più tempo.

"Faremo di tutto per accelerare il processo", dice in proposito il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan a margine dei lavori parlamentari.

La Commissione europea, spiega un portavoce, aspetta che l'Italia le notifichi formalmente uno schema di intervento, passo necessario perchè poi possa certificarne la compatibilità della garanzia con la normativa sugli aiuti di Stato.

Ridurre le sofferenze, nelle intenzioni del governo, è essenziale per far crescere il credito a sostegno della ripresa.   Continua...

 
Leggi la notizia
DEFAULT A PIAZZA AFFARI  SCRICCHIOLA ANCHE BANCA INTESA IN VENDITA OLTRE META' DELLE FILIALI ITALIANE FORSE UNA VORAGINE I CREDITI INESIGIBILI

DEFAULT A PIAZZA AFFARI SCRICCHIOLA ANCHE BANCA INTESA IN VENDITA OLTRE META' DELLE FILIALI ITALIANE FORSE UNA VORAGINE I CREDITI INESIGIBILI

26 Gennaio 2016

Piazza affari e' nuovamente crollo per il settore bancario italiano.Le parole di Mario Draghi non sono state sufficienti a riportare il bel tempo sul settore che e' schiacciato da una voragine di oltre 200  miliardi di crediti inesigibili.Malgrado dal Governo e dai media arrivano sul mercato parole incoraggianti,la questione delle banche italiane sta per esplodere sul tavolo del governo,perche' l'intero sistema italiano potrebbe collassare ,proprio come il cedimento di un palazzo.I rumors dicono che la stessa Banca Intesa stia scricchiolando sotto gli effetti nefasti della crisi una vera e propria voragine i crediti inesigibili.Per quesot motivo sono finite sul mercato oltre meta' delle filiali della banca .Vale a dire che le filiali in dismissioni sono maggiori rispetto al numero indicato nel piano industriale .La rete di filiali e' finita sul mercato in sordina,parte tramite il fondo Armonia di Ideafimit .La banca piu' patrimonializzata d' Italia in realta' soffre dello stesso virus che ha contagiato l'intero settore bancario italiano :i crediti inesigibili ovvero l'impossibilita' nel breve termine di rientrare di interessi e capitale dei finanziamenti concessi alla clientela.C'e' da dire che le reti di Banca Intesa finite sul mercato non sono neanche cedibili,perche' data la crici economica e la paura che adombra il settore,gli investitori non scommetteranno certo sulle  garanzie di un contratto di locazione bancario.Dopo Banca Intesa, anche Unicredit ha iniziato un pesante piano di dismissioni di filiali in tutta Italia .Sul mercato ci sono almeno 1 miliardo di euro di filiali bancarie che nessuno vuole ,propaggini di quel virus che sta minando alle radici il sistema bancario italiano.Dopo MPS Italease Banca Popolare dell'Etruria e' forse pronto a cadere un altro gigante dell'economia italiana ?

 

edit by Mark Castellano 

New York 

Leggi la notizia
PIAZZA AFFARI CROLLA MPS -22% UNA BOMBA ATOMICA PRONTA A FAR ESPLODERE IL SETTORE BANCARIO ITALIANO

PIAZZA AFFARI CROLLA MPS -22% UNA BOMBA ATOMICA PRONTA A FAR ESPLODERE IL SETTORE BANCARIO ITALIANO

21 Gennaio 2016 Nuovo incubo per le Borse europee, con Milano che nel mercoledì nero dei mercati ha guidato i ribassi e terminato le contrattazioni in calo del 4,8%, tornando ai livelli del dicembre 2013. Complessivamente le Borse europee hanno perso 233 miliardi di euro. Il crollo del petrolio — con il Wti (contratto scadenza marzo) scambiato a 28,16 dollari al barile in ribasso del 4,7% — il calo di Wall Street e il timore per il rallentamento dell’economia globale hanno provocato un forte scossone dei listini europei. Piazza Affari è stata la peggiore, risentendo ancora del peso delle banche, tutte in profondo rosso. A destare preoccupazione, però, è stata soprattutto Mps che ha accusato un tonfo del 22,2%, nonostante sia ancora in vigore il divieto delle vendite allo scoperto imposto da Consob. Le rassicurazioni dell’amministratore delegato, Fabrizio Viola, sulla solidità della banca sono valse a poco e non hanno arginato la raffica di vendite che si è abbattuta sull’istituto. La capitalizzazione della banca senese, ormai, si è assottigliata a meno di 1,5 miliardi di euro. Si tratta del valore più piccolo tra le società del Ftse Mib. Comunque sono state travolte dalle vendite anche le azioni del Banco Popolare (-10,8%), per cui la Consob ha vietato le vendite allo scoperto per l'intera giornata del 21 gennaio, e delle big Unicredit (-7,7%)e Intesa Sanpaolo (-5,5%). Sono inoltre sprofondate del 12% le Saipem (-10,4%), risentendo sia delle quotazioni del greggio, sia della prospettiva che stia per partire l’aumento di capitale da 3,5 miliardi. Sul fronte dei cambi, l’euro passa di mano a 1,0914 dollari (ieri 1,09 dollari) e 126,9 yen (128,3 yen), mentre il dollaro-yen si attesta a 116,41 (117,7). Leggi la notizia
MERCATO IMMOBILIARE 2016 SARANNO FUOCHI D'ARTIFICIO MATTEO CORSINI DALLO SCANDALO DELLE BANCHE ALLA LEGGE DI STABILITA' COSA CAMBIA PER IL MATTONE ITALIANO

MERCATO IMMOBILIARE 2016 SARANNO FUOCHI D'ARTIFICIO MATTEO CORSINI DALLO SCANDALO DELLE BANCHE ALLA LEGGE DI STABILITA' COSA CAMBIA PER IL MATTONE ITALIANO

31 Dicembre 2015

Dopo tanti anni di recessione l'economia italiana pare ritrovare spunto .Secondo Matteo Corsini il mercato immobiliare italiano sarebber ad una svolta e questo anche grazie alla attivita' di governo del presidente del consiglio Matteo Renzi.

"Non c'e' dubbio che le azioni di governo hanno stabilizzato il mercato interno, dando nuovo impulso all'economia italiana,ma sopratutto creato i presupposti per il rilancio del mattone.Quello che notiamo e' che gli investitori sono tornati a fare capolino sul mercato immobiliare, che ancora una volta si traduce nell'investimento sicuro per eccellenza.Gli spunti per un nuovo rialzo del mercato arrivano da due direzioni :riforme e crisi del sistema bancario italiano.Non v'e' dubbio che lo shock provocato dal default delle banche popolari Banca Marche Popolare di Vicenza Banca popolare Etruria e Lazio Carichieti e Cariferrara delinea un quadro a tinte fosche per il settore bancario spingendo verso il mattone gran parte degli investitori."

"Inoltre, con la legge di stabilita', il governo di Matteo Renzi ha introdotto novita' importanti per il settore, come gli invcentivi  del contratto di leasing per l'acquisto dell'abitazione principale che sara' sicuramente un detonatore per la ripresa della vendita delle prime case."

"Credo che assisteremo ad un fortissimo recupero dei valori immobiliari nei prossimi mesi sopratutto per i mattoni di qualita' nelle zone centrali delle principali citta' italiane.Siamo ad una svolta epocale.Dopo la terribili crisi del 2014 le cose stanno riprendendo questione di un altro paio di mesi e torneremo a vedere i fuochi di artificio.Sebbene questa volta la crisi sia stata profonda ma sopratutto legata a doppio filo con la crisi finanziaria dei mutui subprime,il recupero dei valori sara' altrettanto profondo e veloce ."

Lo scenario per il 2016 e' dunque roseo per il mattone italiano secondo Matteo Corsini che come tutti sanno gestisce la Corsini real estate leader nelle compravendite immobiliare conprocedura competitiva.Quando il mattone vale come un quadro d'autore la vendita con asta competitiva e' la sua dimensione naturale."

Corsini real estate la trovi a 0680691720 direzione.rm@corsinihouses.com oppure invia un sms a 335291766 

Leggi la notizia
BUON NATALE 2015 CORSINI IMMOBILIARE ASTA RECORD ATTICO QUARTIERE TRIESTE  VENDUTO A 12 MILA EURO AL METRO QUADRATO

BUON NATALE 2015 CORSINI IMMOBILIARE ASTA RECORD ATTICO QUARTIERE TRIESTE VENDUTO A 12 MILA EURO AL METRO QUADRATO

25 Dicembre 2015

Il 2015 per il mercato immobiliare si chiude con i fuochi di artificio secondo Matteo Corsini immobiliarista romano e guru del settore.

"Abbiamo chiuso con i fuochi di artificio vendite record nei principali quartieri di Roma."

"I prezzi si muovono al rialzo dunque? "

"Diciamo che la qualita' oggi e' al primo posto nella scelta degli investitori e la crisie economica non ha fatto altro che dilatare il solco tra chi e' ricco e chi e' senza soldi con grande vantaggio del mercato del lusso.-"

"Ci faccia un esempio"

"Roma in Via Benaco recentemente per un attico di 135 mq abbiamo concluso l'affare con un'offerta record oltre 1600 mila euro dunque parliamo di 12 mila euro al metro quadrato."

"Una cifra record "

"Diciamo che ancora una volta ci siamo distinti per la straordinarieta' del nostro lavoro e sopratutto la conduzione delle aste e' oggi la nuova frontiera del real estate "

"ma chi ha comprato questa casa ? "

"Il cliente e' segreto ma parliamo di una Principessa ....."

Leggi la notizia
CORSERA STABILITA' E' LEGGE BOSCHI TIRA UN RESPIRO DI SOLLIEVO

CORSERA STABILITA' E' LEGGE BOSCHI TIRA UN RESPIRO DI SOLLIEVO

23 Dicembre 2015 «Stabilità, collegato ambientale e Rai tutto in un giorno, tre partite che sembravano impossibili portate a casa nel giro di qualche ora». Lo ha detto martedì sera il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che ha aggiunto: «La produttività di questo Parlamento è impressionante ed i cittadini ne vedranno le conseguenze con l'abbassamento delle tasse».Via libera definitivo, quindi, da parte dell’Aula del Senato alla manovra 2016. Con 162 sì e 125 no, l’Assemblea di Palazzo Madama ha approvato la fiducia al Ddl di Stabilità. Subito dopo il Senato ha approvato il Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2016 e il bilancio pluriennale per il triennio 2016-2018, con 154 sì e 9 no. È così terminata, poco prima delle 17.30, la sessione di bilancio in Parlamento. Dopo aver approvato la legge di Stabilità e la riforma della Rai, l’Aula del Senato sospende i suoi lavori per le festività natalizie.La prossima seduta è stata fissata per il 12 gennaio alle 16,30. Leggi la notizia
BANCA POPOLARE DI VICENZA BUCO MONSTRE ESPLODE LO SCANDALO DELLA BANCA UBRIACA

BANCA POPOLARE DI VICENZA BUCO MONSTRE ESPLODE LO SCANDALO DELLA BANCA UBRIACA

08 Settembre 2015 La popolare di Vicenza scopre un buco monstre una perdita da oltre un miliardo di euro nei bilancio 2015 dovuti a rettifiche di valore sui crediti per circa 703 milioni nuovi accontamenti per oltre 380 milioni ulteriori rettifiche sugli avviamenti della stessa Banca Popolare di Vicenza e di banca Nuova.Quella che fino a ieri sembrava una banca solida si e' improvvisamente rivelata un altro buco nero della finanza italiana dove i crediti esigibili si deteriorano giorno per giorno.Quale sia l'entita' del buco della Popolare di Vicenza nessuno lo sa,dovrebbero essere analizzati tutti i rapporti con la clientela corporate e consumer i finanziamenti concessi i mutui .Anche la Popolare di Vicenza e' un gigante d'argilla che sta precipitosamente rovinando nella melma.A pagarne lo scotto gli azionisti i conto correntisti un'intera regione del Nord Est sicura del suo sistema bancario che oggi non esiste piu'.Banca Popolare di Vicenza come Monte dei Paschi di Siena l'anello mancante al disastro delle banche politicizzate in Italia.Ci si domanda come mai la Banca d'Italia non sia intervenuta prima come nessuno si sia accorto che erano gli azionisti a sottoscrivere gli aumenti di capitale sottoscrivendo azioni della banca con i soldi che questi concedeva sotto forma di finanziamenti.Un gioco al massacro un carosello di omerta' che per anni ha coperto l'amministrazione ubriaca di Gianni  Zonin il re del vino.Appare all'orizzonte il dramma del Monte dei Paschi di Siena del default della piu' antica banca italiana al fallimento di un sistema finanziario che rimpinzava gli amici di soldi senza curarsi della restituzione di quei finanziamenti.Cosza nasconde dentro lo stomaco dei bilanci Banca Popolarei di Vicenza? Sono 2 o forse 3 i miliardi in sofferenza che dovranno in qualche modo essere reperiti sul mercato? O quella di banca Popolare di Vicenza e' la fotocopia della triste odissea che ha condotto MPS al disastro finanziario? Leggi la notizia
FINANZA TEMPESTA SHANGHAI CROLLA LA BORSA CINESE L'EUROPA TREMA

FINANZA TEMPESTA SHANGHAI CROLLA LA BORSA CINESE L'EUROPA TREMA

25 Agosto 2015 Ancora un nuovo crollo per la borsa di Shanghai che lunedì' aveva perso l’8,49% affondando tutti i mercati mondiali. La Borsa cinese chiude a -7,62% sotto la soglia di sicurezza dei 3000 punti. La soglia dei 3.000 punti per l’indice della piazza cinese era vista da molti come un livello chiave, scendendo sotto il quale c’era il rischio che si generasse il «panic selling». Per scongiurare la tempesta sui mercati la Banca centrale cinese ha deciso di tagliare i tassi dello 0,5%. Leggi la notizia
SHANGHAI LA TEMPESTA PERFETTA MATTEO CORSINI RITORNO AL MATTONE BOOM DELLE VENDITE ON LINE

SHANGHAI LA TEMPESTA PERFETTA MATTEO CORSINI RITORNO AL MATTONE BOOM DELLE VENDITE ON LINE

25 Agosto 2015 Shanghai tempesta sui mercati finanziari internazionali crolla la borsa cinese trema l'Europa ."Quella a cui stiamo assistendo e' una tempesta perfetta probabilmente anche indotta dalle autorita' cinesi che intendono spingere lo yuan a diventare una moneta di riferimento per gli investitori internazionali.Ma il crollo del mercato finanziario cinese prelude anche ad una contrazione dell'economia con forti ripercussioni ad esempio nel settore del lusso italiano .Le turbolenze si innestano anche in un quadro macropolitico allarmante dove il medioriente diventa l'innesco pere conflitti politici sociali religiosi molto prodondi.Non a caso anche il Presidente della repubblica italiana Mattarella ha parlato di gravi rischi dal terrorismo islamico tali da poter dar vita ad un terzo conflitto mondiale.Insomma nella pentola a pressione ormai giocano una moltitudine di fattori diversi che esplodono uno dietro l'altro fosse anche sotto le vesti del continuo colossale flusso migratorio.Tra mercati finanziari flusso migratorio guerra santa islamica l'Europa si ritrova al centro di una pressione concentrica nella quale diventa attrice principale e perno di ogni effetto concatentante.La prova che siamo chiamati a fronteggiare e' forse una delle piu' difficili crisi del sistema capitalistico moderno civilizzato tecnologicamente superiore e proprio per questo una barriera che diventa insormontabile se alcuni di questi conflitti non saranno risolti nel mondo.Non c'e' dubbio che il flusso migratorio di intere popolazioni deriva principalmente dall'aqssenza politica dell'europa e degli Usa dalla realta' nazionale di alcuni paesi inondati da rigurgiti di fanatismo religioso sociale politico.L'Europa deve cercare di attutire queste ondate di crisi perche' la loro insistenza non farebbe altro che progredire verso una forma di tempesta perfetta il Black Swan l'ultima spiaggia del capitalismo dove le sue contraddizioni storiche dovrano trovare una soluzione accomodante per tutti.In questo quadro macroeconomico e megapolitico non c'e' dubbio che il mattone gioca un ruolo fondamentale come chiave di resistenza del sistema finanziario globale perche' trattiene le risorse le ancora al territorio al contrario delle masse finanziarie che galleggiano sui emrcati tra titoli tossici moneta virtuale che si brucia improvvisamente ad ogni colpo di tosse.L'uragano cinese spazzera' via alcuni centri nervosi del sistema capitalistico come uno tsunami improvviso devastante inarrestabile poiche le ripercussioni gli effetti di cio' che sta accadendo oggi avranno conseguenze nel medio periodo su tutti i principali fondi di investimento che erano ancorati a massicci investimenti in Cina." Leggi la notizia
FINANZA CROLLA SHANGAI ITALIA 20 ANNI PER TORNARE AI LIVELLI PRE-CRISI

FINANZA CROLLA SHANGAI ITALIA 20 ANNI PER TORNARE AI LIVELLI PRE-CRISI

27 Luglio 2015 Il tasso di disoccupazione in Italia resterà alto nel medio termine e ci vorranno 20 anni per tornare ai livelli pre-crisi. È quanto si legge nel rapporto sull’Eurozona del Fondo monetario Internazionale. Il tasso di disoccupazione, spiega l’Fmi, «è atteso rimanere più alto che durante la crisi in Italia, e ai livello del periodo di crisi in Francia nel medio termine». Il Fondo prevede invece un calo del tasso di disoccupazione in Spagna che rimarrà comunque sopra il 15%. Secondo le previsioni dell’Fmi, senza «una significativa ripresa della crescita», la Spagna impiegherà quasi 10 anni, mentre Italia e Portogallo quasi 20 anni, per ridurre il tasso di disoccupazione ai livelli pre-crisi. L’alto tasso di disoccupazione giovanile nell’Eurozona potrebbe danneggiare il potenziale del capitale umano e dar luogo a una `lost generation´. «Nonostante i recenti miglioramenti - sottolinea il Fondo - il tasso di disoccupazione rimane sopra l’11% nell’area euro e vicino al 25% in Grecia e Spagna. La quota di disoccupazione di lungo termine continua ad aumentare, accrescendo i rischi di un’erosione delle capacità». Leggi la notizia