HOTLINE: +39 335 291 766
CORSERA JOE BIDEN CADE DALLA BICICLETTA, LACCI DELLE SCARPE FATALI PER LA CADUTA ,CRAMPI ALLO STOMACO E FLATULENZA

CORSERA JOE BIDEN CADE DALLA BICICLETTA, LACCI DELLE SCARPE FATALI PER LA CADUTA ,CRAMPI ALLO STOMACO E FLATULENZA

19 Giugno 2022

Joe Biden è caduto mentre stava iniziando a fare un giro in bici a Rehoboth Beach, Delaware, ma si è subito rialzato.

"Sto bene", ha detto ai reporter che lo seguivano insieme agli agenti del Secret service.

Il presidente ha spiegato che ha avuto problemi nel togliere le scarpe dai pedali, cui erano agganciati con delle clip. Subito dopo il Presidente è stato colto da crampi e flatulenza eccessiva.

Il medico personale ha poi consigliato il rientro a casa immediatamente per verifiche di rito.

Leggi la notizia
CORSERA FRANCIA ELEZIONI EMMANUEL MACRON ESCE SCONFITTO. TGRIONFO PER JEAN-LUC MELENCHON, TORNA LA GAUCHE A PARIGI

CORSERA FRANCIA ELEZIONI EMMANUEL MACRON ESCE SCONFITTO. TGRIONFO PER JEAN-LUC MELENCHON, TORNA LA GAUCHE A PARIGI

19 Giugno 2022

Per Emmanuel Macron, due mesi dopo la conferma all'Eliseo, è arrivata la più bruciante delle sconfitte.

Un crollo al di là di ogni previsione per il presidente che in settimana - tornando dalla sua prima visita nell'Ucraina in guerra - aveva chiesto ai francesi una maggioranza "forte e chiara" per una "Francia davvero europea".

Ha vinto Jean-Luc Mélenchon, il tribuno della gauche che tallona la maggioranza presidenziale.

Leggi la notizia
CORSERA MATTEO SALVINI DALLA RUSSIA CON AMORE, IN PRIMA CLASSE VERSO MOSCA CON I SOLDI DELL'AMBASCIATA

CORSERA MATTEO SALVINI DALLA RUSSIA CON AMORE, IN PRIMA CLASSE VERSO MOSCA CON I SOLDI DELL'AMBASCIATA

11 Giugno 2022

Monaco 11 giugno 2022 by Alan Pederov indipendent

Matteo Salvini in volo verso Mosca dall'amico Vladimir Putin. vecche storie di colbacchi , di balli e vodka nella baita del  Leone. Quella storia tra Putin e Berlusconi che forse si ripete nel tempo, tramite il delfino della Lega Nord Matteo Salvini.Ma poi c'è stato l'intoppo,qualcuno l'ha fermato, il leader della Lega non ha potuto incontrare Vladimir Putin altrimenti lo avrebbero assoldato nei servizi segreti, stile Donald Trump. C'è un esercito di spie da ingrassare in Italia, di evanescenti personaggi su cui puntare. La giostra è quella nota dei putiniani, gli angeli custodi del delirio russofono,di impronta sovietica zarista. Ma il meccanismo si è inceppato e l'amico dell'Amico russo, è rimasto a casa a mangiare il fumo delle polemiche.

L'ambasciata russa in Italia rende noto di aver "assistito Matteo Salvini e le persone che lo accompagnavano nell'acquisto dei biglietti aerei" per il suo viaggio a Mosca previsto per il 29 maggio.

Un'assistenza necessaria per "le sanzioni" che hanno sospeso i collegamenti Roma-Mosca e rendono difficile l'acquisto dei biglietti di Aeroflot dall'Europa.

Dopo l'annullamento del viaggio "ci è stata restituita la cifra spesa: non ci vediamo nulla di illegale", prosegue l'ambasciata russa "in relazione alle notizie su alcuni media italiani".

 

Leggi la notizia
CORSERA UCRAINA POLONIA SI ALLARGANO I CONFINI DELLA GUERRA CON LA RUSSIA. INVIATI A KIEV 240 CARRI ARMATI E 100 MEZZI CORRAZZATI

CORSERA UCRAINA POLONIA SI ALLARGANO I CONFINI DELLA GUERRA CON LA RUSSIA. INVIATI A KIEV 240 CARRI ARMATI E 100 MEZZI CORRAZZATI

09 Giugno 2022

 La Polonia ha inviato finora in Ucraina armi per un valore di quasi 2 miliardi di dollari, inclusi più di 240 carri armati e circa 100 mezzi corazzati, riporta Ukrinform citando il presidente polacco Andrzej Duda "Abbiamo inviato carri armati dalla Polonia all'Ucraina: quasi due gruppi di carri armati da combattimento.Si tratta di oltre 240 carri armati che l'esercito ucraino può utilizzare.

 


   

Leggi la notizia
CORSERA GRAN BRETAGNA BORIS JOHNSON SCARICATO DA JOHN LAMONT, IL TORY SCOZZESE DECISO A METTERE IN GINOCCHIO LO SFRONTATO PREMIER INGLESE LEADER DEL PARTITO CONSERVATORE

CORSERA GRAN BRETAGNA BORIS JOHNSON SCARICATO DA JOHN LAMONT, IL TORY SCOZZESE DECISO A METTERE IN GINOCCHIO LO SFRONTATO PREMIER INGLESE LEADER DEL PARTITO CONSERVATORE

06 Giugno 2022

Londra 6 giugno 2022

Alla fine ai deputati ribelli si è unito un membro junior del governo, il Tory scozzese John Lamont, che ha annunciato il voto contro BoJo e si è dimesso dal ruolo di assistente della ministra degli Esteri, Liz Truss.

In precedenza Boris Johnson ha rivolto un ultimo appello ai deputati della sua maggioranza chiedendo loro di rinnovargli la fiducia nel voto sulla leadership interna al partito di maggioranza (da cui dipende anche la sua permanenza a Downing Street a capo del governo). Il premier ha scritto una lettera a ciascuno dei parlamentari conservatori e li ha poi affrontati faccia a faccia in un confronto teso subito prima di uno scrutinio che le previsioni indicano possa vederlo vincitore, ma non senza un'opposizione tale da lasciarlo ancora a rischio.

Leggi la notizia
CORSERA UCRAINA PACE MONDIALE APPESA AD UN FILO. LANCIARAZZI MULTIPLI M270 INGLESI. MOSCA PRONTA A COLPIRE IL CUORE DEL POTERE A KIEV

CORSERA UCRAINA PACE MONDIALE APPESA AD UN FILO. LANCIARAZZI MULTIPLI M270 INGLESI. MOSCA PRONTA A COLPIRE IL CUORE DEL POTERE A KIEV

06 Giugno 2022

London 6 january 2022 by Rupert Greensthill

Qualora all'Ucraina venissero consegnati lanciarazzi multipli a lungo raggio, Mosca potrebbe colpire il cuore del potere di Kiev, prendendo di mira infrastrutture strategiche e istituzioni del governo. Dopo che anche il Regno Unito ha annunciato l'invio di missili con una gittata di 80 km, i sistemi lanciarazzi multipli M270 per "colpire in profondità le posizioni russe posizionando le batterie più lontano dal fronte", che vanno ad aggiungersi agli Himars promessi dagli Usa, la Russia alza il tiro. L'avvertimento è giunto dal capo della commissione Difesa della Duma, la Camera bassa, Andrei Kartapolov, citando tra gli obiettivi possibili l'aeroporto della capitale ucraina e la Verkhovna Rada, la sede del Parlamento.

Leggi la notizia
CORSERA UCRAINA PROVE DI TERZA GUERRA MONDIALE VLADIMIR PUTIN REAGIREMO SE OCCIDENTE FORNIRA' MISSILI A LUNGO RAGGIO A KIEV

CORSERA UCRAINA PROVE DI TERZA GUERRA MONDIALE VLADIMIR PUTIN REAGIREMO SE OCCIDENTE FORNIRA' MISSILI A LUNGO RAGGIO A KIEV

05 Giugno 2022

Consegnare altre armi a Kiev da parte degli occidentali ha l'unico obiettivo di "estendere il conflitto il più possibile", ha detto il presidente russo Vladimir Putin, secondo quanto riporta la Tass.

Se l'Occidente fornirà missili a lungo raggio a Kiev, la Russia ne prenderà atto e colpirà strutture finora risparmiate dalla guerra, ha detto ancora Putin.

Diverse esplosioni hanno colpito la capitale ucraina Kiev all'alba di oggi: lo riferisce il sindaco Vitali Klitschko su Telegram.

 

Leggi la notizia
CORSERA UCRAINA VOLODYMYR ZELENSKY LA GUERRA SARA' SANGUINOSA E POTRA' TERMINARE SOLTANTO CON DIPLOMAZIA

CORSERA UCRAINA VOLODYMYR ZELENSKY LA GUERRA SARA' SANGUINOSA E POTRA' TERMINARE SOLTANTO CON DIPLOMAZIA

21 Maggio 2022

La guerra in Ucraina può terminare solo con mezzi "diplomatici": lo ha dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, parlando ad un canale tv ucraino, mentre i negoziati tra Mosca e Kiev sono ad un punto morto. La guerra "sarà sanguinosa, si combatterà, ma si concluderà definitivamente con la diplomazia", afferma Zelensky.

Leggi la notizia
CORSERA GUERRA FREDDA FINLANDIA RUSSIA BRACCIO DI FERRO SUL GAS, PROVE DI ORDINARIA FOLLIA  E TENSIONE ALLE STELLE

CORSERA GUERRA FREDDA FINLANDIA RUSSIA BRACCIO DI FERRO SUL GAS, PROVE DI ORDINARIA FOLLIA E TENSIONE ALLE STELLE

21 Maggio 2022

La fornitura russa di gas naturale alla Finlandia è stata oggi interrotta, ha affermato la compagnia energetica statale finlandese Gasum dopo che il paese nordico ha rifiutato di pagare il fornitore Gazprom in rubli. "Le forniture di gas naturale alla Finlandia in base al contratto di fornitura di Gasum sono state interrotte", ha dichiarato la compagnia finlandese in una nota aggiungendo che il gas sarà ora fornito da altre fonti attraverso il gasdotto Balticconnector, che collega la Finlandia all'Estonia.

Leggi la notizia
CORSERA UCRAINA BATTAGLIONE AZOV PER NOI LA RESA E' INACCETTABILE IL MONDO LIBERO DEVE SALVARCI

CORSERA UCRAINA BATTAGLIONE AZOV PER NOI LA RESA E' INACCETTABILE IL MONDO LIBERO DEVE SALVARCI

08 Maggio 2022

"La resa per noi è inaccettabile", dice il battaglione Azov dall'acciaieria assediata. Dopo l'evacuazione dei civili, la conferenza online proprio da Azovstal: "Ci sono molti militari feriti da evacuare ma combatteremo fino alla fine", annuncia il comandante del battaglione, Denis 'Radis' Prokopenko. "Le forze russe stanno continuando a bombardare l'area e stanno cercando di assaltare l'impianto", ha affermato il capitano Svyatoslav Kalina Palamar, vice comandante del battaglione Azov. Ha aggiunto di non poter confermare che tutti i civili siano stati evacuati dal sito, come riportato ieri. "I nemici vogliono distruggere gli ucraini, per noi è chiarissimo", aggiunge. "Ora i nostri politici stanno provando a negoziare con quegli animali. Ma non ricordano cosa hanno fatto? Non possiamo parlare con questa gente. Il nostro obiettivo è eliminare la minaccia", ha aggiunto il vicecomandante. "Qui stiamo difendendo il mondo libero. Non stiamo difendendo solo l'Ucraina, ma anche il mondo libero", aggiunge.

Leggi la notizia
CORSERA UCRAINA  VOLODYMYR ZALENSKY CRIMINI DI GUERRA IMPUNITI, I RUSSI HANNO IL POTERE DI UNO STATO NUCLEARE

CORSERA UCRAINA VOLODYMYR ZALENSKY CRIMINI DI GUERRA IMPUNITI, I RUSSI HANNO IL POTERE DI UNO STATO NUCLEARE

06 Maggio 2022

I russi credono di poter restare "impuniti" rispetto "ai loro crimini di guerra poiché hanno il potere di uno Stato nucleare", ha denunciato oggi il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, non senza definire l'attacco delle forze di Mosca all'Azovstal di Mariupol come un qualcosa che "non è un'azione militare" bensì "un tortura" mediante il tentativo di prendere "per fame" gli assediati. Una strategia, ha rincarato, frutto "dell'atteggiamento bestiale" dei militari russi alimentato a suo dire da decenni di "odio" e di "propaganda anti ucraina".

Leggi la notizia
CORSERA UCRAINA VLADIMIR PUTIN ATTACCO TOTALE E LEGGE MARZIALE SI CORRE VERSO LA TERZA GUERRA MONDIALE

CORSERA UCRAINA VLADIMIR PUTIN ATTACCO TOTALE E LEGGE MARZIALE SI CORRE VERSO LA TERZA GUERRA MONDIALE

01 Maggio 2022

London 1 maggio 2022 by Mary Stell

Gli attacchi missilistici ad Odessa non lasciano presagire nulla di buono per il mondo occidentale e l'Europa in modo particolare. Vladimir Putin è pronto ad andare avanti, a proseguire nella sua sfida alla NATO e agli USA. Secondo i giornali britannici il leader russo sarebbe pronto a dichiarare la Guerra Totale all'Ucraina adottando quale misura estrama la legge marziale, utile a reclutare tra i giovani russi i soldati per l'esercito in difficoltà. Ad oggi non sappiamo se sia un bluff, ma certamente la tolleranza che il mondo occidentale ha mostrato in questi primi 60 giorni, non fa che aumentare le probabilità che lo Zar di tutte le Russie, adotti misure estreme per convincere l'opinione pubblica mondiale che il dittatore non scherza e quindi la minaccia della Guerra Nucleare è possibile, probabile, imminente. Ma Vladimir Putin è un uomo in gabbia, un topo all'angolo, che potrebber mordere oppure morire asfissiato proprio nell'angolo più buio della sua esistenza, nei lampi poarossistici della patologia psicotica che ormai domina nella sua mente. Vladimir Putin è pericolos come Adolf Hitler, pronto a scannare i suoi oppositori come cani, morti ferocmeente e con loro mogli e figli. Siamo difronte ad un macellaio, ad un dittatore sanguinario, ad un soggetto che non intende fermarsi difronte a niente, sopratutto ammazzando ferocemente gli inermi, le vittime innocenti di questa aggressione. Ma come tutti gli psicopatici, difronte ad un'onda d'urto più seria e determinata della sua, potrebbe rintracciare, tornare all'angolo e morire asfissiato dei suoi stessi incubi e magari assassinato per opera di una delle sue guardie del corpo.

 

Leggi la notizia
CORSERA ALLARME NUCLEARE A ZAPORIZHZHIA SPECIALISTI DI ROSENERGOATOM ALL'INTERNO DELLA CENTRALE PER EFFETTUARE VERIFICHE

CORSERA ALLARME NUCLEARE A ZAPORIZHZHIA SPECIALISTI DI ROSENERGOATOM ALL'INTERNO DELLA CENTRALE PER EFFETTUARE VERIFICHE

01 Maggio 2022

L'Ucraina ha, nel frattempo, informato l'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica (Aiea) che Rosenergoatom - unità della compagnia nucleare statale russa Rosatom - ha inviato un gruppo di 8 specialisti nucleari alla centrale nucleare sud-orientale di Zaporizhzhia che hanno richiesto rapporti quotidiani sull'impianto e "questioni riservate" del funzionamento dell'impianto. Lo rende noto l'Aiea sul suo sito. I rapporti richiesti riguardano anche la gestione del combustibile nucleare, del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi. Secondo i media ucraini "Rosatom sta cercando di prendere il pieno controllo della centrale di Zaporizhzhia". Sul fronte diplomatico il presidente ucraino Volodymir Zelensky si dice ancora disposto al dialogo con Mosca "nonostante le atrocità" compiute dai russi. Un dialogo il cui stallo viene attribuito dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov alla Nato, accusata di evocare spettri di guerra nucleare, che il Cremlino invece, dice, esclude. La revoca delle sanzioni contro la Russia - ha detto ancora Lavrov - contro la Russia fa parte dei negoziati di pace tra Mosca e Kiev, che continuano ogni giorno ma sono "difficili". Lavrov ha inoltre affermato che "al momento le delegazioni russa e ucraina stanno discutendo in videoconferenza una bozza di un possibile trattato". Kiev, dal canto suo, va all'attacco della propaganda del Cremlino. "Quando è cominciata la guerra, i canali di propaganda russa come Primo Canale, Ntv e altri hanno cambiato i loro palinsesti per dedicarsi interamente alle news. Ricevono molti soldi per diffondere disinformazione, non solo in Russia ma anche attraverso l'Europa. Questo è pericoloso perché la disinformazione diffonde il caos in Europa". Lo ha detto all'ANSA il ministro dell'Informazione ucraino Oleksandr Tkachenko, aggiungendo di aver chiesto "ai colleghi europei di sanzionare questi canali che ancora trasmettono sulle piattaforme satellitari".

Leggi la notizia
CORSERA PATRICK ZAKI E' LIBERO LA MANDRAKATA DI MARIO DRAGHI. GIUBILO PER IL MONDO INTERO E PER L'EGITTO STESSO, ESISTE LA LIBERTA' E LA FELICITA'

CORSERA PATRICK ZAKI E' LIBERO LA MANDRAKATA DI MARIO DRAGHI. GIUBILO PER IL MONDO INTERO E PER L'EGITTO STESSO, ESISTE LA LIBERTA' E LA FELICITA'

08 Dicembre 2021

Il Cairo 8 dicembre 2021 CorSera.it

Patrick Zaki è stato scarcerato da un commissariato di Mansura. Anche noi del CorSera.it ci uniamo alla gioia della famiglia Zaki, ben consapevoli che la sua liberazione è dipesa dal sottile intervento di un certo Mario Dragfhi, nostro attuala presidente del Consiglio. Come si direbbe dalle parti di Roma, una bella mandrakata der sor Mario.

Appena uscito, lo studente egiziano dell'Università di Bologna, in carcere da 22 mesi, ha abbracciato la madre. "Tutto bene": queste le prime parole che Patrick Zaki ha pronunciato, parlando in italiano, appena rilasciato. 'Voglio dire molte grazie agli italiani, a Bologna, all'Università, ai miei colleghi, a chiunque mi abbia sostenuto'. Lo ha detto Patrick Zaki, parlando con l'ANSA, appena arrivato a casa della famiglia a Mansura dopo essere stato rilasciato. 

L'abbraccio è avvenuto in una stretta via su cui affaccia il commissariato, fra transenne della polizia del traffico e un camion con rimorchio.Per abbracciare la madre Patrick ha lasciato a terra un sacco bianco di plastica che portava assieme a una borsa nera. "Un abbraccio che vale più di tante parole.

Leggi la notizia
CORSERA AFGHANISTAN LA SCONFITTA DI KABUL, DATEMI UN MITRA E MANDATEMI A SALVARE MIA FIGLIA. LA BATTAGLIA PERDUTA DELLA CIVILTA' OCCIDENTALE

CORSERA AFGHANISTAN LA SCONFITTA DI KABUL, DATEMI UN MITRA E MANDATEMI A SALVARE MIA FIGLIA. LA BATTAGLIA PERDUTA DELLA CIVILTA' OCCIDENTALE

21 Agosto 2021

London 21 agosto 2021 CorSera.it by Matteo Corsini  ( Fondatore dell' Enciclopedia Universale delle Scienze Giuridiche )

Kabul, quando guardiamo le immagini dei marines americani, in piedi sulle torrette intorno al muro di cinta dell'aereoporto, assiepato da migliaia di afghani in cerca di libertà, vediamo davanti a noi l'immagine della grande sconfitta della civiltà occidentale, quella che intenderebbe tutelare la vita delle donne di ogni paese e oggi dalle atrocità dei talebani. Eppure, quella che vediamo difronte ai nostri occhi è lo scenario apocalittico di una guerra perduta senza appello, dove ai confini della frontiera della disperazione, le donne e gli uomini di Kabul, cercano un appiglio per fuggire e non arrendersi ad un destino infausto,che fa orrore al nostro senso di giustizia, come esseri umani.

Il senso di angoscia è profondo in tutti noi: non è soltanto assistere al crollo delle torri gemelle (che fu un attentato terroristico, un feroce atto di guerra) ma è come abdicare ai principi fondamentali della civiltà umana, cancellare per sempre quei valori inalienabili di libertà e sicurezza personale,  a cui le donne e gli uomini afghani hanno diritto sacrosanto, e per i quali ogni essere umano dovrebbe e deve combattere solidale e unito, senza mai rinunciare voltandosi indietro.Ma in questo momento non siamo capaci neanche di esternare la rabbia, il dolore, la voglia di reprimere una volta per sempre questo rigurgito violento, tornato a galla per mano delle bande armate dei tagliagola talebani. E' tutto davanti a noi, i volti di questi asfghani bellissimi, uomini e donne, che con passaporto in mano cercano la via di fuga, dalle bande dei tagliagola talebani che hanno invaso le città afghane. Donne e uomini, che nel corso degli ultimi venti anni, a costo di enormi sacrifici e pesanti perdite umane tra i familiari, hanno contribuito a risanare la loro civiltà, dagli orrori dei fanatici religiosi. Kabul è stata martoriata da continui attentati dinamitardi, orrore nell'orrore della guerra, alla perfidia dei talebani, agli atti violenti, feroci. Questa gente aveva ritrovato una vita di maggiore serenità, di sviluppo, di speranza del futuro. Lascia attoniti di come molti di questi afghani abbiano ben appreso la lingua inglese e che siano così spigliati, così vicini a noi, direi identici ai nostri figli, con la stessa medesima luce negli occhi. 

Leggi la notizia
CORSERA AFGHANISTAN LA BANDIERA DEL CALIFFATO SUL PALAZZO PRESIDENZIALE, TORNA IL TERRORE DELL'EMIRATO ISLAMICO, PRESTO TAGLIERANNO LE TESTE E LE MANI DEI CIVILI

CORSERA AFGHANISTAN LA BANDIERA DEL CALIFFATO SUL PALAZZO PRESIDENZIALE, TORNA IL TERRORE DELL'EMIRATO ISLAMICO, PRESTO TAGLIERANNO LE TESTE E LE MANI DEI CIVILI

16 Agosto 2021

Kabul 16 agosto 2021 by Sarah Ferguson 

A guardarli assiepati davanti alla scrivania delle stanze del potere, sembrano un branco di pecorai impolverati e puzzolenti, pronti a fare scempio degli esseri umani e delle donne , come fanno da sempre.Bande di criminali assassini che andrebbero spazzati via dalla faccia della terra senza alcuna pietà. Adesso mostrano il volto buono per impadronirsi del potere, quando gli stranieri saranno andati via, comincerà la vendetta, che sarà spietata e feroce pubblica. Vedremo la gente appesa ai forconi, sgozzata in pubblico, martorizzata da terribili torture, le donne rese schiave e le bambine prese in mogli per essere stuprate. Non facciamoci ingannare dal volto mite dei talebani di oggi, attendono che le forze americane fuggano via, per sollevare le urla omicide contro gli indifesi civili. Biden commette un errore a lasciare Kabul, il mondo occidentale assisterà allo strazio di altri innocenti. Salviamo l'Afghanistan dalla brutalità dei terroristi, salviamo il mondo dalla ferocia di un branco di assassini comuni. Inutile progredire e vivere nel nostro dorato mondo occidentale se dopo dovremo nasconderci dietro al palmo della mano per non vedere, ascoltare, stordirci dalle brutalità di questi fanatici religiosi che da sempre compiono straziando tutti coloro che riconoscono come avversari.

Leggi la notizia
CORSERA CORONAVIRUS  AUSTRALIA RECORD CONTAGI A SYDNEY E MELBOURNE, CITTA' SOTTO ASSEDIO SI TORNA AL LOCKDOWN

CORSERA CORONAVIRUS AUSTRALIA RECORD CONTAGI A SYDNEY E MELBOURNE, CITTA' SOTTO ASSEDIO SI TORNA AL LOCKDOWN

05 Agosto 2021

Record di contagi da coronavirus a Sydney, in Australia, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati 262 casi, mai così tanti dall'inizio della pandemia. Lo confermano le autorità sanitarie locali, segnalando che dei cinque deceduti per complicanze riconducibili al Covid-19 nell'ultima giornata, nessuno aveva completato il ciclo vaccinale. Il triste record è stato segnalato mentre ai cinque milioni di abitanti di Sydney è stato chiesto di restare in casa, per limitare la diffusione del contagio. Solo il 20 per cento dei cittadini australiani ha ricevuto entrambe le dosi del vaccino contro il Covid-19, sia a causa dello scetticismo della popolazione, sia per la difficoltà di approvvigionamento.  Anche le autorità di Melbourne stanno imponendo a tutti i cittadini l'obbligo di soggiorno a casa per la sesta volta dall'inizio della pandemia. Melbourne e il resto dello stato di Victoria entreranno in un lockdown di sette giorni a partire dalle 20, ora locale, di oggi, ha detto ai giornalisti il premier Daniel Andrews. La seconda città più grande dell'Australia l'anno scorso ha subito uno dei blocchi più lunghi e severi del mondo ed è uscita dal suo ultimo isolamento il 28 luglio scorso."L'avviso degli esperti è che se dovessimo aspettare anche solo pochi giorni, ci sarebbero tutte le possibilità che invece di rimanere rinchiusi per una settimana potremmo esserlo fino a quando non saremo tutti vaccinati", ha detto Andrews. 

Leggi la notizia
CORSERA GERMANIA RENANIA VESTFALIA ALLUVIONI ESONDAZIONI FRANE 130 MORTI MIGLIAIA DI DISPERSI DANNI PER MILIARDI DI EURO

CORSERA GERMANIA RENANIA VESTFALIA ALLUVIONI ESONDAZIONI FRANE 130 MORTI MIGLIAIA DI DISPERSI DANNI PER MILIARDI DI EURO

16 Luglio 2021

Bonn 16 luglio 2021 CorSera.it

Germania oltre 130 i morti a causa delle inondazioni che hanno messo in ginocchio la parte ovest del paese come la Renania-Palatinato e Renania Settentrionale-Vestfalia. Migliaia di persone risultano disperse. "Molte delle persone" disperse si trovavano sui tetti delle case che sono state travolte dal fiume in piena nel comune di Schuld, nella Renania-Palatinato, ha detto un portavoce della polizia di Colonia.  Almeno 19 persone sono morte nel distretto di Ahrweiler, dopo che il fiume Ahr, che sfocia nel Reno, ha rotto gli argini. Elicotteri della polizia e centinaia di soldati sono stati dispiegati in alcune aree per aiutare i residenti bloccati. Le scuole sono state chiuse nell'ovest del paese, mentre molti collegamenti ferroviari e stradali sono stati interrotti. "Non abbiamo ancora un'immagine chiara di quante siano le vittime" e "si cercano dispersi con gli elicotteri". Lo ha detto il ministro-presidente del Nordreno-Vestfalia, Armin Laschet, che incontrando la stampa a Hagen, uno dei luoghi più colpiti dai danni del maltempo in Germania, ha spiegato che domani una seduta di gabinetto speciale analizzerà i danni. Dalla località di Altena, parlando a Bild, Laschet aveva definito "la situazione drammatica".

Leggi la notizia
CORSERA CORONAVIRUS GRAN BRETAGNA FLOP ASTRAZENECA CON VARIANTE DELTA BORIS JOHNSON RINVIATO IL FREEDOM DAY

CORSERA CORONAVIRUS GRAN BRETAGNA FLOP ASTRAZENECA CON VARIANTE DELTA BORIS JOHNSON RINVIATO IL FREEDOM DAY

14 Giugno 2021

Londra 15 giugno 2021 CorSera.it

Gran Bretagna, coronavirus. Il vaccino Astrazeneca fa flop con la variante Delta. Gli inglesi tornano ad ammalarsi e il premier britannico Boris Johnson ha deciso che il Freedom day sarà rinviato di almeno altre quattro settimane, poi si vedrà dati alla mano quali contromisure assumere. Una bella gatta da pelare la recruedescenza della pandemia covid-19 alla luce della variante Delta, di origine indiana, che rischia di riportare gli inglesi verso i presidi sanitari e ripetere, con altro vaccino, i richiami già effettuati. Ma il Congilio pazzo, come qualcuno lo chiama, Boris Johnson non intende arrendersi " Abbiamo fatto quello che potevamo interamente con le nostre risorse e inutile voltarsi indietro, dobbiamo andare avanti e capire come sconfiggere anche la variante delta." 

Leggi la notizia
CORSERA JOHN BIDEN WE HOPE TRUCE HOLDS SPERIAMO CHE LA TREGUA TRA ISRAELE E HAMAS TENGA

CORSERA JOHN BIDEN WE HOPE TRUCE HOLDS SPERIAMO CHE LA TREGUA TRA ISRAELE E HAMAS TENGA

22 Maggio 2021

New York 23 Maggio 2021 CorSera.it by Geraldine Kennedy 

"We hope truce holds " Queste le prima parole pronunciate dal Presidente degli Stati Uniti d'America John Biden alla conferenza stampa con il presidente della Repubblica di Corea Sud Moon Jae-in. Biden è preoccupato per quelle che sono definite le "guerre di confine "  Striscia di gaza Israele, Corea del Nord Corea del Sud. Le frontiere che ancora oggi paralizzano molte zone geografiche del pianeta, che dividono gli uomini per motivi economici o politici. Biden è il Presidente di una delle democrazie più moderne del mondo, il ruolo che deve esercitare è quello del buon padre di famiglia, anche se spesso, la violenza caratterizza le azioni di repressione di tutti i fenomeni eversivi che si manifestano tra stati belligeranti e i conflitti tra popolazioni. 

"Prego che la tregua regga". Parla di Medio Oriente e poi di Corea del Nord Biden durante la conferenza stampa congiunta con il presidente della Corea del Sud Moon Jae-in, il secondo leader ricevuto alla Casa Bianca da Biden dopo il premier giapponese Yoshihide Suga. Al centro dei pensieri del presidente americano c'è ancora l'annoso conflitto nella Striscia di Gaza e la fresca tregua di mercoledì. Il cessate il fuoco tra Hamas e Israele ha aperto una finestra di opportunità per la Casa Bianca sulla politica estera. Per ora non ci sono Cina e Russia. C'è prima di tutto la scena 'difficile' del Medio Oriente. È il momento di provare a plasmare lo spazio del negoziato di pace tra Gaza e Israele.

Leggi la notizia