Venerdi' 03 Febbraio 2023
HOTLINE: +39 335 291 766
CORSERA VIVIANA PARISI UCCISA PER UN REGOLAMENTO DI CONTI, SFIGURATA AL VOLTO CON DELLE PIETRE, FORSE DALLA RIVALE IN AMORE

CORSERA VIVIANA PARISI UCCISA PER UN REGOLAMENTO DI CONTI, SFIGURATA AL VOLTO CON DELLE PIETRE, FORSE DALLA RIVALE IN AMORE

16 Agosto 2020

Messina 16 agosto 2020 CorSera.it dal nostro corrispondente Bruto Osvaldi 

Gli ultimi particolari sulla trama del delitto della efferata morte della dj Viviana Parisi.Gli investigatori cercano la berlina grigia e la "famigila del Nord " di cui parlano i testimoni oculari. Tutti gli indizi che gli inquirenti stanno esaminando. A chi conduce la morte di Viviana Parisi?

Sono trascorsi 13 giorni e tutti i componenti della " famiglia del Nord " sono scomparsi. Nessuno ne sa più niente. Ma come abbiamo anticipato al CorSera.it, secondo indiscrezioni investigative piuttosto fondate, le quattro persone scese dalla berlina grigia, erano proprio gli aguzzini di Viviana Parisi. I testimoni oculari sostengono che l'uomo pelato con la camicia arancione, sceso dalla berlina grigia, ha seguito Viviana Parisi oltre il guardrail, forse per capire in qualche direzione andasse la vittima predestinata. Viviana Parisi era seguita da due automobili, una delle quali si è fermata mentre l'altra ha proseguito per poi tornare verso i boschi di Caronia. Viviana Parisi, non urlava, probabilmente era convinta che sarebbe riuscita a seminare gli inseguitori e comunque doveva scappare e cercare di nascondersi. 

Leggi la notizia
CORSERA DELITTO VIVIANA PARISI L'INFERNO DEL MASSACRO: SBRANATA DAI ROTTWEILER. L'OMICIDIO FARSA RACCONTATO DALLA STAMPA ITALIANA

CORSERA DELITTO VIVIANA PARISI L'INFERNO DEL MASSACRO: SBRANATA DAI ROTTWEILER. L'OMICIDIO FARSA RACCONTATO DALLA STAMPA ITALIANA

16 Agosto 2020

Messina 17 agosto 2020 CorSera.it 

Delitto Viviana Parisi, la mamma di Gioele. Gli investigatori stanno sciorinando alla stampa italiana, ipotesi sempre più bizzarre. Il bello è che i cronisti della stampa nazionale, riportano esattamente le strampalate ipotesi. L'ultimissima grottesca ricostruzione della morte di Viviana Parisi, adesso sarebbe attribuita alla aggressione di due cani Rottweiler, che dapprincipio avrebbero morso la donna alle gambe, e poi avrebbero finito di sbranare Gioele. Ma la notizia principale, come riporrta anche l'Huffington post, sarebbe quella del calzino mancante. I due cani Rottweiler, avrebbero azzannato la donna, poi con cura tolto una scarpa e un calzino per farlo sparire. Nella esilerante ricostruzione investigativa, come nel celeberrimo film "Spiriti nelle tenebre", le due bestie feroci, sarebbero riuscite a divorare Gioele senza lasciarne alcuna traccia biologica, nè il corpo, nè le membra, neanche una goccia di sangue. Poi come nel film sarebbero sparite senza lasciare alcuna traccia di sè. Forse gli investigatori staranno pensando di ingaggiare degli sciamani per trovare la grotta dei due Rottweiler risolvendo così i mistero della morte della dj Viviana Parisi C'e' da ridere. E qualcuno scrive e riporta queste stupidaggini!!!

 

Leggi la notizia
CORSERA CARONIA DJ MORTA VIVIANA PARISI SOCCORRITORI O ASSASSINI? L'ENIGMA DELLA BERLINA GRIGIA FERMATASI SUBITO DOPO L'INCIDENTE

CORSERA CARONIA DJ MORTA VIVIANA PARISI SOCCORRITORI O ASSASSINI? L'ENIGMA DELLA BERLINA GRIGIA FERMATASI SUBITO DOPO L'INCIDENTE

15 Agosto 2020

Messina 15 agosto 2020 CorSera.it dal nostro corrispondente Bruto Osvaldi

Il mistero della berlina grigia con quattro soccorritori a bordo, fermatisi subito dopo l'incidente in galleria. Erano soccorritori o gli assassini della dj Viviana Parisi?

Viviana Parisi, la dj morta il 3 agosto, era con ogni probabilità inseguita dai suoi assassini. La donna dopo aver sbandato sotto la galleria, contro un furgone della manutenzione, è scesa dall'auto con il figio Gioele in braccio, probabilmente inseguita dai suoi assassini. Per sottrarsi al pericolo, Viviana deve aver tagliato la strada scavalcando il guardrail.

I soccorritori, di cui parlano alcuni testimoni,  scesi da una berlina grigia, appena dopo l'incidente, erano in realtà i suoi aguzzini. Si parla di quattro persone, due uomini e due donne.

La domanda che si stanno facendo gli inquirenti oggi è chi voleva la morte di Viviana Parisi e portargli via il piccolo Gioele? 

Nella vita della dj Viviana Parisi si nasconde un mistero gigantesco, quello di una relazione amorosa con un amante psicopatico, sfinito dalla gelosia.Viviana Parisi aveva distrutto la vita di un'altra famiglia fino a spingere i suoi componenti a vendicarsi contro di lei? Viviana Parisi fuggiva da quattro persone che volevano dargli una lezione? 

Leggi la notizia
CORSERA DJ MORTA VIVIANA PARISI OMICIDIO A SFONDO PASSIONALE. BRACCATA E UCCISA DAI PARENTI DELL' AMANTE

CORSERA DJ MORTA VIVIANA PARISI OMICIDIO A SFONDO PASSIONALE. BRACCATA E UCCISA DAI PARENTI DELL' AMANTE

15 Agosto 2020

Messina 15 agosto 2020 CorSera.it dal nostro corrispondente Bruto Osvaldi

Viviana Parisi, la bellissima dj di 43 anni, trovata morta ai piedi di un tralicccio dell'alta tensione, è stata vittima di una vendetta a sfondo passionale, forse braccata e aggredita dai parenti dell'amante. Ecco spiegato il motivo per il quale Viviana Parisi, subito dopo l'incidente in galleria, sarebbe fuggita dalla propria automobile, una Opel Astra lasciando cellulare e borsa con i soldi, per tagliare in perpendicolare la strada, scavalcare il guardrail nel disperato tentativo di seminare gli aggressori. Nella sua mente l'unico interesse era salvare il piccolo Gioele che teneva stretto tra le braccia. I soccorritori, arrivati sul luogo dell'incidente nella galleria, pochi istanti dopo l'urto,  erano in realtà i suoi aguzzini, forse i componenti della famiglia dell'amante della donna. Gli stessi che forse l'hanno inseguita sia a piedi che in automobile, fino a rintracciarla e braccarla, ucciderla e portarle via il bambino.A Sant'Agata di Militello, la donna avrebbe dovuto incontrare un uomo, quando probabilmente sono apparsi i componenti della famgilia dell'amante che hanno iniziato ad inseguirla con la berlina grigia, la stessa , che subito dopo l'incidente in galleria, si sono fermati non per soccorrerla ma per aggredirla. Lei è riuscita a scappare, poi ha iniziato a correre disperatamente per salvarsi e ha incontrato la morte.

 

CorSera.it copyright 2020 

Leggi la notizia
CORSERA DIMISSIONI  VITTORIO FELTRI UN CALCIO IN CULO A CARLO VERNA. IL PIU' GRANDE GIORNALISTA VIVENTE ABBANDONA L'ORDINE DEI GIORNALISTI

CORSERA DIMISSIONI VITTORIO FELTRI UN CALCIO IN CULO A CARLO VERNA. IL PIU' GRANDE GIORNALISTA VIVENTE ABBANDONA L'ORDINE DEI GIORNALISTI

28 Giugno 2020

Roma 28 giugno 2020 CorSera.it 

Vittorio Feltri il più grande giornalista di " tutti i tempi"  come lo definirebbe qualcuno, lascia, anzi abbandona l'ordine dei giornalisti, che ha rappesentato con dignità per tantissimi anni. E' il calice amaro che il presidente di ODG Carlo Verna, deve bere in mondovisione, proprio colui che voleva " portare Feltri nella strada del ravvedimento " . Il clamoroso gesto di Vittorio Feltri determinerà forse la caduta della stessa istituzione dell'Ordine dei Giornalisti. Immaginare che in Italia nel 2020, ci sia ancora un Carlo Verna, che intenda assumere il ruolo del "maestro di classe" e consigliare al padre di tutti i giornalisti italiani, come ci si debba comportare, è del tutto ridicolo,  incostituzionale, una minaccia per la democrazia e la libertà di pensiero.Il bello è che Carlo Verna ci crede, mettere la museruola ad uno come Vittorio Feltri. Nell'aria c'è un che di patetico, ma senza dubbio il gesto plateale di Vittorio Feltri, segna l'inizio della fine dell'Ordine dei giornalisti italiani che non ha più davvero senso di esistere. Per non parlare del modo come l'INPGI ha investito i soldi dei giornalisti italiani, da Imbimbo all'avvocato Manetta in poi, ce ne sarebbe ancora da scrivere e ricordare.  

 

Leggi la notizia
CORSERA OSTIA CAPOCOTTA ATTI CRIMINALI, CHIODI E VETRI ROTTI NELLA SABBIA

CORSERA OSTIA CAPOCOTTA ATTI CRIMINALI, CHIODI E VETRI ROTTI NELLA SABBIA

21 Giugno 2020

Nella spiaggia libera di Roma, quella dell’ex Amanusa, nella zona est di Ostia, qualcuno ha nascosto nella sabbia diversi chiodi arrugginiti”. La denuncia è di Virginia Raggi, sindaco di Roma.

“Li hanno messi verticalmente, a distanza di 10 centimetri, tra le paline che abbiamo installato per il distanziamento sociale. Sembra proprio che siano stati disposti in questo modo appositamente affinché qualcuno li calpestasse e si facesse male. O forse questi vandali volevano far credere ai cittadini che le spiagge di Ostia non sono pulite e sicure?”.

Pensate che oltre ai chiodi abbiamo trovato anche diversi pezzi di bottiglie di vetro rotte. Un pericolo per tutti i bagnanti, soprattutto per i tanti bambini che giocano con la sabbia. Una vera vergogna! Un vero e proprio atto criminale che mette a rischio l’incolumità di chi ogni giorno frequenta le spiagge di Roma. Abbiamo denunciato questo vergognoso episodio alle forze dell’ordine e mi auguro che i responsabili vengano individuati”.

Leggi la notizia