Lunedi' 10 Agosto 2020
HOTLINE: +39 335 291 766
CORSERA COLOSSEO COOP CULTURE MIBACT IL GIOCO DELLE TRE CARTE SULLA PELLE DI GUIDE TURISTICHE, ACCOMPAGNATORI E TOUR OPERATOR

CORSERA COLOSSEO COOP CULTURE MIBACT IL GIOCO DELLE TRE CARTE SULLA PELLE DI GUIDE TURISTICHE, ACCOMPAGNATORI E TOUR OPERATOR

19 Luglio 2020

Roma 19 luglio 2020 CorSera.it by Matteo Corsini 

Quella del Colosseo, la "Battaglia del Colosseo ", appare oggi non soltanto come fotogramma dilatato della realtà economico sociale del paese, ma la cartina di tornasole della crisi politica e sociale della Capitale. La battaglia del turismo è di fondamentale importanza per l'Italia, senza visitatori, pellegrini e imprese straniere, il GDP nazionale sarebbe asfittico, probabilmente il gettito erariale insufficiente a soddisfare la nostra gigantesca spesa pubblica..Capire l'Italia sotto il profilo turistico culturale è fondamentale, e l'esercito di guide e accompagnatori turistici, forma un secondo esercito, che ogni giorno lavora per gestire il territorio, i siti archeologici, le relazioni sociali. Senza questo segmento dell'economia, l'Italia non sarà in grado di reggere al colpo della crisi che si sta propagando insieme al Covid-19. Dobbiamo ripensare al modello di business turistico, per questo motivo è indispensabile rigenerare la struttura fiscale della nazione, con normative moderne, dinamiche, in sinergia con le esigenze del mondo del lavoro. L'Olanda ha un debito pubblico inferiore al nostro e dunque può consentirsi di diminuire la pressione fiscale a beneficio anche delle imprese italiane, che infatti vi traslocano armi a bagagli. La battaglia del Colosseo, è quella del paese, perchè tutti insieme dobbiamo uscire dalla crisi con idee e programmi innovativi. L'aspetto fondamentale è quello delle imposte e delle tasse. Se non defiscalizziamo andremo in bancarotta con tanti saluti di Rutte e dei frugali paesi del nord che non conoscono crisi.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Riguardo Coopculture, uno degli aspetti che andrebbe affrontato con dettaglio, riguarda la sostituzione della figura della guida turistica abilitata con personale non abilitato, “spacciando” la visita guidata come visita didattica o visita accompagnata. 

In realtà sappiamo tutti, ne abbiamo prove visive e tangibili, che la visita viene pubblicizzata e venduta come guidata (in realtà ultimamente, il loro sito è stato aggiornato e ora le definiscono tutte: visite didattiche); ma l’operatore incaricato a condurre la visita, si presenta ai visitatori come “guida”, pur non essendo in possesso del titolo, (sarebbe interessante verificare se sia in possesso del titolo per poter fare didattica!!).

Leggi la notizia
CORSERA TURISMO MAAVI ENRICA MONTANUCCI UNA STRAGE PERPETRATA NELL' INETTITUDINE. LETTERA APERTA AL MINISTRO DARIO FRANCESCHINI

CORSERA TURISMO MAAVI ENRICA MONTANUCCI UNA STRAGE PERPETRATA NELL' INETTITUDINE. LETTERA APERTA AL MINISTRO DARIO FRANCESCHINI

15 Luglio 2020

Roma 16 luglio 2020 CorSera.it

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Lettera aperta al Ministro del Turismo ed al Sottosegretario del Turismo

Gentile Dottoressa Bonaccorsi

faccio un ultimo tentativo formale, visto che fino ad oggi nei rapporti con le istituzioni abbiamo usato ogni forma di di ragionevolezza e di rispetto delle regole. Lei conosce molto bene la nostra storia, la storia di un settore che il Covid ha semplicemente “devastato”. E ne ha preso cura fin dai primi giorni dell’allarme. O almeno questo è quello che ci ha trasmesso e spesso dimostrato chiaramente. Il problema è che prendersi a cuore qualcosa per quanto ammirevole possa essere considerato, purtroppo non basta. E siamo davanti ad uno degli errori più clamorosi che questo governo potesse fare.

Non mi venga a dire “questione di coperture”, “questione di fondi”… non è così. Qui l’unica questione è la totale incapacità di gestire quei fondi e, soprattutto, la totale inettitudine nel farsi ascoltare. Il Ministro del Turismo non ha fatto NULLA per il Turismo. Nulla. Il Ministro del Turismo, nella suo modo snob e distaccato, nella sua mania di cultura e bellezza, ha permesso che chi non conosce i fatti, ci camminasse sopra senza scrupoli, liberi nella loro scellerata azione di uccidere un settore.

Leggi la notizia
CORSERA MIBACT COOPCULTURE DARIO FRANCESCHINI GIOVANNA BARNI QUELLA SPORCA BISCA AL PARCO ARCHEOLOGICO DEL COLOSSEO

CORSERA MIBACT COOPCULTURE DARIO FRANCESCHINI GIOVANNA BARNI QUELLA SPORCA BISCA AL PARCO ARCHEOLOGICO DEL COLOSSEO

14 Luglio 2020

ROMA 15 LUGLIO 2020 CorSera.it Enrica Palombelli-London indipendent blogger

Gli Sporchi affari all'ombra del Colosseo. 

Noi romani immaginavamo che almeno una cosa a Roma andasse per il verso giusto, la gestione del Parco Archeologico del Colosseo. Pubblichiamo un intervento da parte di un tour operator, che mette in luce le irregolarità della gestione della biglietteria da parte di COOPCULTURE, concessionario esclusivo del Parco Archeologico. 

In allegato i seguenti documenti, denominati con i numeri da 1 a 8, e commentati in seguito. Credo che siano delle mail importanti per mettere in luce l'opaca gestione di Coopculture nei confronti dei "grandi clienti".

1-Mail in cui coopculture annuncia l'apertura della vendita delle disponibilita' relative all'evento serale nel Colosseo "La luna sul Colosseo- il sogno del gladiatore). Tale servizio deve includere anche interventi multimediali dello studio Azzurro (esattamente come nell'anno precedente) che danno la parte "il sogno del gladiatore" al nome dell'evento.

Sempre in riferimento all'evento serale: questo viene offerto in 3 lingue diverse (inglese, spagnolo e italiano) distribuite su relativi orari e disponibilita'. Le disponibilita' in lingua inglese si esauriscono subito, data la maggiore richiesta in questa lingua. Il 25 febbraio, stesso giorno in cui il MIBACT annulla la prima domenica gratuita per il mese di Marzo (causa Covid-19) e 1 giorno dopo aver annunciato la chusura dei musei di Torino per lo stesso motivo, Coopculture invia ai "grandi clienti" una mail inattesa (allegato 8) in cui rende disponibile una procedura per poter chiedere il cambio lingua degli slot, di fatto autorizzando i grandi clienti a comprare tranquillamente anche slot in Italiano e Spagnolo per poi chiedere il cambio lingua.
 

Leggi la notizia
CORSERA ROMA APOCALISSE SU B&B, ALBERGHI E AFFITTACAMERE. SALTATE MIGLIAIA DI STRUTTURE RICETTIVE IMPRENDITORI IN GINOCCHIO

CORSERA ROMA APOCALISSE SU B&B, ALBERGHI E AFFITTACAMERE. SALTATE MIGLIAIA DI STRUTTURE RICETTIVE IMPRENDITORI IN GINOCCHIO

20 Giugno 2020

Roma 20 giugno 2020 CorSera.it 

Roma e' l'apocalisse. La pandemia da coronavirus e il successivo lockdown mondiale, si sono abbatutte sul settore turistico ricettivo con la forza distruttiva di uno tsunami, che ha travolto tutto e tutti, grandi e piccoli, lasciandosi dietro soltanto una scia di macerie sporche e piene di fango. Roma la Capitale che è sfuggita all'infezione pandemica, non è riuscita a schivare la crisi del settore turistico ricettivo, che ha finito per travolgete migliaia di piccoli e medi imprenditori. Sono circa 8000 le strutture di B & B e affittacamere nella capitale, cittadini italiani e stranieri che si erano abituati a campare quasi senza lavorare. Il flusso di denaro era generoso costante e continuo. Adesso molte di queste strutture dovranno essere riconvertite, tornare sul mercato come abitazioni e uffici. I turisti quelli veri, quelli che possono spendere, non si affacceranno al mercato italiano prima della fine dell'anno 2020. Usa, Brasile, Russia, sono nel pieno della pandemia e rischiano loro stessi la seconda ondata nel giro di qualche mese. Previsioni e programmi sono impossibili e anche le banche cominciano ad abbandonare il settore.Nessuno ad oggi è in grado di dire quando riprenderà il turismo in Italia e se i prezzi saranno gli stessi del pre-covid19. Ad oggi, chi può si libera delle strutture turistiche, converte i B & B in case di lusso e cerca di monetizzare il più in fretta possibile. Nei prossimi 12/18 mesi le quotazioni del settore immobiliare scenderanno tra il 25% e il 50%. Purtroppo siamo dentro ad una trappola mortale, da cui pochissimi riusciranno ad uscire salvando la pelle.

 

CorSera.it Copyright 2020 

Leggi la notizia
CORSERA ESTATE 2020 GRECIA DA MYKONOS A SANTORINI SARA' LA FINE DEL MONDO, DOVE IL TURISTA RISCHIA LA PELLE

CORSERA ESTATE 2020 GRECIA DA MYKONOS A SANTORINI SARA' LA FINE DEL MONDO, DOVE IL TURISTA RISCHIA LA PELLE

09 Giugno 2020

MYKONOS 10 GIUGNO 2020 CORSERA.IT 

Estate 2020 emergenza da coronavirus. Non c'e' alcun dubbio che la Grecia rimane una delle mete oggettivamente più pericolose per il turista italiano ed internazionale. Mykonos è l'isola della perversione, sesso e pompini a gogò in ogni forma e salsa, faranno da detonatore per la ripresa della pandemia. Oggi sappiamo, come sostengono molti virologi, che il coronavirus si è propagato tra i giovani con le attività sessuali, che poi le hanno trasmesse ai genitori e agli anziani in generale. Covid-19 è come l'HIV, forse le istituzioni sanitarie non lo hanno ancora spiegato bene, ma prima di partire per le vacanze, che tutti facciano una bella riflessione. Quindi, evitare Mykonos, Ibiza, le isole in cui lo sballo, la droga, il sesso sono fattori micidiali per la salute di tutti noi. 

L'estate 2020 dovrà essere affrontata con modalità spartane. Oasi sperdute sulle montagne o tra le campagne italiane. Trovetevi un buen rifugio dove passare i prossimi mesi, qualora la pandemia dovesse tornare, perchè stavolta potrebbe essere la fine del mondo.

 

CorSera.it 

 

Leggi la notizia
CORSERA CORONAVIRUS CASO SORRENTO MEGLIO DI MONTECARLO MA STA MORENDO

CORSERA CORONAVIRUS CASO SORRENTO MEGLIO DI MONTECARLO MA STA MORENDO

15 Maggio 2020

Sorrento 15 maggio 2020 CorSera.it

Sorrento meglio di Montecarlo, ma è una città italiana che come tante altre sta morendo di inedia. Sorrento sarebbe uno dei Principati più belli e ricchi del mondo senza i laccioli e il fardello della fiscalità nazionale. Ma non è così, dobbiamo assistere ad una lenta agonia che non ha ragioni se non nella stupidità di chi ci governa. L'Italia deve prendere una decisione ora, e non domani, per salvarsi. Il paese va defiscalizzato, creata una moneta nazionale e rilanciato il settore turistico ricettivo. Qualcuno gioca, ma sarà un settembre infuocato dalla recessione.L'Italia è un paese a vocazione turistica, se località di mare come Sorrento vivono quasi esclusivamente di turismo, i programmi politici dovrebbero diventare funzionali a questa esigenza. Ma non lo sono. 

Leggi la notizia