Domenica 07 Marzo 2021
HOTLINE: +39 335 291 766
LIBIA NO FLY-ZONE.SEIF AL-ISLAM GHEDDAFI GUERRA TERRORISTICA ALL'ITALIA.

LIBIA NO FLY-ZONE.SEIF AL-ISLAM GHEDDAFI GUERRA TERRORISTICA ALL'ITALIA.

18 Marzo 2011

Tripoli 18 Marzo 2011 CORSERA.IT

Qui Bengasi, di Matteo Corsini.

Come un baciamano diventa una minaccia di terrorisimo.

Checchè se ne dica,se si tradisce un amico,o almeno uno a cui fino a ieri avevi fatto l'inchino,questi malgrado sia in torto marcio,può sentirsi offeso e umiliato e il suo odio furibondo crescerà contro di te,più che contro ogni altro nemico.La posizione dell'Italia di Silivo Berlusconi con Muammar Gheddafi è esattamente questa.Un amico raggirato con mirabile arte diplomatica,che nel momento del bisogno,viene abbandonato a se stesso,troppo compromettente agli occhi del mondo intero,la liason dangereuse tra Silvio Berlusconi e il suo alter-ego libico.Si rischiava il ridicolo,lo stesso nostro Ministro degli Esteri Frattini,dallo sguardo artatamente miope,l'ha....

Leggi la notizia
GIAPPONE TSUNAMI AMBASCIATA ITALIANA LASCIARE TOKYO SUBITO.

GIAPPONE TSUNAMI AMBASCIATA ITALIANA LASCIARE TOKYO SUBITO.

17 Marzo 2011 (ANSA) - TOYOHASHI (GIAPPONE) - L'ambasciata italiana a Tokyo 'rinnova l'invito ai connazionali di allontanarsi dalle quattro prefetture colpite dallo Tsunami, dalle prefetture a nord della capitale e dalla stessa capitale'. Gli elicotteri militari hanno iniziato intanto a sganciare acqua sul reattore n.3 della centrale nucleare di Fukushima. La messa in sicurezza del reattore 'e' la priorita''. Lo dice il portavoce del governo Yukio Edano, secondo cui l'intervento e' necessario per l'aumento della pressione. Leggi la notizia
GIAPPONE TSUNAMI FUKUSHIMA SPENTO INCENDIO DEPOSITO CARBURANTE.

GIAPPONE TSUNAMI FUKUSHIMA SPENTO INCENDIO DEPOSITO CARBURANTE.

15 Marzo 2011 (ASCA-AFP) - Vienna, 15 mar - E' stato spento l'incendio divampato nel deposito stagno di combustibile esaurito della centrale nucleare giapponese di Fukushima. Lo ha annunciato l'Agenzia internazionale per l'energia atomica in un comunicato.

''Le autorita' giapponesi - si legge nella nota - hanno confermato che l'incendio verificatosi nel deposito stagno di combustibile esaurito e' stato spento alle ore 2,00 (Coordinated universal time)''. In precedenza, l'Aiea aveva annunciato di essere stata informata dalle autorita' giapponesi che il deposito era in fiamme e materiale radioattivo stava fuoriuscendo nell'atmosfera.

Le autorita' nipponiche hanno anche avvertito che alle ore 6,20 (ora locale) un'esplosione e' avvenuta presso l'unita' 2 del reattore della centrale, probabilmente causata dall'idrogeno.

Leggi la notizia
GIAPPONE TSUNAMI ALLARME NUCLEARE SULLA PORTAEREI RONALD REAGAN.

GIAPPONE TSUNAMI ALLARME NUCLEARE SULLA PORTAEREI RONALD REAGAN.

14 Marzo 2011

Torkyo 14 Marzo 2011 CORSERA.IT

La Settima Flotta americana ha fatto allontanare le proprie navi dopo che gli strumenti a bordo hanno riscontrato un aumento della radioattività. Diciassette marinai a bordo della portaerei americana «Ronald Reagan» sono infatti stati colpiti in modo lieve da radiazioni nucleari. La Reagan è stata la prima imbarcazione Usa a partire per offrire aiuto alle popolazioni civili colpite dal terremoto e dallo tsunami che ha sconvolto quelle zone. La radioattività è stata captata al termine delle missioni che questi militari stanno svolgendo a bordo di tre elicotteri. Tutti loro sono stati immediatamente soccorsi, si sono lavati a fondo e le loro divise sono state distrutte. Anche gli elicotteri sono stati de-contaminati.

Leggi la notizia
VIDEO ESPLOSIONE FUKUSHIMA.GIAPPONE RISCHIO NUOVA HIROSHIMA.

VIDEO ESPLOSIONE FUKUSHIMA.GIAPPONE RISCHIO NUOVA HIROSHIMA.

12 Marzo 2011

Tokyo 12 Marzo 2011 CORSERA.IT

Lo spettro,l'incubo di una nuova Hiroshima,si addensa fuligginoso sul Giappone,la Terra del Sol Levante.I fantasmi di una fusione nucleare,della sua esplosione,del fungo immenso che si alza verso il cielo e in un istante brucia tutto e qualsiasi cosa,il suo ventre gassoso riuscirà a risucchiare,per chilometri e chilometri,come le fauci di un dragone impazzito,feroce,che ha soltanto voglia di uccidere.E' questo la scenografia del nuovo Giappone questa mattina,l'acre sorriso del terremoto,il ventre putrido strappato con la forza delle onde dalla profondità della terra,mischiando cadaveri e rottami,carcasse di animali e liquami infetti.Il volto irriconoscibile di....

Leggi la notizia
CORSERATSUNAMI AIEA GIAPPONE FUKUSHIMA USCITA CONTROLLATA VAPORE RADIOATTIVO.

CORSERATSUNAMI AIEA GIAPPONE FUKUSHIMA USCITA CONTROLLATA VAPORE RADIOATTIVO.

12 Marzo 2011 Le autorita' giapponesi hanno comunicato all'Aiea (l'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica) delle misure adottate nel reattore di Fukushima, gravemente danneggiato dal terremoto di ieri, per abbassare la temperatura. Nel reattore num. 1 dell'impianto Daiichi di Fukushima e' stata permessa l'uscita controllata del vapore per ridurre la pressione interna; e il governo nipponico ha ordinato l'evacuazione dei residenti nell'arco di 10 km attorno alla centrale nucleare. La Commissione per la Sicurezza Nucleare del Giappone ha confermato stamane che si e' accertata una fuga di cesio radioattivo attorno alla centrale, nelle cui vicinanze le autorita' hanno evacuato 47.800 persone per evitare la contaminazione . Leggi la notizia
GIAPPONE IMPROVVISO IL MOSTRO TSUNAMI DEVASTANTE DOPO TERREMOTO 7.8 MAGNITUDO.

GIAPPONE IMPROVVISO IL MOSTRO TSUNAMI DEVASTANTE DOPO TERREMOTO 7.8 MAGNITUDO.

11 Marzo 2011

Tokyo 11 Marzo 2011 CORSERA.IT

Improvviso il mostro dello tsunami ha investito il Giappone,in seguito ad una scossa di terremoto di magnitudo 8.8  della scala Richter,che ha colpito Tokyo,la capitale giapponese.

Un terremoto di intensità devastante - due scosse -  ha investito Tokyo (alle 14.45 locali, in Italia erano le prime ore dell'alba), dove i grattacieli hanno oscillato sotto le scosse sismiche e la popolazione si è data alla fuga in cerca di riparo: le autorità hanno itmmediatamente lanciao l’allarme tsunami, avvertendo che il movimento tellurico avrebbe potuto generare un’onda anomala alta ben 6 metri. L'allarme tsunami è stato esteso a tutto il Pacifico, all'Australia, Messico, Nuova Zelanda e America

Leggi la notizia
GIAPPONE TSUNAMI TERREMOTO OLTRE TREMILA MORTI,MIGLIAIA DI FERITI.

GIAPPONE TSUNAMI TERREMOTO OLTRE TREMILA MORTI,MIGLIAIA DI FERITI.

11 Marzo 2011

Tokyo 11 Marzo 2011 CORSERA.IT

Sendai l'onda anomala dello tsunami apre una voragine nelle profondità dell'Inferno,un vortice che ingoia tutto,strappa gli alberi dalla terra,distrugge i palazzi,sommerge intere cittadine.Sono oltre tremila i morti,migliaia i feriti,autobus scomparsi,treni scomparsi nella terra,navi sbattute con violenza contro i pilastri delle autostrade.Il Giappone scompare sommerco dall'acqua,un'onda violenta,un'onda gigante e spaventosa,che cosparge la terra,come un liquame infeto,feroce,l'alito del drago che sospinge via ogni cosa,la felicità stessa della vita.

 

Leggi la notizia
LIBIA MUAMMAR GHEDDAFI ULTIME ORE DI SPERANZA IN EUROPA.

LIBIA MUAMMAR GHEDDAFI ULTIME ORE DI SPERANZA IN EUROPA.

09 Marzo 2011 MILANO - Tre jet privati appartenenti a Muammar Gheddafi sono partiti per Il Cairo alimentando voci di una fuga del Raìs dalla Libia. Il primo dei tre aerei è atterrato con il generale Abdel Rahman Ben Ali al-Sayyid al-Zawy, che reca un messaggio da parte del colonnello al capo del Consiglio supremo delle forze armate, Houssein Tantawi. Forse al-Sayyid incontrerà il segretario generale della Lega Araba Amr Moussa. Uno si è fermato a Malta, dove emissari del governo libico hanno incontrato alti funzionari del governo della Valletta; il velivolo ha poi ripreso il volo diretto verso il Portogallo. Un altro aereo Leggi la notizia
CORSERA ESTERI LIBIA COLPO DI SCENA GHEDDAFI DIMISSIONI SUBITO.

CORSERA ESTERI LIBIA COLPO DI SCENA GHEDDAFI DIMISSIONI SUBITO.

08 Marzo 2011

Tripoli 8 Marzo 2011 CORSERA.IT

Colpo di scena in Libia,Muammar Gheddafi secondo la televisione araba Al Jazeera,avrebbe offerto le sue dimissioni al Consiglio dei ribelli,tramite il suo ex primo Ministro Jadallah Azzouz Talhi.Il succo della proposta sarebbe quello di convocare il Congresso del popolo(il loro parlamento n.d.r.)per definire le modalità di uscita del Colonello libico dal fronte politico.La richiesta principale sarebbe un salvacondotto per Muammau Gheddafi e l'intera sua famiglia,che rischia di essere impiccata.(CORSERA.IT)

Leggi la notizia
LIBIA INTERVISTA GHEDDAFI : IO BALUARDO DELLA DEMOCRAZIA IN EUROPA.

LIBIA INTERVISTA GHEDDAFI : IO BALUARDO DELLA DEMOCRAZIA IN EUROPA.

07 Marzo 2011

Tripoli 7 Marzo 2011 CORSERA.IT

Muammar Gheddafi concede una intervista in esclusiva al giornale francese Journale du Dimanche.Ve la proponiamo intergralmente:

TRIPOLI - Ci descriva la situazione attuale in Libia,nel suo paese?
«Vede... Sono qui...».

Cosa accade?
«Tutti hanno sentito parlare di Al Qaeda nel Maghreb islamico. In Libia c'erano cellule dormienti. Quando è esplosa la confusione in Tunisia e in Egitto, si è voluto approfittare della situazione e Al Qaeda ha dato istruzioni alle cellule dormienti affinché tornassero a galla. I membri di queste cellule hanno attaccato caserme e commissariati per prendere le armi. E' successo a Bengasi e a Al-Baida, dove si è sparato. Vi sono stati morti da una parte e dall'altra. Hanno preso le armi, terrorizzando la gente di Bengasi che oggi non può uscir di casa e ha paura».

Da dove vengono

Leggi la notizia
CORSERA LIBIA BEN JAWAD MILIZIE GHEDDAFI DECINE DI MORTI E FERITI

CORSERA LIBIA BEN JAWAD MILIZIE GHEDDAFI DECINE DI MORTI E FERITI

06 Marzo 2011 Bengasi (Libia), 6 mar. (TMNews) - E' di almeno due morti e una trentina di feriti il bilancio delle vittime dei combattimenti nella località libica di Ben Jawad, un centinaio di chilometri ad est di Sirte: lo hanno reso noto fonti ospedaliere locali, che avevano parlato inizialmente di 15 feriti.

Il bilancio deve considerarsi provvisorio e tra i feriti almeno tre sono in condizioni critiche. I ribelli avrebbero abbandonato la località, costituendo una nuova linea di difesa poco più a ovest, a Ras Lanuf: le truppe fedeli al leader libico Muammar Gheddafi sarebbero meglio armate, e in possesso di armi pesanti.

Tra i feriti vi è anche un giornalista francese, ricoverato a Ras Lanuf e le cui condizioni non sono gravi. Secondo fonti locali a innescare gli scontri sarebbe stata un'imboscata tesa ai ribelli da alcuni miliziani della tribù di Al-Isuhn, che sarebbe passata dalla parte delle forze governative in cambio di denaro.

(fonte Afp) Leggi la notizia
GERMANIA:ATTENTATORE BUS NON HA LEGAMI CON TERRORISTI DI AL QAEDA.

GERMANIA:ATTENTATORE BUS NON HA LEGAMI CON TERRORISTI DI AL QAEDA.

05 Marzo 2011 ASCA-AFP) - Berlino, 4 mar - ''L'attentato non e' riconducibile ad organizzazioni terroristiche internazionali''. Cosi', il procuratore federale tedesco Rainer Griesbaum, in merito all'attacco terroristico all'aeroporto di Francoforte contro un bus militare americano, nel corso del quale hanno perso la vita due militari statunitensi e altri due sono rimasti gravemente feriti. Arid Uka, 21 anni e originario del Kosovo, arrestato subito dopo dagli agenti di sciurezza del terminal, ha dichiarato di aver compiuto l'atto dopo aver visto un video su YouTube che mostrava ''alcuni soldati americani irrompere in un'abitazione musulmana'' in Afghanistan e ''violentare'' una ragazza. Il giovane kosovaro ha dunque agito con ''l'intenzione di vendicarsi delle immagini'' seguite sul portale online, ha precisato Griesbaum, secondo cui il killer ''non ha legami con gruppi terroristici internazionali''. Durante l'attacco Uka ha esploso 9 colpi di pistola, uccidendo sul colpo un militare Usa e un altro che era alla guida del bus. Nei confronti dell'attentatore la Procura federale di Karlsruhe ha aperto un'inchiesta per ''omicidio con motivazioni islamiche''. Nel frattempo le autorita' hanno scoperto che Uka era amico di un fondamentalista tedesco di origine siriana, Rami M., arrestato nel giugno 2010 .

red/uda/ss Leggi la notizia
TRIPOLI BAB AL AZIZIYA ATTENTATO A COVO MUAMMAR GHEDDAFI

TRIPOLI BAB AL AZIZIYA ATTENTATO A COVO MUAMMAR GHEDDAFI

05 Marzo 2011

Roma 5 Marzo 2011 CORSERA.IT

Muammar Gheddafi attaccato nel suo covo superprotetto di Bab Al-Aziyaya,scampa alla morte per miracolo.Un conflitto a fuoco scatenato dagli insorti e i suoi mercenari africani,che hanno anche ottenuto la cittadinanza libica.Il bunker dove Gheddafi ripara con la sua famiglia,il nucleo centrale del dittatore,protetto con i denti e con le unghie dalla sua milizia personale.(CORSERA.IT)

Da Leggo.it TRIPOLI - Una violenta sparatoria è stata sentita ieri all'interno della caserma di Bab al-Aziziya, considerata il quartier generale di Muammar Gheddafi e della sua famiglia, a Tripoli. Secondo quanto riporta il quotidiano arabo 'al-Sharq al-Awsat', la sparatoria è durata una ventina di minuti ed è stata molto intensa. Fonti locali sostengono che al conflitto a fuoco hanno preso parte alcuni miliziani africani che hanno ottenuto la cittadinanza libica. Tre ufficiali libici sarebbero morti. Al momento non si conosce l'identità delle vittime della sparatoria, ma da ieri non si hanno più notizie del generale Abdullah al-Senoussi, capo

Leggi la notizia
CORSERA ESTERI LIBIA ZAWIYA CARRIARMATI GHEDDAFI FANNO STRAGE DI CIVILI.

CORSERA ESTERI LIBIA ZAWIYA CARRIARMATI GHEDDAFI FANNO STRAGE DI CIVILI.

05 Marzo 2011 Infuria una battaglia probabilmente decisiva nella città a 40 km da Tripoli. Dopo quattro ore di scontri, gli insorti respingono le forze lealiste, ma il Rais manda i rinforzi e sferra un nuovo attacco. Testimoni riferiscono di brutalità e violenza contro i civili. Intanto, in una lettera al Consiglio di Sicurezza, il ministro degli Esteri, Mussa Kussa, scrive di "un modico" utilizzo della forza contro i manifestanti e chiede la sospensione delle sanzioni. Primi passi della missione umanitaria italiana: partito da Pisa un C-130 con materiale della protezione civile per il campo profughi di Ras Jedir, sta per salpare da Catania una nave militare con aiuti per Bengasi Leggi la notizia
LIBIA GUERRA CIVILE MASSACRATO HUSSEIN DARBOUK,COLONNELLO DELLA RIVOLUZIONE.

LIBIA GUERRA CIVILE MASSACRATO HUSSEIN DARBOUK,COLONNELLO DELLA RIVOLUZIONE.

04 Marzo 2011 ROMA - Cinquanta persone sono morte e centinaia sono rimaste ferite nella città di al-Zawiya, Tripolitania, negli scontri tra i ribelli e le brigate fedeli al colonnello, che hanno ripreso il controllo del centro cittadino. Lo ha riferito un testimone, Abdel Hamid Sheikh, alla tv araba al-Jazeera, secondo il quale "al-Zawiya è in corso una strage". "Subito dopo la preghiera del venerdì - ha detto il testimone - i manifestanti sono scesi in strada contro il regime e le brigate fedeli a Gheddafi hanno aperto il fuoco contro di loro". Leggi la notizia
RAS LANUF LA STRAGE DEI VAMPIRI DI GHEDDAFI.FRATTINI DIMISSIONI.

RAS LANUF LA STRAGE DEI VAMPIRI DI GHEDDAFI.FRATTINI DIMISSIONI.

04 Marzo 2011

Tripoli, 4 mar. - (Adnkronos/Aki) - Le brigate fedeli al colonnello Muammar Gheddafi hanno ucciso 20 miliziani della tribu' degli al-Najuf, originari di Ras Lanuf. Secondo la tv satellitare 'al-Arabiya', i miliziani tribali sono stati uccisi perche' si sono rifiutati di reprimere con la forza i rivoltosi presenti nella loro citta'. La stessa fonte conferma che i rivoltosi tengono saldamente la citta' portuale del golfo della Sirte.

Muammar Gheddafi sta facendo scempio e strage dei suoi cittadini,tra poche settimane,il mondo intero conoscerà la verità,mentre oggi,come spesso accade,i responsabili dei governi occidentali sono incerti su cosa sia meglio fare.Eppure l'evidenza delle stragi è sotto i nostri occhi e anche l'Italia dovrebbe intervenire militarmente per fermare la strage dei vampiri di Gheddafi.

Leggi la notizia