Mercoledi' 30 Novembre 2022
HOTLINE: +39 335 291 766
NORMAN ATLANTIC  LA NAVE DELL'ORRORE ALMENO 30 CADAVERI CARBONIZZATI NELL'INFERNO DELLE STIVE

NORMAN ATLANTIC LA NAVE DELL'ORRORE ALMENO 30 CADAVERI CARBONIZZATI NELL'INFERNO DELLE STIVE

03 Gennaio 2015 (ANSA) - BRINDISI, 2 GEN - Forse ci sono altri corpi a bordo: ma oggi non è stato possibile entrare nelle stive e nel garage distrutti dalle fiamme. E sarà la scatola nera a fornire elementi utili per chiarire le cause del disastro in mare del Norman Atlantic. E' stata recuperata oggi e sistemata in un sacchetto rosso portato giù con l'autoscala dei vigili del fuoco poco prima che il pm di Bari, Ettore Cardinali, lasciasse, dopo un sopralluogo di due ore, il traghetto andato a fuoco il 28 dicembre alle 4.30 al largo di Valona e arrivato oggi, ancora fumante, nel porto di Brindisi. E' un database in cui gli inquirenti potranno trovare elementi utili alle indagini. Oltre alla scatola nera, che sarà sottoposta a accertamenti tecnici irripetibili, i militari della Capitaneria di porto delegati alle indagini hanno sequestrato tutta la documentazione cartacea trovata sulla nave: "Da lì - ha spiegato il pm - potremo fare valutazioni sui carichi della nave". I primi accertamenti tecnici sono stati compiuti subito dopo l'approdo del Norman Atlantic a Brindisi: non si è lasciato trascorrere tempo prima di intervenire,  Leggi la notizia
ROMA CAPODANNO VIGILI URBANI SABOTAGGIO ALLA GIUNTA DI IGNAZIO MARINO SINDACO

ROMA CAPODANNO VIGILI URBANI SABOTAGGIO ALLA GIUNTA DI IGNAZIO MARINO SINDACO

03 Gennaio 2015

E' fuor di dubbio che l'assenteismo di oltre l'80% dei vigili urbani della Capitale e' un chiaro campanello di allarme per la guinta del sindaco Ignazio Marino,un sabotaggio piu' o meno dichiatato alle sue funzioni amministrative un pericoloso segnale che giunge al fondo dalla pancia degli addetti della PA capitolina.La pax romana tra istituzioni e organizzazioni criminali e' giunta al capolinea qualcuno vi interferisce e questo non va.Ignazio Marino corre forse dei pericoli anche aldila' dei suoi meriti,tra gli altri  quello di essere una persona onesta semplice,che  senza dare troppo nell'occhio ha decisamente sbaragliato in pochi mesi i gangli corruttivi dell'apparato della Roma Capitale ereditata da personaggi che ormai non fanno piu' neanche storia.

Leggi la notizia
NOTTE DI CAPODANNO VIGILI URBANI ABBANDONATA LA CITTA' DI ROMA CAPITALE NELLE MANI DELLA MAFIA DELLA CAMORRA DELLE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI

NOTTE DI CAPODANNO VIGILI URBANI ABBANDONATA LA CITTA' DI ROMA CAPITALE NELLE MANI DELLA MAFIA DELLA CAMORRA DELLE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI

02 Gennaio 2015 (AGI) - Roma, 2 gen. - E' bufera sui vigili urbani di Roma: in tantissimi sono risultati malati la notte di Capodanno, e la citta' ne ha pesantemente risentito. Si parla dell'83,5% della forza prevista che invece e' rimasta a casa, alle prese con malesseri vari. E sulla vicenda ci sono gli interventi del governo, del sindaco della capitale e dell'Autorita' di garanzia degli scioperi. L'esecutivo ha parlato attraverso lo stesso premier Matteo Renzi che su Twitter ha scritto "Leggo di 83 vigili su 100 a Roma che non lavorano 'per malattia' il 31 dicembre. Ecco perche' nel 2015 cambiamo le regole nel pubblico impiego". Leggi la notizia
NORMAN ATLANTIC TRAGHETTO IN FIAMME 300 PERSONE IN BALIA DEL MARE FORZA 8 ONDE DI SEI METRI

NORMAN ATLANTIC TRAGHETTO IN FIAMME 300 PERSONE IN BALIA DEL MARE FORZA 8 ONDE DI SEI METRI

28 Dicembre 2014

Il mare forza 7-8, onde alte sei metri, vento a oltre 50 nodi. In queste difficilissime condizioni i soccorritori, italiani e greci, stanno lavorando per portare in salvo i passeggeri e i membri dell’equipaggio del traghetto Norman Atlantic, su cui all’alba è scoppiato un incendio nel settore garage. Drammatiche le testimonianze da bordo: “C’è freddo e fumo, moriremo di freddo”. E’ una corsa contro il tempo. Il comandante ha comunicato che “la nave è ingovernabile“, è alla deriva verso l’Albania e ora è anche inclinata a causa dell’acqua utilizzata per spegnere le fiamme. Sono 190 al momento le persone portate in salvo, secondo il bilancio della Marina Militare, mentre a bordo ci sono ancora 287 persone. C’è una vittima: è un passeggero greco, Georghios Doulis, che ha perso la vita mentre cercava di salire su una scialuppa. Difficile capire invece quanti sono i feriti: al momento se ne contano almeno 6. Da Brindisi sono partiti alcuni rimorchiatori: uno di questi ha tentato di agganciare il traghetto ma il cavo lanciato dalla prua del traghetto si è fuso perché di un materiale che non ha retto il calore delle lamiere surriscaldate dall’incendio.

 
Leggi la notizia
MAFIA CAPITALE IGNAZIO MARINO PRONTO ALLE DIMISSIONI CULPA IN VIGILANDO ROMA NELLE MANI DELLA MAFIA

MAFIA CAPITALE IGNAZIO MARINO PRONTO ALLE DIMISSIONI CULPA IN VIGILANDO ROMA NELLE MANI DELLA MAFIA

14 Dicembre 2014

Roma Mafia capitale.Ignazio Marino in giro in bicicletta gli stavano portando via la citta'.Non c'e' che dire culpa in vigilando per il professore di Genova,incapace di capire che intorno a lui il Mondo di Mezzi si stava prendendo Roma e tutti gli appalti che ci sono dentro.D'altronde per fronteggiare la corruzione non serve le bicicletta ma intenzioni reali,che dimostrino come nel tempo la politica sia in primo piano per denunciarne gli atti corrosivi della societa' civile.Ignazio Marino ha fallito nel suo compito di un Sindaco e' quanto mai quello di vigilare sulla cosa pubblica nelle pieghe dell'amministrazione negli appalti.Marino ha fallito il suo compito e deve andarsene.Roma ha bisogno di un Sindaco autorevole efficace capace di controllare e non farsi soffiare il sellino da sotto il sedere.

Ignazio Marino si candida per un secondo mandato e intanto dispone la rotazione dei dirigenti capitolini «a cominciare dagli incarichi apicali di tutte le strutture». Ma sul Comune di Roma continua a pendere lo spettro dello scioglimento e delle elezioni anticipate e ora anche l’Antimafia accende un focus sul caso Roma. La commissione parlamentare sentirà presto il prefetto e i segretari di partito. «Dobbiamo riprendere il tema del rapporto mafia politica e capire come è cambiato in questi anni», dice Rosy Bindi. «Conosciamo tutti la determinazione del presidente del Consiglio, l’abbiamo vista sullo jobs act e sulla Costituzione e su altri temi, mi auguro che utilizzi un po’ di più questa sua determinazione anche verso la lotta alle mafie», dice la presidente dell’Antimafia sferrando un attacco diretto a Renzi e al suo partito. Il Pd, dice, non si sarebbe accorto di quanto stava accadendo perché sta chiuso nelle stanze a litigare sulle correnti invece di frequentare le periferie.

Leggi la notizia
CORSERA SCANDALO MAFIA CAPITALE INVIA I TUOI INTERVENTI LE NOTIZIE QUELLO CHE SAI PUBBLICHEREMO LA TUA STORIA

CORSERA SCANDALO MAFIA CAPITALE INVIA I TUOI INTERVENTI LE NOTIZIE QUELLO CHE SAI PUBBLICHEREMO LA TUA STORIA

07 Dicembre 2014 Mafia Capitale Corsera dedica una rubrica sugli scandali di Roma se hai una storia da raccontare inviala subito o contattaci subito per approfondimenti pubblicheremo la tua storia chiama subito 335291766 Leggi la notizia
CRONACA ANDREA LORIS STIVAL STRANGOLATO E UCCISO CON UNA FASCETTA ELETTRICA

CRONACA ANDREA LORIS STIVAL STRANGOLATO E UCCISO CON UNA FASCETTA ELETTRICA

04 Dicembre 2014

Il piccolo Andrea Loris Stival è stato strangolato e ucciso con una fascetta elettrica. È questa l’ultima verità emersa dai rilievi medico-legali sul cadavere del bambino ucciso sabato a Santa Croce Camerina (Ragusa). Il corpo non è stato ancora restituito alla famiglia, mentre gli inquirenti continuano il lavoro di verifica e riscontro della versione fornita dalla madre del bambino, Veronica Panarello, 25 anni, che sostiene di aver accompagnato Loris a scuola ma viene contraddetta dalle immagini delle telecamere dove il piccolo non si vede a bordo della «Polo» nera della mamma, dove compare invece il fratellino Diego, di 4 anni. La donna al momento non è indagata. E oggi sono stati resi pubblici i verbali di Veronica che presentano almeno tre incongruenze.  

Leggi la notizia
MAFIA INCHIESTA ROMANZO CRIMINALE ARRESTATO MASSIMO CARMINATI INDAGATO GIANNI ALEMANNO SEQUESTRATI BENI PER 200 MILIONI

MAFIA INCHIESTA ROMANZO CRIMINALE ARRESTATO MASSIMO CARMINATI INDAGATO GIANNI ALEMANNO SEQUESTRATI BENI PER 200 MILIONI

02 Dicembre 2014

ROMA - Nuovo scandalo nella politica romana: martedì mattina i carabinieri dei Ros sono entrati nella sede della Regione Lazio alla Pisana ma anche in Campidoglio per effettuare una serie di perquisizioni negli uffici di alcuni consiglieri regionali e comunali, nell’ambito di un’inchiesta su un’organizzazione di stampo mafioso. Documenti sono stati acquisiti presso gli uffici della presidenza dell’Assemblea Capitolina. Perquisita anche l’abitazione dell’ex sindaco della Capitale, Gianni Alemanno. Nell’inchiesta denominata «Mafia capitale» - che sta determinando 28 arresti - Alemanno (oltre che ex primo cittadino, ex ministro del governo Berlusconi) è coinvolto come indagato del reato di associazione di stampo mafioso insieme ad altri 36 indagati.

Leggi la notizia
ITALIA MALTEMPO STATO DI ALLERTA IN LIGURIA ANCORA RISCHIO ALLUVIONE

ITALIA MALTEMPO STATO DI ALLERTA IN LIGURIA ANCORA RISCHIO ALLUVIONE

29 Novembre 2014 15:55 - Nuove perturbazioni in arrivo e ancora allerta 2, la massima, in Liguria. L'ha emanata la Protezione civile per il Ponente della regione: attenzione massima dalle 15 di domenica alle 14 di lunedì da Ventimiglia a Noli, in Val Bormida e Valle Stura. Allerta 1, con gli stessi orari, sul litorale genovese e parte di quello savonese fino a Portofino. Criticità ordinaria, senza stato di allerta, nel Levante ligure. Leggi la notizia
AIFA VACCINO ANTINFLUENZALE 11 MORTI E' STRAGE DI ANZIANI 120 MILA PERSONE A RISCHIO

AIFA VACCINO ANTINFLUENZALE 11 MORTI E' STRAGE DI ANZIANI 120 MILA PERSONE A RISCHIO

28 Novembre 2014 aun) - perugia, 28 nov. 014 – In Umbria non sono stati acquistati dal Servizio Sanitario Regionale i due lotti del vaccino antinfluenzale Fluad della Novartis (n. 142701 e 143301) bloccati a titolo cautelativo dall'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Pertanto, non sono mai stati distribuiti ai medici di famiglia vaccini appartenenti ai lotti in questione: è quanto comunica l'Assessorato alla Sanità della Regione Umbria ribadendo che il divieto di utilizzo dei due lotti di vaccino è stato disposto in via precauzionale, a seguito di tre decessi verificatisi in concomitanza temporale con la somministrazione di dosi provenienti appunto dai due lotti, e sui quali si stanno già svolgendo gli accertamenti del caso. Di conseguenza, la campagna di vaccinazione antinfluenzale, rivolta in particolare alle persone anziane sopra i 65 anni e alle persone appartenenti alle categorie a rischio per patologie preesistenti o per professione, prosegue come negli anni precedenti - nel 2013 in Umbria sono stati vaccinati con il vaccino Fluad circa 120 mila anziani Leggi la notizia
FLUAD NOVARTIS VACCINO LETALE 5 DECESSI REGIONE TOSCANA A RISCHIO

FLUAD NOVARTIS VACCINO LETALE 5 DECESSI REGIONE TOSCANA A RISCHIO

28 Novembre 2014 L’Agenzia del Farmaco ha vietato giovedì la vendita di due lotti del vaccino antinfluenzale Fluad dopo il decesso sospetto di alcune persone alle quali era appena stato somministrato. I due lotti sottoposti a divieto sono il «142701» e il «143301» del vaccino antinfluenzale Fluad prodotto dalla Novartis Vaccines and Diagnostics, che non è stato distribuito all’estero, ma solo in Italia, e che è in commercio da oltre dieci anni. 60mila toscani a rischio, vaccinati con i lotti ritirati Sono 60 mila i toscani vaccinati con dosi di vaccino dei lotti a rischio. Lo ha spiegato l’assessore toscano alla salute, Luigi Marroni. Nessuna dose è stata utilizzata per i bambini. La Procura di Siena ha aperto un’inchiesta sulla vicenda e secondo quanto si apprende da fonti vicine alla Procura, non ci sarebbero iscritti nel registro degli indagati. Novantamila sono le dosi distribuite in Toscana e di queste 60 mila sono state somministrate anche se al momento rimane una sola segnalazione di “evento avverso”, quella di un decesso a Prato. Il vaccino sotto accusa viene prodotto negli stabilimenti di Siena della Novartis Vaccines and Diagnostic srl: uno nella città del Palio e l’altro nella vicina Rosia. Le altre regioni Leggi la notizia
LODI THE HEAT ASSALTO AL PORTAVALORI INCENDIO IN AUTOSTRADA SPARATORIA E FUGA

LODI THE HEAT ASSALTO AL PORTAVALORI INCENDIO IN AUTOSTRADA SPARATORIA E FUGA

27 Novembre 2014 Un’auto e due furgoncini bruciati sulla carreggiata sud della A1 all’altezza del casello di Lodi. Un camion dato alle fiamme sulla carreggiata opposta, circa sette chilometri più in basso, all’altezza di Livraga. Il tutto per assaltare un furgone portavalori sull’autostrada e garantirsi la fuga nella strade del Lodigiano. Ma ai banditi - un commando di 8-9 uomini - è andata male, perché l’autista del furgone è riuscito a fuggire e a tornare alla base, a Milano. L’assalto è avvenuto intorno alle 6.40 di giovedì mattina sulla carreggiata Nord dell’Autostrada del Sole, in direzione Milano, all’altezza di Livraga. Leggi la notizia
GENOVA ALLUVIONI UNA REGIONE DEVASTATA DALL'IGNAVIA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

GENOVA ALLUVIONI UNA REGIONE DEVASTATA DALL'IGNAVIA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

27 Novembre 2014 Genova 22 Novembre 2014 Corsera.it I video shock dell'alluvione di Genova una regione devastata dall'ignavia della pubblica amministrazione.Cento anni per la ricostruzione. Leggi la notizia
ROMA E' MORTA AURELIA SORDI SORELLA DELL'INDIMENTICABILE ALBERTO SORDI

ROMA E' MORTA AURELIA SORDI SORELLA DELL'INDIMENTICABILE ALBERTO SORDI

12 Ottobre 2014 E' morta a Roma Aurelia Sordi, la sorella dell'attore e regista Alberto. Malata da tempo, aveva 97 anni. A confermare la notizia della morte di Aurelia Sordi, il custode della villa che si trova nel cuore della Capitale, a pochi passi dalle Terme di Caracalla, dove i due fratelli hanno vissuto. Al momento nella villa sono presenti gli avvocati di Aurelia Sordi ed un sacerdote. Negli ultimi anni di vita la signora Aurelia fu vittima, secondo quanto accertato della Procura di Roma, di un presunto raggiro legato alla sua incapacità, come stabilito dalla perizia, di intendere e di volere. Per quella vicenda è stato chiesto il rinvio a giudizio di dieci persone accusate di circonvenzione di incapace e di ricettazione: si tratta di Arturo Artadi, già autista di Alberto Sordi e successivamente factotum dell'anziana sorella, Leggi la notizia
GENOVA ESONDAZIONE IL SINDACO MARCO DORIA SPUTATO IN FACCIA

GENOVA ESONDAZIONE IL SINDACO MARCO DORIA SPUTATO IN FACCIA

12 Ottobre 2014 LA CITTA’ CHIUSA L’esondazione di cinque tra fiumi e torrenti ha lasciato dietro di sé una scia di devastazione. Ad alimentare la frustrazione c’è sia la mancata emanazione di un’allerta da parte della Protezione Civile sia la sensazione di essere lasciati soli, abbandonati dalle istituzioni i cui rappresentanti non si sono ancora fatti vedere nei quartieri più colpiti. L’allerta 2, quella massima, durerà fino alla mezzanotte di lunedì. Scuole, mercati, parchi, impianti sportivi e cimiteri restano chiusi. PROCESSO IN PIAZZA AL SINDACO Il sindaco di Genova, Marco Doria, è stato pesantemente contestato questa mattina dai commercianti del centro storico durante un sopralluogo alle zone alluvionate. «Vai a casa». E giù offese. Anche pesanti. Poi le minacce: «Verrà il giorno che prenderai schiaffi». Nel “quadrilatero del Fango” la rabbia è tanta. «Pagliacci, ancora parlate, dimezzatevi gli stipendi» gli hanno urlato dietro. E pure «Prendi la pala e pulisci» e «avete anche il coraggio di chiederci la Tasi». «Pagliacci, ancora parlate, dimezzatevi gli stipendi» gli hanno urlato dietro. E pure «Prendi la pala e pulisci» e «avete anche il coraggio di chiederci la Tasi». Leggi la notizia
ROMA VIA VENETO CAFFE' DONEY STANGATA AL CLIENTE AMERICANO NIK DODA

ROMA VIA VENETO CAFFE' DONEY STANGATA AL CLIENTE AMERICANO NIK DODA

03 Ottobre 2014 Roma 3 Ottobre 2014 Corsera.it Roma Via Veneto la strada della Dolce Vita forse una delle localita' turistiche piu' conosciute al mondo oggi torna alla luce della ribalta grazie alla stangata che il Caffe' Doney ha rifilato ad un cliente americano un ristoratore californiano Nik Doda. Il cliente americano si era recato presso il caffe' Doney per degustare due aperitivi insieme ad un amico italiano .Al banco ha ordinato due Aperol Spritz. Dopo cinque minuti,finito di sorseggiare il suo Aperol Spritz,Nik Doda ha chiesto il conto e si e' visto rifilare una stangata da 28 euro.Irritato per il costo abnorme ha fatto chiamare il direttore il quale ha dichiarato: "Noi non abbiamo prezzi al banco ma soltanto comprensivi del tavolo". Una risposta assurda che testimonia qualora ce ne fosse bisogno che il Caffe' Doney di Via Veneto non soltanto e' mal gestito ma nasconde alla clientela il conto salato della consumazione di bevande al bancone.Da nessuna parte risulta in effetti scritto che il costo delle bevande alcoliche e' sempre comprensivo del tavolo.Come dire cliente americano quando arrivi noi ti stanghiamo.Inutile dire che Roma la citta' piu' bella del mondo malgrado la crisi continua a dare prova di malcostume e come in questo caso a rifilare conti astronomici senza servizio alla facoltosa clientela estera. Leggi la notizia
ROMA DISASTRO GIUNTA IGNAZIO MARINO CADONO LE MURA DELL'ANTICA ROMA MASSI SUI PASSANTI

ROMA DISASTRO GIUNTA IGNAZIO MARINO CADONO LE MURA DELL'ANTICA ROMA MASSI SUI PASSANTI

25 Maggio 2014 Roma 25 Maggio 2014 Corsera.it Roma cadono le mura dell'antica capitale Caput Mundi.L'amministrazione Ignazio Marino e' stata un disastro niente di peggio che ricordi la citta' eterna.Ai parioli precisamente in Via Petrolini l'antico parco del quartiere e' distrutto cade a pezzi addirittura il muro di spinta si sta sbriciolando costituendo anche un potenziale pericolo per l'incolumita' dei cittadini.Cosa fa Ignazio Marino? Gira in bicicletta il negletto parassita della politica.Gira per smaltire il grasso politico che si porta dietro da tempo anziche' operare nei quartieri della citta'.che andasse al Casilino in bicicletta al Tuscolano alla Borgata finocchio per capire il disastro di questa citta'.Nella fotografia un cittadino residente nella zona che tenta di arginare la caduta dell'antico muretto della citta' con sprezzo del pericolo a rischio della propria vita. Leggi la notizia
CASO SCAJOLA NIZZA ARRESTATA CHIARA RIZZO LA FEMME FATALE MOGLIE DELL'ARMATORE AMEDEO MATACENA

CASO SCAJOLA NIZZA ARRESTATA CHIARA RIZZO LA FEMME FATALE MOGLIE DELL'ARMATORE AMEDEO MATACENA

11 Maggio 2014 Ammanettata all’aeroporto di Nizza, dove è stata presa in consegna dagli investigatori della Dia. Finisce la latitanza a Montecarlo, durata circa 72 ore, di Chiara Rizzo, 43 anni, la moglie di Amedeo Matacena, armatore siciliano ed ex deputato Pdl a favore del quale l’ex ministro Scajola si sarebbe adoperato per favorirne la fuga dall’Italia. La donna è stata arrestata domenica pomeriggio da ufficiali della polizia francese e gli investigatori della Dia. Rizzo potrà arrivare in Italia solo dopo che la Francia avrà avviato e concluso le operazioni di estradizione. E’ quanto si apprende dalla Dia di Reggio Calabria. Essendo stata arrestata sul territorio di uno stato estero, è stato spiegato, è necessario che siano attivate le procedure dell’estradizione. Motivo per il quale il rientro in Italia di Chiara Rizzo non potrà avvenire prima di qualche giorno. Leggi la notizia
MOSTRO DI FIRENZE OMICIDIO DONNA CROCIFISSA SOTTO UN CAVALCAVIA SETTA SATANICA O SERIAL KILLER

MOSTRO DI FIRENZE OMICIDIO DONNA CROCIFISSA SOTTO UN CAVALCAVIA SETTA SATANICA O SERIAL KILLER

05 Maggio 2014 Nuda e legata ad una sbarra con le braccia spalancate, «come se fosse crocifissa» ha detto il testimone che lunedì mattina l'ha trovata per primo. Lei si chiamava Andrea Cristina Zamfir, 26 anni, rumena. Uccisa in modo barbaro: dopo una serie di sevizie sessuali, inginocchiata a terra, legata di spalle per poter essere aggredita, nella disperata ricerca di liberarsi come testimoniano le ecchimosi sulle braccia all'altezza dello scotch e lasciata morire così sotto un cavalcavia alle porte di Firenze, in via del Cimitero a Ugnano. UN ALTRO CASO L'ANNO SCORSO - Lei è morta, ma non è la prima donna ridotta in questo stato e sempre in quella zona. A marzo dell'anno scorso, un'altra ragazza venne soccorsa dai passanti ma fu ritrovata sempre nuda e sempre legata. In altri due casi - con le donne ritrovate sempre vive - si sarebbe avuto lo stesso modus operandi, e i residenti parlano di un continuo via via di prostituzione. Ecco perchè gli Leggi la notizia