Nuovo strappo al ribasso per il rublo. La divisa russa non beneficia del tentativo di rimbalzo del petrolio con il mercato che continua ad aumentare il pressing sulla Bank of Russia per ulteriori interventi a difesa del rublo. Il cross tra dollaro Usa e rublo oggi è salito per la prima volta nella storia sopra quota 60 rubli, con una variazione di oltre il 3% rispetto ai livelli di chiusura di venerdì scorso. La Bank of Russia ha cancellato un’asta di 700 miliardi di rubli (circa 11,6 miliardi dollari) di titoli di Stato a tre anni dopo non aver ricevuto alcuna offerta. Aumentano quindi le pressioni per interventi sul mercato valutario da parte della banca centrale russa a difesa della moneta dopo l’infruttuosa mossa di settimana scorsa di alzare ulteriormente i tassi di interesse (dal 9,5 al 10,5%). Da inizio mese il rublo ha già perso oltre il 18% del proprio valore portando a -76% circa il saldo degli ultimi 12 mesi.

 

Il taglio al bilancio

 

Roma Mafia capitale.Ignazio Marino in giro in bicicletta gli stavano portando via la citta'.Non c'e' che dire culpa in vigilando per il professore di Genova,incapace di capire che intorno a lui il Mondo di Mezzi si stava prendendo Roma e tutti gli appalti che ci sono dentro.D'altronde per fronteggiare la corruzione non serve le bicicletta ma intenzioni reali,che dimostrino come nel tempo la politica sia in primo piano per denunciarne gli atti corrosivi della societa' civile.Ignazio Marino ha fallito nel suo compito di un Sindaco e' quanto mai quello di vigilare sulla cosa pubblica nelle pieghe dell'amministrazione negli appalti.Marino ha fallito il suo compito e deve andarsene.Roma ha bisogno di un Sindaco autorevole efficace capace di controllare e non farsi soffiare il sellino da sotto il sedere.

Ignazio Marino si candida per un secondo mandato e intanto dispone la rotazione dei dirigenti capitolini «a cominciare dagli incarichi apicali di tutte le strutture». Ma sul Comune di Roma continua a pendere lo spettro dello scioglimento e delle elezioni anticipate e ora anche l’Antimafia accende un focus sul caso Roma. La commissione parlamentare sentirà presto il prefetto e i segretari di partito. «Dobbiamo riprendere il tema del rapporto mafia politica e capire come è cambiato in questi anni», dice Rosy Bindi. «Conosciamo tutti la determinazione del presidente del Consiglio, l’abbiamo vista sullo jobs act e sulla Costituzione e su altri temi, mi auguro che utilizzi un po’ di più questa sua determinazione anche verso la lotta alle mafie», dice la presidente dell’Antimafia sferrando un attacco diretto a Renzi e al suo partito. Il Pd, dice, non si sarebbe accorto di quanto stava accadendo perché sta chiuso nelle stanze a litigare sulle correnti invece di frequentare le periferie.



Leggi la notizia

MILANO - Il petrolio crolla a 58 dollari al barile, ai minimi da oltre cinque anni e mezzo. La Cina rallenta e il Giappone resta in attesa del voto di domenica. Il quadro macroeconomico resta dunque nebuloso: la ripresa si vede solo negli Stati Uniti, dove la Fed potrebbe decidere di rialzare il costo del denaro già nella primavera dell'anno prossimo. Di segno opposto è invece la reazione che gli analisti si aspettano dalla Bce: dopo l'esito dell'asta Tltro di ieri gli addetti ai lavori sono convinti che Mario Draghi lancerà il quantitative easing, l'acquisto di titoli di Stato sul mercato secondario, già a gennaio.  

Leggi la notizia

Ginevra, 12 dic. - E' di 18.188 casi di contagio,di cui 6.583 morti, il nuovo bilancio del virus ebola in Guinea, Liberia e Sierra Leone, fornito dall'Organizzazione mondiale della sanita' (Oms). Il dato e' aggiornato allo scorso 10 dicembre. Negli altri Paesi il numero dei morti e' rimasto invariato: 6 in Mali, uno negli Stati Uniti e 8 in Nigeria, Paese quest'ultimo dove e' stata debellata l'epidemia. In Sierra Leone sono stati contati 8.069 casi di contagio e 1.899 morti. In Liberia, il secondo Paese dell'Africa occidentale piu' colpito dell'epidemia, i contagiati sono 7.765 e 3.222 i morti. In Guinea 2.354 casi di ebola e 1.462 morti. .



Leggi la notizia

"Il governo italiano sa cosa deve essere fatto, e giustamente ha preso iniziative; a fronte dell'alto debito, il consolidamento del bilancio è importantissimo". "L'acquisto di titoli sovrani nell'eurozona QUANTITATIVE EASING che il presidente della Bce Mario Draghi si appresta a varare, va deve essere inquadrato diversamente dalle altre aree monetarie: Usa e Giappone sono Stati unitari con un'unica politica finanziaria, in Europa abbiamo una politica monetaria comune ma con 18 Stati, politiche finanziarie indipendenti,rating sui debiti sovrani frastagliati.Il rischio e' di creare un incentivo a indebitarsi di più scaricando gli effetti sugli altri". "Se anche un solo Paese tra Italia, Francia e Germania non sarà all'altezza della propria responsabilità, avremo tutti un problema". Ecco alcuni dei decisi messaggi che il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, lancia in questa prima intervista esclusiva 

Leggi la notizia

MOSCA (WSI) - Le mosse di politica monetaria volte a rafforzare la valuta russa non sono bastate e il rublo ha toccato un nuovo minimo storico. 

La paura di un'iperinflazione ha spinto i russi a prelevare cash per scambiare rubli in dollari oppure comprare prodotti di prima necessità ora, prima che i prezzi di cibo e altri beni primari salgono ancora.

Gli abitanti di Mosca interpellati da Business Insider hanno raccontato di una corsa agli sportelli del Bancomat e di uno stato d'animo "mai visto prima", "nemmeno durante il crash finanziario del 2008-2009". Allora la Borsa perse più di mille miliardi di capitalizzazione. I mercati del Forex subirono perdite di $210 miliardi con la banca centrale che adottò - sulla falsa riga di quanto avviene oggi - una politica per combattere la repentina svalutazione del rublo.

Leggi la notizia

ATENE (WSI) - Due mesi fa S&P avvertito che la Grecia rischiava il default nel giro di 15 mesi. Sembravano dichiarazioni allarmanti, ma in realtà l'agenzia americana potrebbe essere stata fin troppo ottimista nell'indicare i tempi. Dai primi di marzo il governo, difatti, non sarà più autosufficiente finanziariamente.

La Borsa di Atene, osservata speciale dopo il precipitare della crisi politica, ha esteso le perdite di seduta. L'inversione della curva dei rendimenti, provocata dal balzo dei tassi a breve, indica che il mercato non si fida della solvibilità del debito sovrano.

Al momento l'indice azionario lascia sul campo il -4,3%, con il settore finanziario che perde -5,3%. La Borsa è in calo del -17% nelle ultime tre sedute. 

Leggi la notizia

San Francisco, 11 dic. - Una tempesta, con venti fino 230 chilometri orari, si e' abbattuta sulla California e ha lasciato al buio 150mila persone. 'E' senza dubbio la piu' potente degli ultimi tre anni sulla costa occidentale', ha riferito un portavoce del servizio meteorologico nazionale, Todd Morris. Nella baia di San Francisco sono stati interrotti i collegamenti in traghetto e in citta' sono state chiuse le scuole. La tempesta si sta spostando verso sud e, secondo gli esperti, raggiungera' nelle prossime ore Los Angeles e San Diego. .

Leggi la notizia / Video

Non c'e' alcun dubbio che la speculazione finanziaria attacchera' l'Italia.Il downgrade sul debito sovrano italiano da parte di Standard & Poor's e' un chiaro segnale che unito al crollo della borsa di Atene innestera' la speculazione ribassista sul nostro paese quello spaventoso giro di vite che tende a far implodere l'euro,come moneta alternativa al dollaro.L'Italia e' fragile in questo momento,le mancate riforme,la crisi economica,la folata antieuropeista dei partiti politici,il crollo della borsa di Atene,un mix di ingredienti esplosivi che potrebbero mettere al centro del vortice dei mercati finanziati il target primario, una volta abbattuto creerebbe l'effetto domino sull'intera area euro che i grandi speculatori internazionali cercano da sempre come momento magico per dilaniare il paese e fare soldi a palate.Si scommette contro la tenuta dell'euro,come due anni fa,il banco rida' nuovamente le carte,ma questa volta i piedi di 



Leggi la notizia

MILANO - L'incubo crescita economica zavorra i mercati, preoccupati anche dall'instabilità politica che torna a profilarsi su Atene e la Grecia. L'Iraq segue l'Arabia Saudita nella decisione di tagliare il prezzo del petrolio per difendere la propria quota di mercato: una mossa che da un lato è destinata a sostenere la domanda, ma dall'altro condiziona le società energetiche costrette a rivedere i propri piani industriali. La convinzione dei paesi produttori di petrolio, però, è che la ripresa economica sia più fragile di quanto immaginato. 

Un'ipotesi che in mattinata ha affondato la Borsa di Shanghai, il più grande mercato azionario cinese che ha chiuso la seduta registrando un crollo del 5,43% a 2.856,27 punti, all'indomani del record raggiunto ieri, quando ha superato per la prima volta i 3.000 punti. A quanto pare il "Central Economic Work Conference" - il summit a porte chiuse in cui i vertici del Partito comunista cinese decidono la rotta dell'economia - potrebbe rivedere al ribasso delle stime di crescita per il 2015 dal 7,5% al 7%. 

Leggi la notizia

AGI) - Beirut, 7 dic. - L'aviazione israeliana ha bombardato l'area in cui sorge l'aeroporto internazionale a Damasco. "Il nemico israeliano - ha riferito il canale televisivo di Stato siriano - ha colpito in due aree nella provincia di Damasco, a Dimas e vicino all'aeroporto internazionale. Non vi sono vittime". A Dimas caccia israeliani, ha aggiunto il canale televisivo al-Manar legato a Hezbollah, hanno preso nel mirino diverse piccole strutture aeroportuali. Gia' nel 2013 lo Stato ebraico aveva inviato caccia nella stessa area e allora si disse che l'obiettivo erano trasferimenti di missili dall'Iran a Hezbollah in Libano. (AGI) .

Leggi la notizia

Ilaria, Leiner, Lorenzo, Madh, Emma e Mario fanno il loro ingresso all’X Factor Arena in elevazione. Raggiungono il palco per cantare Counting Stars con gliOneRepublic, ospiti di questa sera. Un opening che mostra tutto il talento dei nostri semifinalisti.

Alessandro dopo aver salutato i giudici introduce la gara. I concorrenti si esibiranno in due manche: nella prima presenteranno il proprio inedito e il concorrente meno votato verrà subito eliminato. Nella seconda manche i talenti si sfideranno tutti contro tutti: i due concorrenti meno votati andranno all’ultimo scontro. Al termine della gara conosceremo il nome dei quattro finalisti. Per la prima volta nella storia di X Factor tutti i semifinalisti hanno scritto personalmente il proprio inedito e dato il proprio contributo anche nelle messe in scena delle performance.



Leggi la notizia / Video

(ANSA)-ROMA,5DIC-Serata di sorprese ieri a X Factor: il ballottaggio finale ha visto l'inattesa eliminazione di Emma e l'ingresso in finale di Mario, con Fedez che è riuscito a portare al live decisivo due suoi concorrenti, Lorenzo e Madh.
    Proprio i due Under 24 sono i nuovi favoriti per la vittoria finale, con Lorenzo ora quotato 2,75 e Madh 3,00. Ilaria ancora una volta ha battuto gli scettici e scende a 4,00, ma è vicinissimo Mario, il vero outsider dell'edizione 2014 del talent show, ora a 4,50.
   

Leggi la notizia / Video