Venerdi' 10 Luglio 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
CORSERA ROMA APOCALISSE SU B&B, ALBERGHI E AFFITTACAMERE. SALTATE MIGLIAIA DI STRUTTURE RICETTIVE IMPRENDITORI IN GINOCCHIO

CORSERA ROMA APOCALISSE SU B&B, ALBERGHI E AFFITTACAMERE. SALTATE MIGLIAIA DI STRUTTURE RICETTIVE IMPRENDITORI IN GINOCCHIO

20 Giugno 2020

Roma 20 giugno 2020 CorSera.it 

Roma e' l'apocalisse. La pandemia da coronavirus e il successivo lockdown mondiale, si sono abbatutte sul settore turistico ricettivo con la forza distruttiva di uno tsunami, che ha travolto tutto e tutti, grandi e piccoli, lasciandosi dietro soltanto una scia di macerie sporche e piene di fango. Roma la Capitale che è sfuggita all'infezione pandemica, non è riuscita a schivare la crisi del settore turistico ricettivo, che ha finito per travolgete migliaia di piccoli e medi imprenditori. Sono circa 8000 le strutture di B & B e affittacamere nella capitale, cittadini italiani e stranieri che si erano abituati a campare quasi senza lavorare. Il flusso di denaro era generoso costante e continuo. Adesso molte di queste strutture dovranno essere riconvertite, tornare sul mercato come abitazioni e uffici. I turisti quelli veri, quelli che possono spendere, non si affacceranno al mercato italiano prima della fine dell'anno 2020. Usa, Brasile, Russia, sono nel pieno della pandemia e rischiano loro stessi la seconda ondata nel giro di qualche mese. Previsioni e programmi sono impossibili e anche le banche cominciano ad abbandonare il settore.Nessuno ad oggi è in grado di dire quando riprenderà il turismo in Italia e se i prezzi saranno gli stessi del pre-covid19. Ad oggi, chi può si libera delle strutture turistiche, converte i B & B in case di lusso e cerca di monetizzare il più in fretta possibile. Nei prossimi 12/18 mesi le quotazioni del settore immobiliare scenderanno tra il 25% e il 50%. Purtroppo siamo dentro ad una trappola mortale, da cui pochissimi riusciranno ad uscire salvando la pelle.

 

CorSera.it Copyright 2020 

Leggi la notizia
CORSERA ESTATE 2020 GRECIA DA MYKONOS A SANTORINI SARA' LA FINE DEL MONDO, DOVE IL TURISTA RISCHIA LA PELLE

CORSERA ESTATE 2020 GRECIA DA MYKONOS A SANTORINI SARA' LA FINE DEL MONDO, DOVE IL TURISTA RISCHIA LA PELLE

09 Giugno 2020

MYKONOS 10 GIUGNO 2020 CORSERA.IT 

Estate 2020 emergenza da coronavirus. Non c'e' alcun dubbio che la Grecia rimane una delle mete oggettivamente più pericolose per il turista italiano ed internazionale. Mykonos è l'isola della perversione, sesso e pompini a gogò in ogni forma e salsa, faranno da detonatore per la ripresa della pandemia. Oggi sappiamo, come sostengono molti virologi, che il coronavirus si è propagato tra i giovani con le attività sessuali, che poi le hanno trasmesse ai genitori e agli anziani in generale. Covid-19 è come l'HIV, forse le istituzioni sanitarie non lo hanno ancora spiegato bene, ma prima di partire per le vacanze, che tutti facciano una bella riflessione. Quindi, evitare Mykonos, Ibiza, le isole in cui lo sballo, la droga, il sesso sono fattori micidiali per la salute di tutti noi. 

L'estate 2020 dovrà essere affrontata con modalità spartane. Oasi sperdute sulle montagne o tra le campagne italiane. Trovetevi un buen rifugio dove passare i prossimi mesi, qualora la pandemia dovesse tornare, perchè stavolta potrebbe essere la fine del mondo.

 

CorSera.it 

 

Leggi la notizia
CORSERA CORONAVIRUS CASO SORRENTO MEGLIO DI MONTECARLO MA STA MORENDO

CORSERA CORONAVIRUS CASO SORRENTO MEGLIO DI MONTECARLO MA STA MORENDO

15 Maggio 2020

Sorrento 15 maggio 2020 CorSera.it

Sorrento meglio di Montecarlo, ma è una città italiana che come tante altre sta morendo di inedia. Sorrento sarebbe uno dei Principati più belli e ricchi del mondo senza i laccioli e il fardello della fiscalità nazionale. Ma non è così, dobbiamo assistere ad una lenta agonia che non ha ragioni se non nella stupidità di chi ci governa. L'Italia deve prendere una decisione ora, e non domani, per salvarsi. Il paese va defiscalizzato, creata una moneta nazionale e rilanciato il settore turistico ricettivo. Qualcuno gioca, ma sarà un settembre infuocato dalla recessione.L'Italia è un paese a vocazione turistica, se località di mare come Sorrento vivono quasi esclusivamente di turismo, i programmi politici dovrebbero diventare funzionali a questa esigenza. Ma non lo sono. 

Leggi la notizia