In un'intervista al Corriere della sera il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan torna sull'ipotesi di una manovra correttiva e al giornalista che gli chiede se la escluda, anche alla luce dei dati sul Pil, dice: "Esatto". Il ministro riflette poi sull'appoggio dato a Juncker alla presidenza della Commissione Ue e alla domanda se la ritenga ancora una mossa corretta risponde: "Le ripeto quello che il presidente Renzi ha sempre detto: 'La prima cosa da fare è vedere quali sono i programmi e mettersi d'accordo, poi si fanno le scelte sulle persone'. Mi sembra che sul fatto che la crescita e l'occupazione debbano essere la priorità ci sia convergenza, lo si è messo nero su bianco nelle conclusioni del Consiglio europeo". "Ho riscontrato - continua Padoan - un'adesione molto vasta e convinta alla crescita. Le contrapposizioni tra crescita/austerità, Nord/Sud, Paesi che hanno fatto riforme/ quelli che non le hanno fatte, sono spesso dannose e costruite artificiosamente". "Caro Pier Carlo, così non va. La tua intervista conferma che i rapporti di forza politici e economici dominanti in Europa non consentono di correggere i difetti sistemici dell'euro-zona. Ma non abbiamo più tempo per interventi al margine. La rotta mercantilista alimentata dalla svalutazione del lavoro sta portando il Titanic Europa a sbattere". E' quanto scrive Fassina (Pd), in una lettera aperta al ministro dell'Economia in cui chiede "un piano B per l'Italia. Prima che sia troppo tardi".
Roma 30 Giugno 2014 Corsera.it Roma mercato immobiliare pronti a ripartire.Secondo Matteo Corsini il mercato immobiliare in Italia e' pronto a ripartire."Tutti gl indicatori volgono al bello.Sebbene gli ultimi mesi siano stati difficili le vendite riprendono a ritmo sostenuto e gli investitori cominciano a fare capolino.IL mercato immobiliare e' sempre vivo in Italia la sua brusca correzione al ribasso ha fatto soltanto del bene al settore.Con i prezzi piu' bassi le vendite fioccano e siamo tutti felici che le negoziazioni ormai siano all'ordine del giorno.I mercati duri durissimi come quello che abbiamo affrontato in questi ultimi mesi sono per i veri professionisti quelli che non si arrendono difronte a niente e a nessuna cosa.Difficile dire chi e' sopravissuto chi continua ad operare con successo,sicuramente il mercato e' diventato piu' selettivo e soltanto le migliori offerte incontrano l'interesse degli investitori.Il trading e' ancora difficile da individuare,il margine sulle operazioni e' quasi scomparso,ma basta credere e qualcosa di buono esce sempre dal cilindro dei migliori professionisti del settore."

Leggi la notizia

Rio de Janeiro 22 Giugno 2014 Corsera.it dal nostro corrispondente Juao Pinto Paliver Non c'e' dubbio che la debacle italiana sia da attribuire alle condizioni climatiche.Quella di Prandelli e' un'ottima squadra,ma l'Italia e' arrostita dal clima torrido con umidita' insopportabile.A dover fare i conti con le sconfitta italiana non sono certamente i nostri giocatori o il ct Prandelli,semmai i dirigenti della Federcalcio italiana che non hanno saputo sostenere il calendario della nostra squadra nazionale.Giancarlo Abete e' sul tavolo degli imputati,mi domando cosa ci stia a fare con uno stipendio milionario a capo della Federcalcio italiana se i nostri giocatori muoiono soffocati come caldarroste.Si potrebbe dire la stessa cosa anche per la Germania che ieri ha rischiato di uscire dal mondiale con una clamorosa sconfitta a firma del Ghana.Nelle ultime in Italia infuria la polemica sul modulo Prandelli,sull'unica punta Balotelli,quando tutti abbiamo visto che il nostro goleador si abbeverava come un ciuco stanco.Per non dire del fenomeno Pirlo abbattuto dal caldo sferzante,la calura insopportabile che ha sderenato ogni nostro giocatore.Contro l'Uruguay si giochera' ad un orario impossibile,roba da traversata del deserto senza acqua e senza cibo.A fare i conti con l'Italia e' soltanto Giancarlo Abete,la Federazione italiana gioco calcio che non conta niente a livello internazionale acquiescente alle direttive di Blatter e della FIFA.Stare a capo della Federazione italiana giouco calcio significa saper imporre il nostro paese tra le squadre leader di un campionato del mondo,al contrario siamo stati relegati a giocare nel girone dantesco dell'Inferno.

Leggi la notizia

BRUXELLES - L'Italia evita una bocciatura sulla richiesta di rinvio del pareggio di bilancio, e quindi guadagna tempo, ma deve fare i conti con un nuovo richiamo della Commissione europea sul debito elevato e con la richiesta di "misure aggiuntive" per farlo scendere già nel 2014. Ma il Tesoro rassicura: le stime sul debito non tengono conto di risparmi già pianificati, quindi non c'è bisogno di manovre correttive perché con gli interventi programmati gli obiettivi saranno raggiunti. Del resto Bruxelles non fissa scadenze, né chiede manovre vere e proprie, ma vuole solo che l'Italia intervenga al più presto con privatizzazioni, spending review e riforme pro-crescita, in modo da essere pronta quando l'anno prossimo scatterà la 'regola del debito' che impone il taglio 'forzoso' di un ventesimo all'anno dell'eccedenza.

Leggi la notizia

È stata del 16,7% l’affluenza alle urne per le elezioni europee registrata in Italia fino alle ore 12 di oggi. Nelle europee del 2009 - quando si votò in due giorni, il sabato pomeriggio, dalle 15 alle 22 e la domenica - l’affluenza alla prima rilevazione (le 22 di sabato 6 giugno)era stata del 17,8%, alle ore 12 di domenica 7 giugno del 30,7%. Oggi vi è dunque una flessione di circa 1 punto percentuale. La regione in cui si è votato di più è stata l’Emilia Romagna con il 23,6% degli aventi diritto che sono andati alle urne, quella dove si è votato di meno la Sicilia con il 9,3%. COMUNALI Nettamente più alta l’affluenza per le comunali che è stata del 22,3% (il dato non comprende Sicilia e Friuli Venezia Giulia). Per le comunali in Sicilia è andato a votare il 18,7%; a Caltanissetta, unico capoluogo al voto, l’affluenza è stata del 17,4%. Per le comunali in Friuli ha votato il 21,1.

Leggi la notizia

Washington, 6 mag. - Gli Stati Uniti hanno risposto alla richiesta d'aiuto del presidente nigeriano, Goodluck Jonathan, a Barack Obama per ritrovare le 230 ragazze rapite il 14 aprile ed ancora nelle mani degli integralisti islamici Boko Haram. Le ultime 8 sono state sequestrate oggi. Il segretario di Stato americano, John Kerry, ha annunciato in una telefonata a Jonathan che inviera' in Nigeria un team di esperti .

Leggi la notizia

Anche questa settimana il Corriere della sera ha pubblicato un sondaggio condotto da Ipsos riguardante le elezioni europee, che entra nel dettaglio dei singoli elettorati dei partiti candidati alle europee oltre a mostrare le consuete intenzioni di voto. Rispetto alla rilevazione della settimana precedente, i due cambiamenti di maggior rilievo nelle intenzioni di voto si riscontrano nel -0,6% registrato dal PD e nel +0,9% del M5S, che mantengono comunque inalterati gli equilibri ritrovando il PD in prima posizione con il 34,3%, seguito dal M5S al 22,5%. Forza Italia guadagna due decimi di punto ma non recupera terreno in maniera significativa, rimanendo ben al di sotto del 20% nonostante l’inizio di campagna elettorale di Silvio Berlusconi. Il Nuovo Centrodestra di Alfano alleato con l’Udc di Casini ottiene il 6,1%, mentre Lega Nord rimane poco al di sopra del 5% e Fratelli d’Italia è ad un decimo dalla soglia di sbarramento del 4%. L’altra Europa con Tsipras invece vede più lontano l’obiettivo 4% (si ferma al 3,3) così come Scelta Europea (3%), Svp (0,4%) e gli altri partiti minori che ottengono complessivamente il 2%. Aumenta intanto il partito del non voto, con una quota di indecisi ed astenuti che raggiunge il 38,8% in aumento di un punto percentuale.

Leggi la notizia

Nuda e legata ad una sbarra con le braccia spalancate, «come se fosse crocifissa» ha detto il testimone che lunedì mattina l'ha trovata per primo. Lei si chiamava Andrea Cristina Zamfir, 26 anni, rumena. Uccisa in modo barbaro: dopo una serie di sevizie sessuali, inginocchiata a terra, legata di spalle per poter essere aggredita, nella disperata ricerca di liberarsi come testimoniano le ecchimosi sulle braccia all'altezza dello scotch e lasciata morire così sotto un cavalcavia alle porte di Firenze, in via del Cimitero a Ugnano. UN ALTRO CASO L'ANNO SCORSO - Lei è morta, ma non è la prima donna ridotta in questo stato e sempre in quella zona. A marzo dell'anno scorso, un'altra ragazza venne soccorsa dai passanti ma fu ritrovata sempre nuda e sempre legata. In altri due casi - con le donne ritrovate sempre vive - si sarebbe avuto lo stesso modus operandi, e i residenti parlano di un continuo via via di prostituzione. Ecco perchè gli

Leggi la notizia

Nuda e legata ad una sbarra con le braccia spalancate, «come se fosse crocifissa» ha detto il testimone che lunedì mattina l'ha trovata per primo. Lei si chiamava Andrea Cristina Zamfir, 26 anni, rumena. Uccisa in modo barbaro: dopo una serie di sevizie sessuali, inginocchiata a terra, legata di spalle per poter essere aggredita, nella disperata ricerca di liberarsi come testimoniano le ecchimosi sulle braccia all'altezza dello scotch e lasciata morire così sotto un cavalcavia alle porte di Firenze, in via del Cimitero a Ugnano. UN ALTRO CASO L'ANNO SCORSO - Lei è morta, ma non è la prima donna ridotta in questo stato e sempre in quella zona. A marzo dell'anno scorso, un'altra ragazza venne soccorsa dai passanti ma fu ritrovata sempre nuda e sempre legata. In altri due casi - con le donne ritrovate sempre vive - si sarebbe avuto lo stesso modus operandi, e i residenti parlano di un continuo via via di prostituzione. Ecco perchè gli

Leggi la notizia

Roma 5 Maggio 2014 Corsera.it di Matteo Corsini Roma tour nella Roma della Grande Bellezza.Dove andare dove mangiare dove fare shopping. Diminuito il successo nel corso dell'inverno della Grande Bellezza estiva de La Villa di Tonino Mille panini,adesso torna in auge la discoteca Art Caffe' all'interno del parcheggio di Villa Borghese.Per chi ama le emozioni forti,la musica alta,cubiste mozzafiato e l'atmosfera tipica del Cave du Roy puo' immaginare di trascorrere il venerdi' sera in questo tempio della musica pop.Ma anche lo Shari Vari in Vicolo de Denari e' un bel posto dove trascorrere una serata in compagnia di amici.Ambientazione old style quasi un locale degli anni 30 inglese,un misto tra pub,dimora ancien regime,art deco',insomma un palazzo d'epoca romano trasformato in una multisala con piano bar discoteca.Piacevoli gli incontri molto frequentato anche dai turisti.

Leggi la notizia

Roma, 4 mag. - 'E' iniziata la rivoluzione. Una rivoluzione pacifica, ma che le resistenze del sistema non fermeranno'. Lo dice il premier Matteo Renzi in un'intervista al 'Corriere della Sera' e spiega: 'Il fatto che tutti gli organismi siano contro lo considero un elemento particolarmente incoraggiante: noi non facciamo favoritismi'. Continua il l premier: 'Noi siamo qui per cambiare l'Italia. Se qualcuno pensava che fossimo su Scherzi a parte, si sara' ricreduto. Trovo legittimo il malumore di tante realta''. .

Leggi la notizia

Roma, 4 mag. - E' stato arrestato per tentato omicidio Daniele De Santis, il 48enne romano, gia' noto alle forze dei polizia, titolare di un esercizio commerciale e sospettato di aver avuto un ruolo di primo piano nel gravissimo ferimento di un tifoso napoletano prima che si giocasse la finale di Coppa Italia, davanti a 62mila spettatori. Stando a una prima ricostruzione, pare che De Santis abbia provocato i tifosi napoletani lanciando loro dei fumogeni. Alla violenta reazione dei campani, l'ultra' giallorosso risposto esplodendo dei colpi d'arma da fuoco. .

Leggi la notizia

La possibilità di un cambio ai vertici del quotidiano di via Solferino è stata ventilata oggi dal cdr del Corriere della Sera, che ha confermato una "forte tensione" tra direzione e azienda, ai giornalisti riuniti in assemblea. Durante l’incontro che è stato, a quanto si apprende, "velocissimo", il cdr ha comunicato all’assemblea il disaccordo tra l’amministratore delegato Pietro Scott Jovane e il direttore Ferruccio De Bortoli su diverse questioni, tra cui quella sui bonus agli alti dirigenti dell’azienda, fatto che, secondo un giornalista, "ha fatto precipitare la crisi". Nonostante le pressioni verso l'attuale direttore siano forti, per ora nulla si muove, anche perché un cambio al vertice del Corriere comporterebbe un passaggio dal cda del gruppo Rcs. De Bortoli non ha partecipato all'assemblea di redazione, pur essendo presente nella sede del giornale, a differenza dell'ultima assemblea, quella legata alla vicenda dei bonus per i dirigenti di Rcs, a cui il direttore aveva invece partecipato.

Leggi la notizia