BERLUSCONI RUBY LINGUA LUNGA SI E' INVENTATA TUTTO,CASA,I 5 MILIONI DI EURO,GLI INCONTRI CON CORONA E BETTARINI.

Milano 2 Marzo 2011 CORSERA.IT

Ruby Lingua Lunga si è inventata tutto,cominciando dai 5 milioni,i soldi promessi da Silvio Berlusconi,la casa da 350 mila euro,che avrebbe acquistato con i soldi dello zietto,gli incontri con Corona e Bettarini.Tutto falso,frutto delle allucinazioni di una stravagante sognatrice,che forse davvero ha perduto il treno della fortuna per sua dabbenaggine.

E' quanto si percepisce leggendo questa mattina dal Corriere della Sera,le ultime intercettazioni delle telefonate della marocchina ad alcuni suoi conoscenti.Parole che spande ai quattro venti,il contenuto di alcuni accordi con Silvio Berlusconi ,che qualora fossero stati veri,avrebbe dovuto proteggerne il segreto.(CORSERA.IT)

leggiamo l'articolo del Corriere della Sera.

MILANO - AAA Ruby cerca casa da 350.000 euro, «tanto me la regala zietto». A Natale la neomaggiorenne marocchina Karima "Ruby" el Mahroug, ora al centro del processo che imputa a Silvio Berlusconi i reati di prostituzione minorile e di concussione, trattava con una agenzia immobiliare milanese l'acquisto di una casa come se possedesse (o quantomeno come se potesse fare solido affidamento su) questo denaro: «Tanto, dato che me la regala, posso anche scegliere qualcosa di carino!».

Mentre 9 nuove intercettazioni ribadiscono le aspettative di Ruby di ricevere soldi dal fronte-Berlusconi in cambio del proprio atteggiamento processuale, la storia della casa spunta dagli sms scambiati da Ruby il 19 dicembre con C.A., dipendente di una immobiliare.

Ruby: «Fammi sapere per giovedì... Ricorda, non più di 350.000 euro, capito!!».
Agente: «Tesoro, una bellissima a 290 (mila euro, ndr)».
Ruby: «Quanti mq? Tanto, dato ke me la regala, posso anke scegliere qualcosa di carino!».
L'agente descrive l'appartamento di «70 mq con parquet e aria condizionata»; Ruby lo vuole «più grande preferibilmente!»; l'agente sottolinea «già i mobili nuovi», e «sul prezzo possiamo trattare».
Ruby: «Mah, fammi vedere e poi mi faccio un'idea, ma sinceramente 70 mq son poki!».
Agente: «Ok ma 300.000 di più non trovi».
Ruby, ridendo: «Fai di più, tanto me la regala zietto... ah ah».

Quando il 14 gennaio 2011 Berlusconi era stato incriminato, aveva già destato attenzione la telefonata in cui il 28 ottobre 2010 Ruby confidava a un interlocutore che «Silvio mi chiama di continuo... mi ha detto "cerca di passare per pazza... racconta cazzate... ma io ti sarò sempre vicino... e avrai da me qualsiasi cosa". Con il mio avvocato gli abbiamo chiesto 5 milioni... in cambio del fatto che io passo per pazza e ho raccontato solo cazzate... E lui ha accettato... in effetti seguiremo questa strada...».

Adesso, però, agli atti vengono depositate altre 9 intercettazioni sul tema. Già il 14 ottobre, infatti, il fidanzato Luca Risso informa l'allora avvocato di Ruby (e oggi invece del coindagato Lele Mora), Luca Giuliante, che «Ruby mi ha detto che a fine mese la persona di cui abbiamo tanto parlato gli darà... ehm... 4 chili e mezzo di patate»: il legale risponde che «non è assolutamente così», forse è aspettativa che Ruby sta cercando di proiettare, anche se «ti confermo c'è la volontà di darle una mano, dobbiamo capire le modalità».

Il 26 ottobre, al telefono con un amico che le chiede se sia stata a letto con Berlusconi, Ruby svicola: «Guarda che stacco il telefono subito». Amico: «Ma soldi te ne ha dati questo qui?». E Ruby: «5 milioni». Sui rapporti sessuali con il premier, la 17enne torna il 28 ottobre con un'amica: «Sembra che adesso sia successo chissà che cosa» ma «ci sono tremila uomini di 50 anni che si fanno le minorenni e non dicono mai niente», invece «solo perché lui è Silvio devono aggredirlo in questa maniera (...) Eh, Silvio dubita che è stato qualcuno di quelli che lavorano da lui che ha fatto la spia». E ora «m'ha detto: "Ti dooo tutti i soldi che vuoi, ti rendo tutta d'oro, però tu passa per pazza, non dire mai la verità"».

Ancora il 28 ottobre Ruby con l'amica G. evoca una cena dove «c'era lui (che in quel contesto è Fabrizio Corona, ndr), e c'era Stefano Bettarini... poi è venuto il mio avvocato... e poi l'avvocato di Silvio, perché dovevano affrontare la faccenda e lui (Corona) mi ha detto "sei una grande", mi fa, "continua così e sai quanti soldi ti farai?". A parte che già 6 milioni sono sicuri che li avrò appena faccio i 18 anni, 6 milioni di euro da Silvio... per nasconderlo da tutta questa vicenda...». Interpellati ieri dal Corriere, però, Corona e Bettarini smentiscono sia di aver mai conosciuto Ruby, sia di aver cenato insieme. Del resto una bugia Ruby dice di certo quando nella stessa telefonata narra che «tutto il casino» è nato dal fatto che «sono venuti a casa mia, e appena hanno aperto la scarpiera praticamente cade una busta e c'erano 150.000 euro in contanti», in realtà mai sequestrati. E curiosa è anche la predilezione della ragazza per la cifra 187.000 euro: nei verbali estivi dice che sono i soldi dati dal premier, ma il 20 ottobre al telefono con una prostituta Ruby dice di essere «tornata adesso con 187.000 euro dal Dubai».

Il 29 ottobre è un'altra amica a sentirsi raccontare da Ruby che «alle 4 e mezza ho l'incontro con il capo e... beh, a me sono promessi quat... mi hanno promesso 6 milioni pur di stare zitta, e io faccio quello che vogliono». Il 30 ottobre Ruby spiega a un ex compagno di classe perché non accetterà i «700.000 euro» offerti a suo dire da «Alfonso Signorini che vuole l'esclusiva per due interviste: non posso perché io sono con il capo e lui praticamente mi dà 4 milioni e mezzo... per restarmene zitta». Il 3 dicembre Ruby avvisa il fidanzato che «m'ha chiamato il signor Spinelli (tesoriere di Berlusconi, ndr), dicendomi che devo andare da loro il giorno 26 (Santo Stefano, ndr) per prendere il regalo, poi te lo spiego di presenza...». Il 13 dicembre alla mamma di un amico Ruby accenna a «gli altri soldi che ricevo, li ricevo da chi tu sai, perciò sempre di nascosto». Il 23 dicembre a un connazionale Ruby spiega che «praticamente io ricevo 20.000 euro ogni martedì». Da chi? Nello sceneggiare una specie di scherzo che vuole fare, Ruby chiede all'interlocutore se conosce una donna che parlando al telefono possa inventarsi: «Pronto? Sono la segretaria del signor Spinelli...».

Commenta questo articolo

Tutti i commenti