Venerdi' 20 Maggio 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
CORSERA UCRAINA GLI ORRORI DEL MACELLAIO VLADIMIR PUTIN I CADAVERI DEI SOLDATI RUSSI ABBANDONATI NEI VAGONI FREEZER

CORSERA UCRAINA GLI ORRORI DEL MACELLAIO VLADIMIR PUTIN I CADAVERI DEI SOLDATI RUSSI ABBANDONATI NEI VAGONI FREEZER

11 Maggio 2022

Mosca 11 maggio 2022 by dr.Matteo Corsini GRA 

Mia nonna era russa, si chiamava Alessandra Dubina, ed era giunta in Italia, scampando agli orrori della guerra e della rivoluzione bolscevica. Mi ha sempre detto che la sua vita si poteva paragonare ad una catena di ferro, alle cui intersezioni vi era una lacrima del dolore che aveva sopportato nella sua vita, lei figlia di una Guardia Imperiale delll'ultimo Zar di tutte le Russie Nicola II Nikolaj Aleksandrovic Romanov. La sua famiglia venne sterminata dalla furia dei comunisti , lo zio materno gettato dal balcone del palazzo Novorossiysk, dove vivevano, la madre di origine polacche, morta di  fame per continuare a sfamare i figli. I fratelli perseguitati e finiti nei gulag di Stalin. Questo orrore lo ricordo bene nelle memoria della mia vita. Ricordo mia nonna scampata al gulag, rifugiata in Italia , così come l'altra mia Zia Elisabetta Schulman ebrea austriaca, anche lei rifugiata nella villa dei fratelli GRA a Via Giuseppe Mangili, per scampare ai rastrellamenti dei fascisti e dei nazisti. Oggi rivivo con i miei occhi gli orrori di quelle guerre dimenticate, dell'odio feroce e dei massacri della storia. Tutto questo faceva parte del passato ed oggi torna a galla, come un cadavere che mostra il suo volto senza occhi, svuotato della propria anima.

Mi domando cosa resta degli amici russi, della storia che ci lega a questo paese meraviglioso, popolato di gente fiera, menti raffinatissime, scrittori e poeti leggendari. Mi chiedo che cosa sia accaduto per aver impresso questo cambio di rotta nelle relazioni con il mondo intero e con noi italiani. Non c'è ragione logica, giustificabile.

Leggi la notizia
CORSERA MARIUPOL ACCIAIERIE BATTAGLIONE AZOV COME SPARTANI ALLE TERMOPILI, ULTIMO BASTIONE A DIFESA DELLA LIBERTA' IN EUROPA

CORSERA MARIUPOL ACCIAIERIE BATTAGLIONE AZOV COME SPARTANI ALLE TERMOPILI, ULTIMO BASTIONE A DIFESA DELLA LIBERTA' IN EUROPA

05 Maggio 2022

Mariupol  5 maggio 2022 by Dimitri Alicenko indipendent blogger 

Mariupol il battaglione Azov come gli spartani alle Termopili, l'ultima reistenza di un popolo fiero, contro l'invasione dell'esercito russo. All'interno dell'acciaieria di Azovstal si combatte l'ultima battaglia a difesa della democrazia e della libertà in Europa.  Il parallelismo viene spontaneo, Vladimir Putin avanza sull'Ucraina come Adolf Hitler fece con la Polonia, mentre il mondo rimase a guardare quelli che si trasformarono presto nei bacilli sanguinari della seconda Guerra Mondiale.

L'Ucraina questa mattina è in allarme, le sirene suonano in tute le città. Da qunado il NYT ha diramato la notizia che l'intelligence USA, avrebbe coordinato gli attacchi ai 12 generali russi, si attende la feroce reazione del capo del Cremlino Vladimir Putin. Ormai l'operazione speciale per denazificare l'Ucraina si è trasformata in un conflitto mondiale, dove l'invasione russa viene contrastata con l'invio di armamenti da parte di molti paesi europei e dagli USA. Siamo esattamente difronte allo specchio del passato, a quella porta dell'Inferno , che potrebbe risucchiare tutti noi in un conflitto nucleare, ad un'idea terrificante e inaspettata di un nuovo disastro della razza umana. Non possiamo opporci, ad oggi non ci sono strade negoziali. Tutti stanno cercando di fermare la mano sanguinaria di Vladimir Putin, che pare accecato dall'odio e che spinge il dittatore ada vanzare nel cuore profondo dell'Europa, in cerca di una reazione, quella che gli consentirebbe di armare i suoi missili e provocare la distruzione del pianeta, almeno come lo conosciamo.

 

Leggi la notizia
CORSERA UCRAINA DRONI SIGHTX A CACCIA DELLO ZAR VLADIMIR PUTIN.IDENTIFICAZIONE BIOMETRICA E RICONOSCIMENTO FACCIALE PER FERMARE LA GUERRA

CORSERA UCRAINA DRONI SIGHTX A CACCIA DELLO ZAR VLADIMIR PUTIN.IDENTIFICAZIONE BIOMETRICA E RICONOSCIMENTO FACCIALE PER FERMARE LA GUERRA

02 Maggio 2022

London 2 maggio 2022  Sergey Adronov ( ex spia del KGB russo ) 

Le fonti di intelligence britannica parlano di caccia allo Zar a Vladimir Putin con droni speciali denominati SIGHTX ad altissima tecnologia per il riconoscimento facciale. Sebbene l'azienda americana che li produce sostiene che non siano ancora in circolazione, molti di questi sono stati predisposti per la più grande caccia all'uomo sulla Terra che la storia ricordi. 

Anche alcuni dei 10 generali russi sono morti colpiti dai droni, fulminati senza neanche capire che cosa fosse loro accaduto.

Con i droni SIGHTX  ad altissima risoluzione e identificazione biometrica, Vladimir Putin potrebbe essere colpito anche all'interno del Cremlino o in qualsiasi apparizione pubblica o anche privata. Una startup israeliana, in passato finanziata da Microsoft, ha brevettato tecnologia per il riconoscimento facciale tramite droni. Un’altra richiesta di brevetto, resa pubblica in questo mese, è stata presentata negli Stati Uniti da AnyVision, società con sede a Tel Aviv, nell’agosto 2019. Il documento descrive in dettaglio la tecnologia necessaria ad aiutare un drone a trovare l’angolazione migliore per acquisire immagini per il riconoscimento facciale, per poi cercare un riscontro tra il bersaglio e i volti immagazzinati in un database. La richiesta era intitolata “Posizionamento adattivo dei droni per un riconoscimento facciale potenziato” ed è stata presentata da dipendenti ed ex dipendenti di AnyVision, tra cui tre persone di Belfast, nel Regno Unito.

Leggi la notizia
CORSERA UCRAINA A CACCIA DI VLADIMIR PUTIN CONTRACTOR INTERNAZIONALI PRONTI AD UCCIDERE IL PRESIDENTE DELLA RUSSIA

CORSERA UCRAINA A CACCIA DI VLADIMIR PUTIN CONTRACTOR INTERNAZIONALI PRONTI AD UCCIDERE IL PRESIDENTE DELLA RUSSIA

01 Maggio 2022

Londra 1 maggio 2022 by Steven Warol 

Contractor internazionali pronti ad uccidere Vladimir Putin, sulla testa dell'ultimo Zar di Russia pende una taglia da 1 miliardo di euro. E' caccia aperta al presidente Vladimir Putin, contractor internazionali hanno assunto il compito di eliminare con qualsiasi mezzo il dittatore russo, il criminale di guerra che da 60 giorni tiene in scacco il mondo con il suo esercito. La guerra in Ucraina si sta trasformando da macelleria umana all'atto finale della storia politica di uno dei dittatori più sanguinari che la storia degli ultimi anni conosca. Non ci sono appelli per la ferocia e la pericolosità di Vladimir Putin e le sue task force di assassini. Non soltanto lo sterminio della guerra, ma l'eliminazione sanguinaria degli oppositori al regime, più crudelmente messaggi in codice mafioso per tutti coloro che immaginano di abbandonare lo Zar al suo destino. Gli ultimi giorni dell'acciaieria di Azovstal saranno anche gli ultimi per Vladimir Putin, braccato dall'opinione pubblica internazionale e dai suoi stessi accoliti. Boris Johnson è tra i pochi leader al mondo che ha capito che per interrompere la follia della guerra, sconfiggere questo nemico è necessario dare battaglia all'esercito russo e contestulamente eliminare il dittatore psicopatico nel più breve tempo possibile.

Leggi la notizia
CORSERA UCRAINA VOLODYMYR ZELENSKY A DEAD MAN WALKING, VERTICE CON VLADIMIR PUTIN, MA LO ZAR E' PRONTO AD UCCIDERLO. NESSUNA PACE SOLTANTO STERMINIO

CORSERA UCRAINA VOLODYMYR ZELENSKY A DEAD MAN WALKING, VERTICE CON VLADIMIR PUTIN, MA LO ZAR E' PRONTO AD UCCIDERLO. NESSUNA PACE SOLTANTO STERMINIO

01 Maggio 2022

Zelensky chi ? Il Presidente dell'Ucraina - direbbe qualcuno - e' come un morto che cammina .Il leader ucraino cerca il dialogo con Vladimir Putin, ma il dittatore russo non vede l'ora di ucciderlo insieme a tutti i suoi famiigliari. Ne ha dato prova facendo massacrare gli oligarchi russi, amici od oppositori, non lo sapremo mai. La loro vita si è interrotta nell'atrocità.

Zelensky pronto a parlare con Vladimir Putin nonostante le atrocità compiute dai russi a Bucha, Mariupol e in altre città. Parlando ai media polacchi precisa, però, che il rischio che i negoziati con Mosca falliscano è "alto". In serata la Tass diffonde due interviste del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, una ad Al Arabiya e l'altra alla cinese Xinhua. I Paesi della Nato "stanno facendo di tutto per impedire il completamento dell'operazione speciale russa in Ucraina mediante accordi politici", ha detto il capo della diplomazia del Cremlino. "Stiamo assistendo alla manifestazione del classico doppio standard e dell'ipocrisia dell'establishment occidentale in questo momento. Esprimendo pubblicamente sostegno al regime di Kiev, i paesi della Nato stanno facendo di tutto per impedire il completamento dell'operazione attraverso il raggiungimento di accordi politici", ha aggiunto il ministro russo. Lavrov ha poi affermato che la Russia non si considera in guerra con la Nato e non minaccia un ricorso al nucleare come invece evocato dall'Occidente. Accusa Kiev di aver seminato mine nel Mar Nero minacciando la navigazione. Assicura, infine, che Mosca "intende continuare a rispettare in modo equo i suoi impegni nell'ambito dei contratti internazionali relativi alle forniture di esportazione di alimenti, fertilizzanti, risorse energetiche e altri prodotti sensibili".

Leggi la notizia
CORSERA  MARIUPOL AZOVSTAL ACCIAIERIE LA VENDETTA DI VLADIMIR PUTIN L'ULTIMO ZAR DI TUTTE LE RUSSIE

CORSERA MARIUPOL AZOVSTAL ACCIAIERIE LA VENDETTA DI VLADIMIR PUTIN L'ULTIMO ZAR DI TUTTE LE RUSSIE

01 Maggio 2022

Le Nazioni Unite confermano che è in corso l'evacuazione presso il complesso siderurgico di Azovstal, in coordinamento con la Croce Rossa e le parti in conflitto", ha detto Jens Laerke, portavoce dell'Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari. Il funzionario ha sottolineato di non poter fornire altri dettagli per motivi di sicurezza. Circa 100 civili sono stati evacuati dall'acciaieria di Azovstal, a Mariupol. Lo afferma il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky. "Il primo gruppo di circa 100 persone si sta già dirigendo verso l'area controllata. Domani li incontreremo a Zaporizhzhia. Grati al nostro team. Ora, insieme all'Onu, stanno lavorando all'evacuazione di altri civili dall'impianto", ha twittato il presidente. Il ministero della Difesa russo ha confermato l'evacuazione di civili dall'acciaieria di Azovstal a Mariupol, aggiungendo che sono stati consegnati ai rappresentanti dell'Onu e della Croce rossa. Lo riferisce l'agenzia Interfax. L'evacuazione, sottolinea il ministero della Difesa, riguarda "i civili che volevano partire per raggiungere il territorio controllato da Kiev".

Leggi la notizia
CORSERA SABATO 30 APRILE ATTACCO AD ODESSA, INIZIA LA GUERRA TOTALE ALL'UCRAINA E AL RESTO DEL MONDO DI VLADIMIR PUTIN

CORSERA SABATO 30 APRILE ATTACCO AD ODESSA, INIZIA LA GUERRA TOTALE ALL'UCRAINA E AL RESTO DEL MONDO DI VLADIMIR PUTIN

30 Aprile 2022

Odessa 30 aprile 2022 dal nostro corrispondente Alexander Revic 

Attacco ad Odessa, nel tardo pomeriggio di sabato 30 aprile i russi hanno lanciato missili sulla città affacciata sul Mar Nero. Inizia la guerra totale all'Ucraina, la sfida mortale alla NATO e all'intera comunità europea e mondiale. Vladimir Putin accecato dalla rabbia e dall'odio ha dato quell'ordine che tutti in occidente si attendevano da un momento all'altro. E' stato proprio l'Indipendent inglese oggi a svelare che un rapporto dei servizi segreti della Regina annunciava l'attacco totale entro il 9 maggio 2022, ricorrenza della vittoria contro il nazifascismo. Il mondo è impietrito e guarda con sgomento a questo ulteriore atto di sfida dello Zar ai paesi della Unione Europa. Attacco nel cuore del nostro sistema geopolitico e che non preannuncia niente di buono se non quella escalation militare che potrebbe spingere Vladimir Putin ad impiegare armi tattiche nucleari. Una cosa è certa Vladimir Putin non sta bluffando, e intanto 8000 soldati inglesi fanno il loro ingresso nel teatro di guerra nella vicina polonia. Ormai è chiaro che le la Gran Bretagna potrebbe lanciare le sue truppe al fianco di quelle Ucraine per ricacciare i russi oltre i confini nazionali. Tutto questo determinerà l'inizio della Terza Guerra mondiale ? Non lo sappiamo ma è molto probabile che questo accada. 

 

Leggi la notizia
CORSERA UCRAINA I BATTAGLIONI DELLA MORTE ENTRATI A KIEV SI ATTENDE UNA NOTTE DA INCUBO

CORSERA UCRAINA I BATTAGLIONI DELLA MORTE ENTRATI A KIEV SI ATTENDE UNA NOTTE DA INCUBO

24 Febbraio 2022

Kiev 25 febbraio 2022 dal nostro corrispondente Vladimir Jeskenko

Le truppe russe entrano nella regione di Kiev, civili in fuga. Zelensky chiama i cittadini alle armi. Si combatte a Chernobyl, media confermano: centrale in mano ai russi. Putin: "Costretti a prendere queste misure, non c'era altra scelta. Russia è parte dell'economia mondiale". La Nato: "Non invieremo truppe in Ucraina, ma rafforziamo la nostra presenza a Est". Il G7 condanna l'invasione. Biden: "Guerra premeditata". Il premier italiano Draghi: "Con Putin ora dialogo impossibile". Bruciati 30 miliardi a Piazza Affari.

La città di Mariupol, centro ucraino sul mar d'Azov a poche decine di chilometri dalle autoproclamate repubbliche separatiste del Donbass, è sotto pesante attacco russo, con centinaia di esplosioni segnalate. Lo riferiscono i media ucraini. La sua conquista è ritenuta strategica per la creazione di un collegamento diretto con la Crimea, annessa alla Russia nel 2014.

Leggi la notizia
CORSERA AFGHANISTAN LA BATTAGLIA PER LA CONQUISTA DI KABUL,IL MONDO OCCIDENTALE INERME DOVRA' ASSISTERE AL MASSACRO DEI CIVILI E DELLE DONNE INNOCENTI

CORSERA AFGHANISTAN LA BATTAGLIA PER LA CONQUISTA DI KABUL,IL MONDO OCCIDENTALE INERME DOVRA' ASSISTERE AL MASSACRO DEI CIVILI E DELLE DONNE INNOCENTI

15 Agosto 2021

Kabul 15 agosto 2021 CorSera.it 

Il mondo occidentale difenda Kabul o torneremo allo scempio delle teste tagliate dei fanatici talebani.

I talebani avanzano verso Kabul. Il mondo occidentale dovrà assistere nei prossimi giorni al massacro di civili e allo strazio dei corpi di migliaia di donne. Noi, l'Europ,a assisteremo senza poter far nulla contro la distruzione di un paese, ancora una volta spettatore della violenza dei fanatici talebani, esercito della paura e dell'orrore. Dovremo abituarci ancora al nauseabondo fetore del sangue, delle mutilazioni, delle lapidazioni. Noi mondo occidentale dovremo assistere all'eccidio di migliaia di innocenti, a veder capitolare germogli di democrazia e ragazzi e ragazze vivere nella tragedia di un sistema dittatoriale, feroce, che umilia e uccide i propri concittadini come animali.

 I talebani hanno attaccato Paghman, un zona nella periferia di Kabul, come topi assetati di sangue intendono entrare nella metropoli senza lasciare scampo agli oppositori.

L'Europa e il mondo occidentale dovranno assistere allo strazio di nuove vittime, al selvaggio impietoso taglio delle teste, al sangue, al massacro, all'idea di libertà che affievolisce, come fosse sangue di una emorragia inarrestabile, nello spirito e nel corpo della società afghana che tornerà nel terrore medioevale di bande di psicopatici. John Biden ha inviato oltre 5000 marines americani che dovranno presidiare l'aereoporto di Kabul, mentre 30 mila persone cercheranno di evacuare la città. John Biden ha dichiarato che un anno o cinque anni in più non sarebbero serviti a niente, se l'esercito afghano ha spontaneamente deciso di lasciare il potere ai talebani. I talebani hanno attaccato Paghman, un distretto di Kabul. Lo riferiscono media vicini agli insorti. Non esistono ancora conferme ufficiali dell'attacco, che segnerebbe l'inizio della battaglia per il controllo della capitale afghana.  Tre elicotteri sono atterrati nel palazzo presidenziale di Kabul. Lo riferisce Al Arabiya. Attacco a maggiore prigione Kabul I talebani hanno attaccato la prigione di Pul-e-Charki, la maggiore di Kabul e dell'Afghanistan, con 5 mila detenuti. Lo riferiscono i canali Twitter espressione dei talebani, che hanno diffuso anche un presunto video dell'assalto. Gli insorti hanno inoltre comunicato di aver preso il controllo di alcune postazioni di sicurezza a Paghman, un distretto della capitale. La battaglia per Kabul è iniziata. Bbc: attacco Usa a aeroporto Kandahar Di fronte all'avanzata travolgente dei Talebani in tutto l'Afghanistan, Washington risponde con un attacco ae

Leggi la notizia
CORSERA LUCA ATTANASIO OMICIDIO PRIMI ARRESTI, NON TRALASCIARE LA PISTA DELLA RAPINA.L'AMBASCIATORE COLLEZIONISTA DI MONILI D'ARTE TRIBALE

CORSERA LUCA ATTANASIO OMICIDIO PRIMI ARRESTI, NON TRALASCIARE LA PISTA DELLA RAPINA.L'AMBASCIATORE COLLEZIONISTA DI MONILI D'ARTE TRIBALE

22 Maggio 2021

Kinshasa 22 maggo 2021 CorSera.it

Luca Attanasio era una persona adorabile e persona affabile, un vero ambasciatore con applomb aglosassone. Un amante dell'arte antica, quella tribale, fatta di monili, statuette, un tesoro preiozoso e alle volte ancora non del tutto scoperto. L'ambasciatore Luca Attanasio aveva una collezione privata di centinaia di pezzi, un vero e proprio museo , a cui avrebbe voluto dedicare la sua vita una volta ritirato dalla carriera diplomatica. Comemrcio di opere d'arte in una remota regione del mondo, dove per pochi dollari, trovi sempre qualcuno pronto ad ucciderti. Gli investigatori italiani non devono sottovalutare quest'altra pista di indagine , che potrebbe portare a dei colpi di scena inimmaginabili. L'acquisto e la vendita dei monili d'arte avveniva quasi certamente per contanti, difficile che i trafficanti di statuette antiche, si facessero pagare con assegni o bonifici. Facile che nel corso del tempo si sia sparsa la voce , che l'Ambasciatore disponeva sempre di contanti per l'acquisto di monili antichi. La sua morte non ha avuto alcuna rivendicazione politica e ad oggi non pare vi siano indicazioni investigative di un certo rilievo. Chi ha agito contro Luca Attanasio, potrebbe essere qualcuno legato ai traffici di opere d'arte, monili di grande valore internazionale. Luca Attanasio era il tramite di questo commercio.

 

Leggi la notizia
CORSERA GAZA ESPLODE LA GUERRA TRA ISRAELE E PALESTINESI. PIOGGIA DI RAZZI DI HAMAS. RAID AEREI DISTRUGGONO DUE PALAZZI

CORSERA GAZA ESPLODE LA GUERRA TRA ISRAELE E PALESTINESI. PIOGGIA DI RAZZI DI HAMAS. RAID AEREI DISTRUGGONO DUE PALAZZI

11 Maggio 2021

Gerusalemme 12 maggio 2021 CorSera.it

Esplode la guerra tra Israele e Hamas, con lo Stato ebraico deciso a proseguire "senza limiti di tempo" un conflitto "esteso". Alla pioggia di razzi arrivati da Gaza - oltre 500, di cui 200 intercettati e 150 esplosi nella Striscia - l'esercito ha risposto con decine e decine di attacchi contro obiettivi di Hamas e della Jihad islamica. Netanyahu: continueremo a colpire. La pagheranno cara  "Continueremo ad attaccare Gaza con tutta la forza", ha detto il premier israeliano Benjamin Netanyahu. "Hamas e la Jihad islamica pagheranno un prezzo molto pesante per la loro belligeranza". Israele ha nel mirino "molti altri obiettivi" da colpire a Gaza, ha detto il ministro della Difesa Benny Gantz, che ha preso la parola dopo Netanyahu. Idf (l'esercito di Israele) avverte i palestinesi di stare al sicuro lontano dai siti di Hamas.  Israele distrugge un altro edificio a Gaza Le forze militari israeliane hanno distrutto un altro edificio a Gaza City. Si tratta dell'al-Jawharah. Lo riporta il Times of Israel. Hamas e la Jihad islamica hanno ripetutamente minacciato nuovi lanci di razzi contro Tel Aviv nel caso di ulteriori attacchi agli edifici della Striscia.   

Leggi la notizia
CORSERA USA CPAC TORNA DONALD TRUMP PER SFIDARE JOE BIDEN IL PRESIDENTE ANORESSICO PIU' MORTO CHE VIVO

CORSERA USA CPAC TORNA DONALD TRUMP PER SFIDARE JOE BIDEN IL PRESIDENTE ANORESSICO PIU' MORTO CHE VIVO

28 Febbraio 2021

New York 1 marzo 2021 CorSera.it

"Non faremo nessun nuovo partito, non frammenteremo il nostro potere e la nostra forza. Anzi. Saremo più forti che mai". Donald Trump parteciperà alla Conservative Political Action Conference (CPAC), secondo alcune . L'atteso primo intervento da quando ha lasciato la Casa Bianca, si terrà ad  Orlando (Florida) alla kermesse annuale del più imponente e influente raduno di attivisti conservatori. E' un appello all'unità del partito repubblicano quello che Trump lancerà da Orlando, e sul quale non intende mollare la presa. Nel suo discorso, che dovrebbe durare circa un'ora, intende rivendicare la leadership del Grand Old Party (Gop) puntando al ribaltone, con la conquista di Camera e Senato nel 2022. Ma pur sottolineando la necessità di non spaccare il partito, Trump difficilmente rinuncerà a fare Trump, puntando il dito contro i repubblicani non trumpiani, a partire dalla presidente dalla Conferenza Gop alla Camera, Liz Cheney, che ha votato a favore del suo secondo impeachment, giudicandolo responsabile dell'assalto al Congresso dello scorso 6 gennaio. Bisognerà vedere se nel mirino ci saranno altri non trumpiani della prima ora, come il senatore Mitt Romney, o 'sovversivi' dell'ultimo minuto, come il leader di minoranza al Senato Mitch McConnell, l'ex ambasciatrice all'Onu Nikki Haley o l'ex vice presidente Mike Pence. Di sicuro Trump non risparmierà Joe Biden, accusandolo di essere "molto più a sinistra" di quanto non si potesse immaginare e contestando le politiche della nuova amministrazione soprattutto su immigrazione, lavoro e per lo stop alla pipeline Keystone XL. -

Leggi la notizia
CORSERA CONGO MORTO AMBASCIATORE LUCA ATTANASIO IN ITALIA ALLA FINE DEL 2021 PER NUOVO INCARICO ALLA FARNESINA, FORSE NEI SERVIZI DI INTELLIGENCE.ALLE 08.49 IL SUO ULTIMO CONTATTO WHATSAPP

CORSERA CONGO MORTO AMBASCIATORE LUCA ATTANASIO IN ITALIA ALLA FINE DEL 2021 PER NUOVO INCARICO ALLA FARNESINA, FORSE NEI SERVIZI DI INTELLIGENCE.ALLE 08.49 IL SUO ULTIMO CONTATTO WHATSAPP

23 Febbraio 2021

Roma 23 febbraio 2021 CorSera.it di Matteo Corsini

Ciao Luca, grazie di tutto e della tua amicizia. L'Ambasciatore Luca Attanasio sarebbe dovuto rientrare in Italia alla fine del 2021 per un incarico interno alla Farnesina, forse nei servizi di intelligence. 

E' morto ieri mattina alle 09.15 ora italiana, il nostro più giovane ambasciatore, una persona perbene, un uomo esemplare, che amava i suoi cinque pavoni, la moglie Zakia e le tre figlie. Alle 08.49 il suo ultimo accesso a whatsapp, poi la tragedia nella giungla, trascinato via dall'automobile in cui viaggiava insieme all'autista e al Carabinieri Vittorio Iacovacci e poi entrambi massacrati nella boscaglia a colpi di mitra. Luca Attanasio era un ragazzo adorabile, un solido e stretto legame con la bellissima moglie Zakia e le tre adorabili figlie. Nella sua villa di Kingsasha viveva con cinque pavoni, che per lui e la moglie Zaki, erano altrettanti figli e guardie del corpo nel corso della notte. "Vivono liberi nel nostro giardino e durante la notte si appollaiano sul tetto e ad ogni rumore sospetto cominciano a paupulare dando così l'allarme in caso di intrusione da parte di estranei. Con loro ci sentiamo sicuri in casa. " La sua morte è una grande perdita, una di quelle notizie brutte che ti manda storta una giornata, che non potrà più correggersi. La notizia della sua morte mi è apparsa sul display dello smartphone, quasi fosse il segno premonitore del futuro che non c'è, o che non poteva più essere.

Leggi la notizia
CORSERA USA ELEZIONI JOE BIDEN NUOVO PRESIDENTE USA, PIU' MORTO CHE VIVO HA GIURATO SULLA BIBBIA TRA LE LACRIME DELLA MOGLIE

CORSERA USA ELEZIONI JOE BIDEN NUOVO PRESIDENTE USA, PIU' MORTO CHE VIVO HA GIURATO SULLA BIBBIA TRA LE LACRIME DELLA MOGLIE

21 Gennaio 2021

Washington 21 gennaio 2021 CorSera.it

Capitol Hill, Joe Biden ha giurato come 46° Presidente degli Stati Uniti d'America, e come dice Donald Trump " Un uomo più morto che vivo, uno che sembra riesumato da una tomba ".  Molti lo vorrebbero già morto che vivo, ma questi sono i veleni della politica della Capitale. 

Finalmente abbiamo visto delle lacrime sincere, da parte della moglie di Joe Biden, mentre stringeva al petto l'uomo della sua vita, quell'anziano signore ormai senza capelli, che è diventato il più vecchio dei Presidente degli Usa. Un Dead Man Walking, come lo ha soprannominato con cattiveria Donald Trump " Ehi Joe, sei più morto che vivo. Io tornerò in qualche maniera, in un'altra forma... quando tu sarai andato via."Quello di oggi è sembrato l'insediamento di un capo tribù indiano, pronto a lasciare il mondo reale per l'oltretomba.L'atmosfera era irreale, danzante, lunatica, quasi icnredibile, vedere tanta folla ordinata che applaude, piange e si abbraccia, in modo ordinato, facendo sparire davanti agli occhi del mondo, le violenze di poche settimane orsono, con l'assalto del Congresso da parte degli sciamani sostenitori di Donald Trump. L'inferno ha lasciato infine la casa Bianca, e il sogno di un mondo migliore vi prende piede, peccato che forse la scena è in ritardo di venti anni. Joe Biden sembra una mummia di hollywood riesumata per la grande festa in onore del grande Gatsby.

Leggi la notizia
CORSERA CORONAVIRUS GRAN BRETAGNA BORIS JOHNSON ANNUNCIA TERZO LOCKDOWN NAZIONALE. EUROPA SI RISCHIA LA CATASTROFE

CORSERA CORONAVIRUS GRAN BRETAGNA BORIS JOHNSON ANNUNCIA TERZO LOCKDOWN NAZIONALE. EUROPA SI RISCHIA LA CATASTROFE

05 Gennaio 2021

London 5 gennaio 2021 CorSera.it
Europa si rischia il disastro infettivo come negli USA. Boris Johnson annuncia la terza fase di afflizione per i sudditi di Sua Maesta', un terzo lockdown dagli esiti ancora ignoti. Sappiamo soltanto che il ceppo inglese del Covid-19 fa paura e la sua dispersione in Europa potrebbe dare luogo ad un nuovo terribile assalto della pandemia nel mondo. L'Inghilterra si blinda e così facendo potrà dare una mano agli ex partner dell'Unione europea, che devono adesso correre ai ripari. Il terzo lockdown sarà inevitabile anche per tutti gli altri se non si vuole rischiare di seminare morte nel vecchio continente. Il 2021 sarà un anno di ulteriori sofferenze, anche se adesso siamo più abituati e la nostra quotidiana esistenza ha imparato a leggere la recrudescenza del coronavirus. La malattia è fuori dall'uscio di casa per tutti noi, pochi fino ad oggi sono riusciti a seminarla, altri ci sono cascati dentro con lo scafandro da palombaro calcato sulla testa. La civiltà dell' Homo Sapiens si sta confrontando con una sfida senza precedenti, un soffio di vento senza nè capo nè coda. Stone in the pond avevamo chiamato questo fenomeno, la dispersione concentrica della pandemia che si sviluppa inarrestabile da ogni cluster.

Leggi la notizia
CORSERA CORONAVIRUS INIZIATA LA VACCINAZIONE DI MASSA IN GRAN BRETAGNA. LA CIVILTA' UMANA CHIAMATA AD UN ALTRO SALTO NEL BUIO

CORSERA CORONAVIRUS INIZIATA LA VACCINAZIONE DI MASSA IN GRAN BRETAGNA. LA CIVILTA' UMANA CHIAMATA AD UN ALTRO SALTO NEL BUIO

08 Dicembre 2020

Milano 8 dicembre 2020 CorSera.it

Siamo sempre più vicini al vaccino. Oggi in Gran Bretagna sono cominciate le vaccinazioni sotto lo sguardo vigile di Boris Johnson, il premier bislacco che all'inizio della pandemia, non voleva riconoscerne la perciolosità.Il mondo oggi guarda alla Gran Bretagna come al faro della fase di prevenzione di massa del Covid-19. La civiltà umana si è gettata a capofitto nella sola direzione in cui poteva andare. I focolai infettivi sono ovunque ed aumentano in maniera esponenziale. Milioni di persone sono morte e tanti altri sono nelle terapie intensive a poche ore della loro vita sulla Terra. L'Homo Sapiens sta lottando contro un nemico estgremo, combattendo per la sopravvivenza e la tutela dei più deboli. Ma questo è il pianeta, alle prese con pericoli sempre in agguato e come questo che stiamo vivendo, quasi incontrollabili. La vaccinazione integrale della popolazione mondiale, rappresenta un altro scalino verso il progresso scientifico del terzo millennio, in cui forse saremo chiamati a superare i limiti umani.

Sono 14.842 i positivi al test sul coronavirus nelle ultime 24 ore, secondo il bollettino del ministero della Salute. Le vittime sono 634. Sono 149.232 i test per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore, in aumento di oltre 38mila rispetto a ieri, secondo i dati del ministero della Salute. Il rapporto tra positivi e tamponi è del 9,9% in netto calo rispetto a ieri (era del 12,3%).

 

Leggi la notizia
CORSERA EGITTO PATRICK ZAKI PROCESSO PER PROPAGANDA SOVVERSIVA. LA SUA LIBERAZIONE UN SEGNO DI CIVILTA'

CORSERA EGITTO PATRICK ZAKI PROCESSO PER PROPAGANDA SOVVERSIVA. LA SUA LIBERAZIONE UN SEGNO DI CIVILTA'

07 Dicembre 2020

Il Cairo 7 dicembre 2020 CorSea.it

Si è svolta al Cairo l'udienza per Patrick Zaki, lo studente egiziano dell'Università di Bologna in carcere in Egitto da febbraio per propaganda sovversiva: l'esito si conoscerà domani. Lo riferisce all'ANSA Hoda Nasrallah, legale di Zaki. La sua liberazione costituirebbe un segno di civiltà indiscusso per il regime militare del Cairo di Al Sisi. Non dimentichiamo che l'Egitto costituisce per l'Europa un baluardo contro il fondamentalismo islamico. Malgrado le discutibili modalità di gestionie del potere, il generale Al Sisi, assicura alla popolazione egiziana sufficiente tranquillità per condurre una vita pacifica, lontana dalle esasperazioni del terrorismo islamico, le feroci contrapposizioni religiose e politiche, che seminano distruzione e paura nel resto del Medioriente. Un regime dittatoriale che garantisce sviluppo economico all'intero paese, contribuendo a segnare il confine tra civiltà e barbarie. L'impegno di tutelare anche le opposizioni deve comunque diventare una priorità per l'Egitto , se immagina di diventare un paese leader e ben considerato dalla comunità internazionale. LIberare Patrick Zaki è l'occasione da non perdere per il governo del Cairo. Attendiamo pertanto fiduciosi l'esito della setenza per domani mattina. 

Zaki è in carcere in Egitto da febbraio. La seduta si svolge in un'accademia di polizia attigua al complesso carcerario di Tora, nella periferia sud della capitale ed ha partecipato all'udienza

Leggi la notizia
CORSERA AFGHANISTAN ESERCITO AUSTRALIANO BLOODING MASSACRATI 39 PRIGIONIERI

CORSERA AFGHANISTAN ESERCITO AUSTRALIANO BLOODING MASSACRATI 39 PRIGIONIERI

19 Novembre 2020

Sydney 20 novembre 2020 CorSera.it

Esercito australiano, scandalo blooding. Una mazzata per le temute forze speciali australiane dispiegate in Afghanistan tra il 2005 e il 2016, al centro di un'inchiesta dell'Ispettore generale delle Forze di difesa australiane, le cui conclusioni sono state presentato oggi dal capo delle forze Angus Campbell.

L'inchiesta durata quasi cinque anni, presieduta dal giudice militare Paul Brereton, raccomanda siano investigati dalla polizia federale 19 soldati coinvolti in 36 incidenti, per l'omicidio di 39 prigionieri e civili, e per 'trattamento' crudele di due altri. Un rapporto pesantemente secretato, senza nomi né descrizione di incidenti, è stato presentato da Campbell, che ha offerto scuse incondizionate al popolo afghano "per ogni crimine commesso da soldati australiani". 

Leggi la notizia
CORSERA USA TRIONFA JOE BIDEN, SCENE DI GIUBILO IN AMERICA PER LA SCONFITTA DI DONALD TRUMP

CORSERA USA TRIONFA JOE BIDEN, SCENE DI GIUBILO IN AMERICA PER LA SCONFITTA DI DONALD TRUMP

08 Novembre 2020

New York 8 novembre 2020 CorSera.it  by dr.Matteo Corsini (Enciclopedia Universale delle Scienze Giuridiche) 

Elezioni USA. E' la vittoria di Joe Biden o la vittoria per la sconfitta di Donald Trump?

Elezioni USA, vince Joe Biden, che diventerà il 46esimo Presidente degli Stati Uniti d'America. Una sconfitta cocente per Donald Trump, che perde male questa sfida elettorale. L'America festeggia, scene di giubilo per la vittoria di Joe Biden, ma sopratutto per la sconfitta dell'odiato tycoon newyorchese. Mi domando pertanto se Donald Trump ( di cui io non ho alcuna simpatia ben inteso) abbia davvero perso queste elezioni o sia sempre lui la vera star anche di queste elezioni. Nel suo vagone elettorale sono entrati quasi 71 milioni di americani, speranzosi che il loro leader sarà capace di ribaltare presso la Corte Suprema, il mefitico esito del voto.

Leggi la notizia
CORSERA ELEZIONI USA JOE BIDEN AD UN SOFFIO DALLA PRESIDENZA DEGLI STATI UNITI D'AMERICA . DONALD TRUMP RICORRE ALLA CORTE SUPREMA

CORSERA ELEZIONI USA JOE BIDEN AD UN SOFFIO DALLA PRESIDENZA DEGLI STATI UNITI D'AMERICA . DONALD TRUMP RICORRE ALLA CORTE SUPREMA

04 Novembre 2020

New York 5novembre 2020 CorSera.it Wandy Cassavetes 

Joe Biden è a un soffio dai 270 grandi elettori necessari per conquistare la Casa Bianca. Dopo la vittoria di Michigan e Wisconsin al candidato democratico basta vincere uno tra il Nevada, dove è in vantaggio, o degli stati chiave della Georgia, della North Carolina o della Pennsylvania dove è invece in vantaggio Donald Trump. Attualmente il candidato democratico è a quota 264 grandi elettori.Per conoscere il nome del Presidente degli Stati Uniti sarà necessario il conteggio definitivo delle schede elettorali e del voto postale degli stati ancora in bilico. Nel Michigan e in Pennsylvania la campagna di Donald Trump presenta un'azione legale.
 

Leggi la notizia