SARAH SCAZZI OMICIDIO.MATRIX ORGIA DURANTE L'OCCULTAMENTO DEL CADAVERE.

Avetrana 10 Novembre 2010 (CORSERA.IT)

Ieri,durante la solita puntata di Matrix, si è consumato un altro orrore in diretta,scempio della memoria di Sarah Scazzi.Dopo le tristemente note osservazioni del Professor Morelli,quelle relative alla macabra lingua in bocca di Michele Misseri,(quasi fosse stata l'arma del delitto-istantanee proposte da Matrix  a schermo gigante),si è continuato con un'altra idea, quanto mai bizzarra:la diretta in simulazione dell'occultamento del corpo di Sarah Scazzi,trasformato per l'evento in un palloncino di plastica verde,un feticcio dell'orrore...

...quasi un moncone del corpo,seviziato,"anzi putrefatto e sfigurato",come descritto dalle funeree inclinazioni letterarie della Barbara Palombelli (lettera a Sarah al TG5 delle ore 20.00).

Ho guardato con ripugnanza la scena,il martirio e il mercimonio del corpo di Sarah,della sua vita,la replica simulata dell' orrenda fine.Una kermesse teatrale ributtante,ideata dal prurito degli autori del programma Matrix a tutto vantaggio dell'audience.Ma quello che mi ha reso ancora più perplesso è stato lo squallore comportamentale,la piaggeria dell'avv.Nicodemo Gentile,il sosia di Stanlio,uno dei due difensori della famiglia Scazzi,compare di Ollio,l'altro collega al secolo avv.Walter Biscotti.

L'Avv. Nicodemo Gentile,non ha sollevato una parola, contro la feticistica rappresentazione teatrale sull'occultamento del corpo di Sarah,resa in diretta senza alcuna pietà,alcun senso del pudore e della vergogna giornalistica.Sarah Scazzi ,come ormai quella fanciulla,anche il suo ricordo, sia parte integrante di una puntata di CSI,un pezzo del  fotogramma di un telefilm di successo.Una protagonista necessaria per gremire le poltrone della platea dei telespettatori dell'orrore.Un circo di successo,che replica nel corpo devastato di Sarah le proprie frustrazioni e ambizioni mancate.

Avv.Nicodemo Gentile sosia di Stanlio,come mai non sei intervenuto? Avevi paura di non essere più invitato alla kermesse necrofila che va in onda quotidianamente su Matrix?

Eppure, quando poco dopo,si è presentata l'occasione, di esternare la riprovazione per l'efferrato delitto,non hai giustamente, evitato di urlare:" Non si deve avere pietà per Michele Misseri".

La verità, cari avvocati Nicodemo Gentile e Walter Biscotti,sosia o alias di Stanlio e Onlio,anche voi due siete cicciati fuori dalle coltri dell'anonimato,grazie ai delitti efferati di Amanda Knox e oggi di Sarah Scazzi,e insieme ai Bruno Vespa e agli Alessio Vinci,siete protagonisti di un orribile spettacolo del circo mediatico,che offre pezzi di carne al pubblico affamato di sangue.

Come abbiamo spesso scritto,nella vicenda delle indagini e sulla ricostruzione del delitto di Sarah Scazzi,moltissimi giornalisti,anche blasonati,hanno rimesso la faccia,ma il circo mediatico continua,senza mostrare scrupoli,anzi con la complicità tra i protagonisti,che blaterano senza provare alcun rimorso.La Barbara Palombelli, almeno ha offerto dei soldi a Claudio Scazzi, per il suo canile in memoria di Sarah,un gesto ripatore,anche se tardivo,ma meglio che apparire avvocati e far ridere il pubblico,come e meglio di Stanlio e Ollio,senza avere nemmeno una probabile sceneggiatura da recitare sotto il braccio.

CORSERA.IT COPYRIGHT

Commenta questo articolo

Tutti i commenti